L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 19 luglio 2021

Guerra Illimitata - qualcuno ha voluto testare i tempi di reazione del sito del ministero della difesa russo

Russia: ministero Difesa, attaccato sito internet

Scritto da Marco Paganelli
Categoria: Politica Estera Pubblicato: 17 Luglio 2021


(ASI) Il sito internet del ministero della Difesa della Russia è stato preso di mira ieri da un attacco DDoS (Distributed Denial of Service).

Lo ha dichiarato, nelle ultime ore in una nota, il medesimo dicastero. L’ azione è accaduta intorno alle 10 del mattino, ora di Mosca (9.00 ora italiana), causando l'interruzione dell'accesso allo spazio web.

Esso è tornato a funzionare regolarmente dopo circa due ore. Il dipartimento di sicurezza informatica dell'agenzia sta attualmente lavorando per respingere eventuali effetti negativi dell’ offensiva cyber

La fonte dell'attacco informatico, ancora al momento ignota e stabilita come situata al di fuori della nazione di Vldimir Putin, non ha causato danni all'infrastruttura.

Secondo l'agenzia, gli specialisti IT stanno cercando di neutralizzare qualsiasi potenziale impatto che l'attacco potrebbe aver avuto.

Il Denial of Service (DoS - in italiano ‘negazione del servizio’) significa, in ambito informatico, un malfunzionamento dovuto ad un attacco informatico in cui si fanno esaurire deliberatamente le risorse di un sistema che fornisce un servizio ai clienti, ad esempio un sito web su un web server, fino a renderlo non più in grado di erogare il servizio ai richiedenti. Questo avviene generalmente inondando il server che gestisce tutto ciò.

Quando il traffico, che inonda la vittima, proviene da molte fonti differenti contemporaneamente si parla di Distributed Denial of Service in sigla DDoS. Per rendere l’idea, la situazione è paragonabie al momento in cui troppe persone vogliono passare contemporaneamente attraverso la stessa porta. Il flusso si blocca e tutto si ferma. Il fenomeno può avvenire in maniera accidentale, per effettivamente eccessiva richiesta, oppure, molto più probabile nell' ambito informatico, per un' azione di origine dolosa.

Marco Paganelli – Agenzia Stampa Italia

Nessun commento:

Posta un commento