L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 6 agosto 2021

Per scelta ideologica Euroimbecilandia dice NO allo Sputnik V

EUROPA 04 Agosto 2021 17:25
Per von der Leyen ancora "dubbi" su Sputnik V. Lavrov: dall'EMA nessuna "lamentela"

La Redazione de l'AntiDiplomatico


I vaccini contro il Covid-19 dimostrano di essere sempre più un'arma geopolitica.

Oggi, un'altra dimostrazione dall'Unione Europea.

Infatti, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato che l'Agenzia europea per i medicinali (Ema) non dispone di dati sufficienti sulla sicurezza del vaccino russo Sputnik V contro il coronavirus per approvarne l'uso.

In un'intervista alla rete tedesca di newsroom (RND), il capo della Commissione ha ricordato che la richiesta di approvazione è stata presentata all'EMA molto tempo fa.

Tuttavia, "finora, il produttore non è stato in grado di fornire dati sufficienti e validi per dimostrare la sicurezza" del farmaco, il che "solleva dubbi", ha sottolineato Von der Leyen.

L'agenzia europea ha avviato il processo di valutazione dello Sputnik V il 4 marzo scorso.

Il direttore del Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), Kirill Dmitriev, ha sottolineato all'epoca che il fondo ha fornito all'EMA "tutti i dati necessari sul vaccino". Il farmaco russo "ha il potenziale per dare un contributo fondamentale per salvare milioni di vite in Europa", ha ricordato il funzionario, che ha difeso la necessità che la collaborazione nel campo dei vaccini sia "al di sopra della politica".

Lavrov: "Nessuna denuncia dall'Ema"

Da parte sua, il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha assicurato in un'intervista al quotidiano Komsomólskaya Pravda che i rappresentanti dell'Agenzia europea per i medicinali non hanno espresso "lamentele" sul vaccino Sputnik V e sulla sua efficacia.

Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri ha definito "infondati" gli attacchi occidentali ai vaccini russi, sottolineando il crescente "grado di retorica aggressiva" da parte di alcuni rappresentanti dell'Ue e dei suoi Stati membri.

Inoltre, il capo della diplomazia russa ha sottolineato che gli esperti dell'RDIF e del Centro Gamaleya di Mosca "danno rapidamente risposte dettagliate a qualsiasi domanda specifica" sull'antidoto russo, che è già utilizzato in quasi 70 paesi in tutto il mondo, tra i quali otto europei.

"Siamo convinti che non dovrebbe esserci posto per la politica quando si tratta della salute e della vita delle persone", ha sottolineato Lavrov, sperando che l'Unione Europea ne tenga conto "in tutte le fasi successive dell'esame della richiesta russa" .

Il cancelliere russo ha ricordato anche gli esempi "molto rivelatori" di San Marino - dove l'uso del vaccino russo ha contribuito a ridurre i casi di coronavirus - e dell'Argentina, dove sono già state inviate quasi 11 milioni di dosi, il cui uso diffuso "ha alleggerito la situazione" della popolazione e ha contribuito alla diminuzione del tasso di diffusione della malattia.

Nessun commento:

Posta un commento