L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 6 settembre 2021

Ci hanno preso gusto e come era prevedibile ogni sei mesi inoculo vaccini a modificazione genetica. Oggi l'influenza covid domani si inventeranno qualche altro agente patogeno, ormai la scaletta è segnata non se ne esce più e ci sarà sempre il passaporto dei vaccini sperimentali come una mannaia a obbligare i riottosi

Israele: iniziare a prepararsi per l’eventuale 4a dose

Maurizio Blondet 5 Settembre 2021

Sabato lo zar nazionale israeliano del coronavirus ha chiesto al paese di iniziare a prepararsi per somministrare infine le quarte dosi del vaccino contro il coronavirus.

“Dato che il virus è qui e continuerà ad esserci, dobbiamo anche prepararci per una quarta iniezione”, ha detto Salman Zarka alla radio pubblica di Kan.

Zarka ha anche affermato che la prossima puntura di richiamo potrebbe essere modificato per proteggere meglio dalle nuove varianti del virus SARS-CoV-2 che causa il COVID-19, come il ceppo Delta altamente infettivo.

“Questa è la nostra vita d’ora in poi, a ondate”, ha detto.

se impariamo le lezioni dalla quarta ondata, dobbiamo considerare la [possibilità di successive] onde con le nuove varianti, come quella nuova dal Sud America”, ha detto all’epoca.

“E pensando a questo e alla diminuzione dei vaccini e degli anticorpi, sembra che ogni pochi mesi – potrebbe essere una volta all’anno o cinque o sei mesi – avremo bisogno di un’altra possibilità”.

Zarka ha detto che si aspetta che entro la fine del 2021 o all’inizio del 2022 Israele darà colpi particolarmente adatti per far fronte meglio alle varianti.

Israele, il primo paese a offrire ufficialmente una terza dose, ha iniziato la sua campagna di richiamo COVID il 1° agosto, estendendola a tutti coloro che hanno più di 60 anni. Ha poi gradualmente abbassato l’età di ammissibilità, estendendola la scorsa settimana a tutti coloro che hanno 12 anni e su chi ha ricevuto il secondo colpo almeno cinque mesi fa.

A partire da venerdì, oltre 2,5 milioni di israeliani avevano ricevuto la terza dose.

Zarka ha fatto commenti simili in un’intervista con The Times of Israel il mese scorso.

Ministero della Salute la scorsa settimana ha anche annunciato che il sistema “Green Pass” – un documento che consente l’ingresso in determinati assembramenti e luoghi pubblici per coloro che sono vaccinati o si sono ripresi dal coronavirus – scadrà sei mesi dopo che il titolare ha ricevuto il secondo o il terzo dose, suggerendo che una quarta dose può essere somministrata in sei mesi.

Venerdì, il ministero della Salute ha segnalato 11.269 nuovi contagi da coronavirus il giorno prima. La cifra di giovedì è stata leggermente inferiore al record giornaliero di 11.274 infezioni confermate mercoledì.

Nonostante l’aumento delle infezioni, i casi gravi hanno iniziato a diminuire dal picco di 753 di domenica, con il Ministero della Salute che ha riferito che 654 persone erano in gravi condizioni a causa delle complicazioni di COVID-19 a partire da venerdì pomeriggio.

Il tasso di positività dei test giovedì è stato dell’8,43 percento, il più alto che sia stato durante l’attuale ondata di morbilità. Il bilancio delle vittime è di 7.129.

Leggere anche Comedonchisciotte:

….

In Israele, ufficialmente, coloro a cui sono state iniettate due dosi del cosiddetto “vaccino” Pfizer non vengono più conteggiati come vaccinati.

Cosa significa questo?

Beh, prima di tutto, significa che tutte le persone “vaccinate” possono dire addio alle loro libertà recentemente acquisite, a meno che non siano disposte a fare almeno un altro richiamo.

Secondo il Wall Street Journal [articolo a pagamento]:

“I possessori del passaporto vaccinale israeliano devono ottenere una terza dose del vaccino Pfizer-BioNTech entro sei mesi dalla loro seconda dose o perderanno il cosiddetto greenpass che permette loro un maggior grado di libertà.”

E ANSA:

Piano Casa Bianca da 65 miliardi contro future pandemie
‘Probabilità di un’altra peggiore del Covid’

Nessun commento:

Posta un commento