L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 17 luglio 2021

Italia l'ultimo baluardo nel decadentismo dell'Occidente tutto

Pazzesco. L’Economist accusa l’Italia del calcio di razzismo

16 Luglio 2021, di Leopoldo Gasbarro
The Economist ha pubblicato un articolo davvero assurdo in cui accusa di razzismo l’Italia del calcio lamentando l’assenza di giocatori di colore in formazione. Dove sta davvero il razzismo? Nelle accuse infondate della rivista o nella composizione dell’undici campione d’Europa?

“L’aspetto più sorprendente – scrive The Economist – è che tra i 26 convocati dell’Italia non ci fosse un solo giocatore considerato di colore”.

L’articolo prosegue suggerendo che la vittoria della squadra sull’Inghilterra nella finale degli Europei è stata una “vittoria… per la destra italiana”, presumibilmente perché la prima squadra dell’Inghilterra includeva diversi giocatori di colore mentre l’undici titolare dell’Italia non ne conteneva alcuno.

Incredibile no?!

Tra le tante prese di posizione, anche sull’account di twitter della rivista, non mancano attacchi molto forti al giornale stesso. Ma al di là di indignazione e dello sconcerto per un commento che non può avere una base reale e logica su cui essere edificato, ci sono anche risposte molto più intelligenti, dal punto di vista delle argomentazioni, rispetto a ciò che è riportato nell’articolo stesso.

Come questa di un altro giornalista che scrive in risposta a The Economist:

“Le statistiche demografiche illustrano come sia perfettamente normale che l’Italia non abbia giocatori di colore. A differenza di molti altri paesi europei, la popolazione nera italiana è relativamente bassa: circa l’1,5%, mentre oltre il 92% del paese è di etnia italiana o bianca. Ciò significa che dei 26 convocati dell’Italia per gli Europei, statisticamente ti aspetteresti che solo 0,39 giocatori della loro rosa siano neri. In realtà, l’Italia ha portato un giocatore di colore in rosa agli Europei – Moise Kean – quindi i giocatori di colore erano sovra rappresentati nella squadra italiana rispetto ai dati demografici nazionali.

Il motivo per cui Kean non ha iniziato la partita insieme ai componenti dell’undici titolare è dettato solo da scelte tecniche dell’allenatore, Roberto Mancini, e non certo dal colore della sua pelle. Ma molti si chiedono perché si guarda solo alle squadre composte da bianchi e non a quelle di colore? Da che parte sta il razzismo?
Da quella di chi evidenzia aspetti strumentali a commenti politici o da situazioni che sono normali e che in questo caso The Economist ha utilizzato in maniera strumentale? Perché nelle stesse pagine nessuno si lamenta del fatto che la formazione del Ghana non ha giocatori bianchi?

La strumentalizzazione o la scarsa attitudine a raccontare i fatti per come sono passa anche per la BBC. BBC News ha anche recentemente evidenziato il presunto razzismo inglese.
Dipendente da cosa? Dal fatto che le aree rurali dell’Inghilterra siano al 98% bianche. E’ come se pretendessimo che nel cuore dell’ Africa nera ci fossero tanti bianchi.

Vi sembra normale tutto questo?

Nessun commento:

Posta un commento