L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 10 settembre 2021

Come sempre la furia ideologica dei sionisti si scaglia contro gli innocenti. Diritto internazionale fottiti e perseveranza in crimini umanitari questi sono gli ebrei

Come Israele sfoga la sua pessima figura? Arrestando innocenti

-09/09/2021


Eh sì, la scorsa notte i sionisti verdi per la pessima figura fatta, hanno arrestato diversi membri delle famiglie dei sei prigionieri palestinesi fuggiti verso la libertà dal carcere di massima sicurezza degli aguzzini sionisti.

Non contenti e molto repressi, i mercenari dell’idf si sono dati al saccheggio delle case palestinesi ad Arabbuna, a nord della città occupata di Jenin, in Cisgiordania, da dove provengono gli eroi per la libertà. Hanno arrestato quattro esponenti della famiglia di Ardah, perché secondo il famigerato spione dello Shin Bet, sarebbe stato lui la mente della fuga.

Ancora sotto effetto della vergogna e come i neonati quando gli si toglie la caramella, sono corsi ad arrestare Yacoub Infaat, padre di un altro eroe della libertà, dopo aver fatto irruzione nella sua casa, distruggendola, a Ya’bad, a ovest di Jenin.

Tutte queste azioni sono state segnalate a tutte le agenzie internazionali dei diritti umani, per dimostrare come gli israeliani, in ogni loro azione, non rispettino le leggi internazionali e i trattati a difesa dei civili.

Sembra che abbiano dimenticato il passato e che, il passato, abbia insegnato loro solo a comportarsi peggio di ciò che successe nei secondi vent’anni del secolo scorso.

Nessun commento:

Posta un commento