L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 9 agosto 2021

Molti giovani si prestano a fare da cavie, il Passaporto dei vaccini sperimentali è il grande strumento di pressione ricattatorio. Sana paura per il generale preposto all'operazione


Vaccino Covid, Figliuolo punta sui giovani: ecco il piano per immunizzare gli adolescenti
CRONACAFOTOGALLERY
09 ago 2021 - 09:3310 foto©LaPresse

Il commissario straordinario per l’emergenza coronavirus ha spiegato che l’obiettivo è coinvolgere la fascia 12-19 anni “anche in modo attivo e mirato, con iniziative quali corsie preferenziali presso gli hub senza prenotazioni” e grazie a “figure importanti come i medici di base, i pediatri di libera scelta e i farmacisti”

1/10©Ansa

In Italia, secondo l’ultimo aggiornamento delle 06:14 del 9 agosto, sono 34.453.812 le persone vaccinate con ciclo completo contro il Covid. Si tratta del 63,79% della popolazione over 12: un dato che si avvicina a quell’80% a cui si punta per fine settembre per raggiungere l’immunità collettiva

2/10©Ansa

Un settembre su cui sono puntati gli occhi soprattutto per la ripresa della scuola in presenza, un obiettivo che rende fondamentale procedere con la vaccinazione della fascia 12-19 anni, l’ultima ad aver avuto il va libera all’immunizzazione

3/10©Ansa

Per questo la struttura commissariale del generale Francesco Paolo Figliuolo - anche alla luce della recente approvazione da parte dell’Aifa del farmaco Moderna per la fascia 12-19 anni - ha concepito un nuovo piano per la vaccinazione degli adolescenti

4/10©LaPresse

L’obiettivo, ha spiegato Figliuolo al Corriere della Sera, è “coinvolgere i giovani anche in modo attivo e mirato, con iniziative quali corsie preferenziali presso gli hub senza prenotazioni”

5/10©Ansa

Fondamentali, spiega il commissario, anche “figure importanti come i medici di base, i pediatri di libera scelta e i farmacisti”

6/10©Ansa

“Nella fascia dei giovani stiamo già andando bene, visto che, da un recente rilevamento effettuato dal Financial Times, è emerso che l’Italia è terza nel mondo per vaccinazioni ai giovani di età compresa tra i 12 e i 18 anni”, ha detto ancora Figliuolo al Corriere della Sera

7/10©Ansa

“Anche in questo periodo, maggiormente dedicato alle vacanze, la propensione alla vaccinazione tra i giovani è rimasta alta - ha aggiunto il commissario - È proprio nella classe tra i 12 e i 29 anni che stiamo registrando il maggior numero di prime somministrazioni”

8/10©Ansa

“I vaccini ci sono e la loro disponibilità è tra l’altro destinata a crescere in maniera considerevole, da subito dopo Ferragosto, grazie all’azione del presidente Mario Draghi in ambito europeo”, ha concluso Figliuolo

9/10©Ansa

L’8 agosto alle 19, spiega il Corriere della Sera, in un solo giorno oltre 64mila ragazzi tra i 12 e i 19 anni hanno ricevuto la prima dose di vaccino anti Covid

10/10©LaPresse

Secondo l’ultimo aggiornamento delle 06:14 del 9 agosto, 1.011.000 ragazzi nella fascia 12-19 anni hanno completato il ciclo vaccinale (21,85%), mentre 1.784.768 hanno ricevuto la prima dose (38,57%)

Nessun commento:

Posta un commento