L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 28 settembre 2021

Cina, si viaggia verso l'energia pulita?

Fornitori cinesi di Apple e Tesla sospendono la produzione per “risparmio energia”

Maurizio Blondet 27 Settembre 2021

Nove (9) province cinesi hanno ricevuto ordini dall’alto per tagliare il consumo di elettricità. Il Guangdong ha emesso una guida secondo cui l’aria condizionata non dovrebbe essere inferiore a 26c e gli ascensori negli edifici commerciali non sono aperti fino al 3° piano – per combattere le #emissione di carbonio e l’ #inflazione. E una reale scarsità-rincaro delle materie prime energetiche.

Conseguenza: diversi fornitori di Apple e Tesla hanno annunciato la sospensione delle operazioni di produzione in Cina a causa di vincoli elettrici locali.

L’ultimo è Pegatron, che assembla iPhone negli stabilimenti di produzione di Kunshan e Suzhou, ha annunciato lunedì che “sta adottando misure di risparmio energetico per conformarsi alle direttive politiche del governo locale”, secondo Bloomberg .

Pegatron ha detto domenica che tutte le operazioni stavano funzionando normalmente e ha preparato fonti alternative di generatori di energia nel caso in cui il governo riducesse o interrompesse l’energia ai loro impianti.

Fonti hanno riferito a Bloomberg che la struttura per iPhone di Pegatron a Kunshan sarà quella maggiormente colpita.

“Negli ultimi anni Pegatron ha adottato misure di risparmio energetico e idrico ed esiste un programma di risposta completo per la situazione attuale per ridurre l’impatto sulle nostre operazioni e capacità produttiva”, ha affermato la società in una nota.

Non è immediatamente noto quali saranno le interruzioni della catena di approvvigionamento per Apple e Tesla. Anche altri fornitori hanno avuto l’interruzione dell’elettricità e dureranno da pochi giorni fino alla fine del mese.

* * *

I limiti energetici cinesi sono peggiorati durante il fine settimana quando i principali fornitori di Apple e Tesla hanno interrotto la produzione in alcuni impianti di produzione a causa della politica di consumo energetico più rigida di Pechino, secondo fonti Nikkei .

La sussidiaria di Foxconn Eson Precision Engineering, uno dei più grandi assemblatori di iPhone al mondo e fornitori di componenti per Apple e Tesla, ha annunciato oggi di aver sospeso la produzione da domenica a venerdì nei suoi stabilimenti nella città cinese di Kunshan in risposta alle misure ambientali della città.

“La società sfrutterà il proprio inventario per mantenere l’operazione mentre la produzione è interrotta”, ha scritto Eson in un rapporto alla borsa di Taiwan. “Prevediamo di organizzare la produzione nei fine settimana o nelle prossime festività [il mese prossimo] per soddisfare le esigenze dei clienti”.

Già prima abbiamo notato che diverse province con i migliori centri industriali stavano vivendo un giro di vite sul consumo di energia da parte di Pechino. Ciò avviene poiché l’impennata della domanda di energia ha aumentato i prezzi del carbone e del gas naturale , e va contro la promessa di Pechino di ridurre le emissioni.

Fonti hanno affermato che Unimicron Technology Corporation, un importante produttore di circuiti stampati e uno dei principali fornitori di mele con stabilimenti a Suzhou e Kunshan nella provincia di Jiangsu, è stato costretto a sospendere la produzione fino alla fine del mese. La società ha rilasciato un aggiornamento domenica e ha affermato che aumenterebbe la produzione altrove per compensare la perdita di produzione.

Il fornitore di altoparlanti per iPhone Concraft Holding ha rilasciato domenica un documento in cui affermava che i suoi impianti di produzione a Suzhou sarebbero stati sospesi per cinque giorni.

Fonti hanno affermato che gli impianti di produzione di Foxconn a Longhua, Guanlan, Taiyuan e Zhengzhou devono ancora essere interessati dalle restrizioni sull’alimentazione.

Un altro fornitore di chip, Chang Wah Technology, che produce componenti per NXP, Infineon e ASE Tech Holding, ha annunciato di dover sospendere la produzione domenica fino alla fine del mese per rispettare l’ordine del governo.

Altri rapporti indicano che le interruzioni di corrente sono più frequenti. Insomma PEchino non sta fingendo e bluffandio: è a corto di energia davvero.

Shenyang, capitale della provincia di Liaoning, nel nord-est della Cina, ha attraversato un improvviso e inaspettato calo di energia elettrica. Dozzine di province in tutto il paese stanno affrontando un problema di alimentazione a causa della ricerca del governo di ridurre le emissioni di carbonio, anche se l’offerta di carbone rimane adeguata.


Nessun commento:

Posta un commento