L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 2 agosto 2021

Il commissario alla salute di Euroimbecilandia si trova 4 milioni sul conto non si ha notizie di motivazioni e continua a fare ordini per i vaccini sperimentali che sono chiaramente aumentati da qualche parte devono uscire.... quei milioni che hanno trovato casa a Cipro. Solo la golosità di soldi può permettere la privatizzazione delle cure oncologiche togliendole all'assistenza di stato

Dopo i rincari Pfizer alla UE, sorge un ricordo improvviso
Maurizio Blondet 2 Agosto 2021

La Kommissaria UE alla Salute si trova 4 milioni sul conto
Maurizio Blondet 11 Maggio 2021

Nessuna correlazione

Stella Kiriakides, è commissaria UE alla Salute. Cipriota, aveva firmato i contratti vaccino-covid con aziende farmaceutiche e improvvisamente sul suo conto bancario privato erano stati accreditati 4 milioni di euro, la cui origine era difficile da spiegare. I media ciprioti hanno cercato di “mettere una pezza” parlando di corruzione passiva.

I media mainstream tacciono, al punto da far credere a una fake news. La scoperta si deve, pare, ai media ungheresi, col dente avvelenato perché, dopo che Orban – prevedendo il pasticci e i ritardi vaccinasti della Von der Leyen con la pretesa di acquisto centralizzato clamorosamente fallita, ed avendo provveduto comprando il vaccino russo, ha visto la UE istigare e mobilitare l’opposizione interna ungherese per provocare un regime change a Budapest.

Sicché il giornalista magiaro Miklos Omolnar, direttore dei tabloid e delle riviste di Mediaworks, questa volta ha trovato tangenti per 4 milioni di euro piovute sul conto della Kommissaria. “Uno dei più grandi scandali di corruzione nella storia dell’Unione europea ci si sta avvenendo sotto il naso, ma poiché la storia è brutta, la maggior parte dei media europei, media autoproclamati, non vede, non sente, né parla, come al solito” , scrive borsonline.hu. “Stella Kirikádes, il commissario per la salute che ha firmato i contratti di vaccinazione tardiva dell’UE, è stata coinvolta in uno scandalo di corruzione inaccettabile. Molti sono già certi che sia corrotta dai produttori di vaccini”.

Il denaro è atterrato sul conto di famiglia del commissario attraverso la Banca cooperativa di Cipro di proprietà statale; hanno cercato di mascherarlo come una sorta di prestito. Ma la cifra è troppo grande per essere semplicemente presentata così, perché il Commissario europeo per la salute non ha alcuna garanzia reale per contrarre un prestito di queste dimensioni. Come ha già affermato una relazione della Corte dei conti cipriota: questo stata non può essere un prestito, come ha affermato il ministro. Stella Kirikádes non sarebbe in grado di rimborsare questa enorme somma, né dal suo stipendio né da altre fonti, cioè è chiaramente un travestimento di corruzione.

Qualche anno prima, nella veste di ministra della Sanità cipriota, Stella Kirikiades e la sua rete di complici, decisero di privatizzare tutti i trattamenti oncologici sull’isola di Cipro e ciò provocò un’esplosione tremenda del costo della cura del cancro. ll nome di una famiglia che si arricchisce grazie ai malati di cancro è diventato un grande scandalo in tutto il paese. Quando la situazione è diventata insostenibile, la questione è stata sottoposta al parlamento cipriota. Tutti i parlamentari hanno votato per nazionalizzare le cure contro il cancro, per ridurre il costo del trattamento, tranne la deputata Stella Kirikiades.

Oggi è commissario europeo alla Salute, firmataria dei contratti di vaccinazione già criticati da tutti. La notizia è alquanto illuminante del modus operandi europeo, lontano dagli sguardi indiscreti degli elettorati e con la benevolenza della magistratura. Se la Commissaria s’è trovata con 4 milioni sul conto, sarebbe bello sapere quanti s e n’è trovata Ursula. E perché non qualcuno dei nostri ministri?

Fonte:


Nessun commento:

Posta un commento