L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 15 luglio 2021

NoTav - la procura di Torino aveva insabbiato tutto nel 2019 ma ci sono veleni a Salbertrand

Tav, cromo esavalente nei terreni di Salbertrand. La Procura indaga

Luglio 14, 2021


Le condizioni ambientali di un terreno nella zona di Salbertrand sono al centro di un fascicolo di inchiesta della procura di Torino. Il fascicolo era già stato aperto nel 2019 con l’ipotesi di violazione delle norme in materia ambientale: allora la zona era stata messa sotto sequestro dalla guardia di finanza ed era stata poi dissequestrata l’anno successivo.

Ora l’attenzione sulla questione si riaccende dopo che il Comune di Salbertrand si è costituito parte offesa. Nel documento depositato in procura dall’Ente si osserva anche la presenza di cromo esavalente, altamente cancerogeno per l’uomo, nella falda freatica dei terreni che tra l’altro sarebbero interessati dai lavori Tav e in futuro potrebbero essere destinati alla fabbricazione dei conci per il cantiere.

“Abbiamo chiesto di svolgere ulteriori approfondimenti. La situazione non può essere sottovalutata” ha dichiarato Roberto Pourpour, sindaco di Salbertrand precisando come una serie di rilevazioni eseguite da una società specializzata per conto di Telt hanno portato alla scoperta di valori di cromo esavalente fuori norma nella falda freatica.

“La zona in questione – aggiunge – è a rischio idrogeologico ed è in parte interessata da una frana. Non è da trascurare neppure l’incidenza della contaminazione da amianto, visto che in uno dei punti sotto osservazione sono stati registrati valori assai elevati”.

Nessun commento:

Posta un commento