L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 7 luglio 2021

Gli ebrei sionisti non vivono in una società omogenea

“Gli ultra-ortodossi minacciano Israele – più dell’Iran”

Haredim, non gli arabi o l’Iran, sono la più grande minaccia per Israele –

 

Quando un titolo simile appare   sul sionista (laico) Jerusalem Post, è il caso di dare ascolto.  L’articolo è rivelatore e in qualche modo divertente:  mostra che tra i sionisti laicisti e moderni cresce l’intolleranza verso le comunità  ultra-ortodosse, accusate di  campare a spese  dello stato sociale senza lavorare, e di minacciare il primato di Sion come avanguardia  dei “valori LGBT” oltre che delle start-ups innovative…E oltretutto che non riconoscono il SIonismo come erede legittimo della Promessa.

di Dan Perry

L’attuale  rapida espansione di uno “stato nello stato” fatto di Haredi  non può continuare senza porre fine  Israele come democrazia in stile occidentale con un reddito pro capite in grado di rivaleggiare con il Regno Unito o la Francia.

 

 

Le fratture ideologiche rischiano di bloccare i veri cambiamenti necessari  in Israele, in relazione alla minaccia primaria che il paese come è attualmente costituito deve affrontare.

Tale minaccia on viene dai palestinesi, per quanto importanti siano, né dal più  vasto  mondo arabo o addirittura dall’Iran. Il pericolo più grande viene dall’interno: lo stato haredi nello stato in rapida espansione la cui dinamica attuale non può continuare senza porre fine al  paese come democrazia di stile occidentale con un reddito pro capite in grado di rivaleggiare con la Gran Bretagna o la Francia.

Come sappiamo, gli haredim si   attengono a una rigida interpretazione dell’ebraismo che non tollera  deviazioni dall’ antica precettistica. Haredi si possono trovare negli Stati Uniti, in Belgio, in Gran Bretagna e altrove, formando sempre comunità affiatate, ma solo in Israele  hanno  messo compartimento stagno  tra loro ei concittadini.

Questa situazione può essere ricondotta alla decisione, circa 70 anni fa,  di David Ben-Gurion di concedere esenzioni dal progetto agli studenti delle yeshivot. Allora questo si applicava a  poche centinaia di veri studiosi  talmudici.

Questa disposizione ha trasformato lo studio della Torah in un’ossessione senza precedenti in cui tutti gli uomini haredi sono spinti a  “studiare al  di seminario”  per tutta la vita, prima per evitare la leva e poi essenzialmente come fonte di benefici previdenziali e sociali. Mentre altri studenti universitari pagano le tasse scolastiche, gli haredim ricevono stipendi per tutto il tempo in cui studiano, se vogliono  per tutta la vita. Oltre 150.000 uomini ora in queste scuole sono indottrinati nella fede che rigidità e  i rabbini  portano a sostituire alle leggi e autorità  dello stato.

Per mantenere l’insularità, la maggior parte dei liceali haredi viene mandata nelle scuole della comunità   haredi: che insegnano poca o nessuna matematica, scienze e inglese; nei giorni scorsi il rabbino capo di Israele, che è haredi, ha definito “assurdità” tali studi su argomenti secolari. Israele finanzia queste scuole anche se i loro  “laureati” sono essenzialmente inoccupabili in un’economia moderna.

Di conseguenza, meno della metà degli uomini haredi fa parte della forza lavoro, il livello di partecipazione più basso di qualsiasi altro i gruppo in Israele e, significativamente, molto meno degli haredi in altri paesi. La minoranza che “lavora” tende a popolare una vasta burocrazia religiosa che include supervisori dei bagni rituali mikvaot,   quelli che certificano  quali alimenti sono  “kasher” , e altri apparatchik (talmudici)  simili .

 

Alle  donne della comunità  è vietato presentarsi nelle liste dei candidati dei partiti haredi, ma incoraggiate a procreare con un tale vigore da produrre in media 7,1 bambini, molto più che in qualsiasi altro  gruppo  in Israele. Vivono in una povertà resa minimamente tollerabile dai sussidi statali per ogni bambino, a carico degli  israeliani che  lavorano davvero. Così la comunità  raddoppia  di numero ogni 16 anni, quattro volte il tasso del resto d’Israele. Gli haredim sono cresciuti fino a raggiungere circa il 12% dei 9,5 milioni di persone, quasi il 20% degli ebrei del paese. A meno che qualcosa non cambi  costituiranno la maggioranza degli ebrei di Israele in pochi decenni.

Chiaramente questa struttura economica potrebbe benissimo crollare, e l’haredim dovrà  mettersi  a lavorare. Forse gli haredim potrebbero darsi da fare per cambiare in qualche modo le loro abitudini. Ma è difficile vedere che ciò accada abbastanza velocemente da far sopravvivere la “Start-up Nation”,  l’altra Israele   che è leader mondiale nella cybertecnologia, nell’agrotech e nel capitale di rischio,   che è piena di premi Nobel e di  format televisivi esportati, che  è  leader mondiale per i diritti degli omosessuali e la depenalizzazione della cannabis e ha sviluppato Iron Dome… In effetti, è difficile vedere un tale Israele costringere i laici capaci e intraprendenti a rimanere; ci si può aspettare che le persone più intraprendenti e produttrici di quanto sopra scappino, emigrino,  e portino con sé le loro capacità di innovazione globale.

Le TENSIONI sono state a lungo alte a causa delle esenzioni alla leva, un punto critico amplificato dal supporto haredi quasi  totale per la destra (ironico, data l’opposizione degli haredi al sionismo). Molti vedono questo come perpetuare un conflitto in cui si rifiutano di combattere (sono anche una sproporzione dei coloni della Cisgiordania).

La crisi del COVID-19 ha ulteriormente alzato la temperatura quando una fetta considerevole della popolazione haredi ha rifiutato di chiudere le scuole e porre fine a grandi raduni per preghiere, matrimoni o funerali, finendo con tassi di infezione spettacolarmente alti (esacerbati dalle condizioni di vita in  tuguri sovraffollati ) che hanno contribuito a Israele essere il leader mondiale del 2020 nelle giornate nazionali di lockdown. Netanyahu ha rifiutato le sollecitazioni degli esperti per  lockdown  mirati per paura di sconvolgere gli haredim. Notizie  di haredim che impongono la segregazione di genere o impediscono alle donne di cantare in pubblico causano ulteriore angoscia, così come le continue interferenze dell’haredi con i trasporti pubblici e il commercio durante lo Shabbat.

È per rispetto degli haredim che Israele continua a concedere a tutte le religioni il monopolio sul matrimonio formale, e  ha ceduto all’ebraismo ortodosso, con il suo approccio rigoroso, l’autorità di certificare le  conversioni. Così molti degli immigrati di lingua russa non sono riconosciuti come ebrei e le coppie miste in generale sono spinte all’assurdità di viaggiare all’estero per sposarsi.

L’intera situazione  è accettata e finanziata dalla maggioranza israeliana non haredi,  il cui stile di vita è destinato a distruggersi in virtù del tasso di natalità di quelli. In parte ciò è dovuto alla paura di essere etichettati come intolleranti – un classico problema dei liberali nell’affrontare l’illiberalismo.

È possibile che Israele trovi un modo per riformare il suo patto con gli haredim, applicando anche a loro un curriculum di base per gli studi, ponendo fine agli stipendi della yeshiva, ridimensionando i sussidi ai bambini, annullando le esenzioni alla leva e ignorando i loro desideri in materia di matrimonio, conversioni e Sabbath.

È persino ipotizzabile che ciò possa avvenire nell’ambito del governo del cambiamento, che non fa affidamento su partiti haredi. I partiti di destra nella coalizione – incluso Yamina del primo ministro Naftali Bennett – contengono membri religiosi, ma si tratta di persone religiose più moderne come lo stesso Bennett , che potrebbero semmai voler salvare il marchio del giudaismo dagli haredim.

Perché i partiti di destra si uniscano al centrosinistra nel rovesciare l’attuale marcia suicida, dovrebbero abbandonare ogni speranza per un futuro governo che sia uniformemente di destra – perché la destra non può raccogliere più del 40% forse dei seggi nel Knesset senza di loro.

Ciò significa che il destino di Israele spetta ai palestinesi. Se Israele e i palestinesi troveranno un modo per raggiungere la pace (o almeno debellare il conflitto), scomparirà una questione critica che dà il significato di destra in Israele.

Se non lo fanno, allora la destra potrebbe non trovare mai il coraggio di rompere con decisione con il suo lato haredi.

Chiunque si preoccupi della sopravvivenza di Israele ha quindi una seconda ragione per desiderare la pace  con  i palestinesi.

L’autore è l’ex redattore per il Medio Oriente con sede al Cairo ed editore per l’Europa/Africa con sede a Londra dell’Associated Press, ed ex presidente della Foreign Press Association a Gerusalemme. È il managing partner della società di comunicazioni Thunder11 con sede a New York. Seguilo su Twitter: @perry_dan

 

Gli Haredim, che significa “coloro che tremano davanti a Dio”, rifiutano la cultura e i valori secolari. Mediano la loro partecipazione alla società secolare attraverso numerose barriere – precetti religiosi, scelte educative e occupazionali, lingua e abbigliamento, tra le altre – e quindi mantengono un complesso equilibrio di impegno e separazione.  La citttà più haredi  non è però Jerusalemme, bensì New York:  170 mila studenti sono iscritti nelle varie scuole rabbiniche (yeshivoth) di cui 110 rigidamente chassidiche.


https://www.maurizioblondet.it/gli-ultra-ortodossi-minacciano-israele-piu-delliran/

Nessun commento:

Posta un commento