L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 11 settembre 2021

I ricercatori italiani Dr. Gatti e Dr. Stefano Montenari i cui laboratori sono stati perquisiti dalla polizia poco dopo aver pubblicato le loro scoperte su metalli e nanoparticelle in tutti i vaccini nel 2018

L’angolo del Complottista: Nano-ossido di grafene in quantità elevate trovato a Moderna, altri vaccini, anche vaccino antinfluenzale Sanofi e soluzione salina

Maurizio Blondet 10 Settembre 2021

il Nano Graphene Oxide in quantità elevate è stato trovato anche nel vaccino Moderna, in un vaccino antinfluenzale Sanofi-Pasteur chiamato Vaxigrip Tetra, in “tutti i vaccini” e ora in soluzione salina da diverse squadre di spagnoli e ricercatori argentini, come riportato recentemente da La Quinta Columna e Orwell City, nonché dal gruppo Info Vacunas.

Queste nuove scoperte, che confermano le recenti scoperte dei ricercatori dell’Università di Almeria e La Quinta Columna tramite la microscopia elettronica e ottica dell’ossido di grafene nei vaccini Pfizer e Astrazeneca, sono anche rafforzate dalle precedenti scoperte pubblicate dei ricercatori italiani Dr. Gatti e Dr. Stefano Montenari i cui laboratori sono stati perquisiti dalla polizia poco dopo aver pubblicato le loro scoperte su metalli e nanoparticelle in tutti i vaccini nel 2018.
Nano ossido di grafene trovato al microscopio elettronico in “Tutti i vaccini” segnalato dal Dr. Andreas Kalcker e dal team


Il Dr. Andreas Kalcker, un noto ricercatore biofisico tedesco con sede in Spagna che ha utilizzato con successo CDS o biossido di cloro per curare il “COVID”, ha confermato che l’ossido di grafene è presente in “tutti i vaccini”, come riportato qui: Il team di Andreas Kalcker conferma la presenza di ossido di grafene nei “vaccini”| 23 luglio 2021
L’intervista video in cui il Dr. Kalcker e il team hanno dato la notizia delle sue scoperte, come descritto in un commento video di Drs. Delgado e Sevillano di La Quinta Columna possono essere trovati qui su Rumble: il team di Andreas Kalcker conferma l’evidenza dell’ossido di grafene nei “vaccini”

In questa intervista, il Dr. Kalcker indica la domanda di brevetto del 27 settembre 2020 depositata dallo Shanghai National Engineering Research Center per la nanotecnologia per l’uso dell’ossido di grafene in un nuovo vaccino COVID, che è emerso di recente ed è riportato in vari modi online e che stabilisce che GO usi come vettore o base nei vaccini COVID non è immaginato (ed è stato studiato, come riportato in documenti collegati in precedenza qui ):

Brevetto per l’uso dell’ossido di grafene nano in un vaccino COVID: vaccino ricombinante per nanocoronavirus che assume l’ossido di grafene come vettore /CN112220919A, Cina

Riassunto: L’invenzione appartiene al campo dei nanomateriali e della biomedicina e si riferisce a un vaccino, in particolare allo sviluppo del nanovaccino ricombinante nucleare 2019-nCoV coronavirus. L’invenzione comprende anche un metodo di preparazione del vaccino e l’applicazione del vaccino in esperimenti su animali. Il nuovo vaccino corona contiene ossido di grafene, carnosina, CpG e nuovo virus corona RBD; legame di carnosina, CpG e neocoronavirus RBD sulla spina dorsale dell’ossido di grafene ; la sequenza codificante CpG è mostrata come SEQ ID NO 1; il nuovo coronavirus RBD si riferisce a una nuova regione di legame del recettore della proteina del coronavirus che può generare un anticorpo specifico ad alto titolo che mira all’RBD in un corpo di topo e fornisce un forte supporto per la prevenzione e il trattamento del nuovo coronavirus.

COMPORTAMENTO MAGNETICO DEL GRAFENE NANOMATERIALE, ANCORA IN FASE DI STUDIO, INVOCATO DAL CALORE

Il Dr. Kalcker parla anche delle proprietà magnetiche del grafene, un argomento su cui commentano i medici di La Quinta Columna, affermando che i rapporti precedenti in tutto il mondo hanno confuso la questione menzionando la magnetite mentre apparentemente l’ossido di grafene acquisisce di per sé proprietà magnetiche nel corpo.

Diversi articoli scientifici indicano infatti questa possibilità, suggerendo che gli effetti termici e di altro tipo comportano la visualizzazione di varie qualità magnetiche dal grafene, come il paramagnetismo e il ferromagnetismo, come questo:

SK Sarkar, KK Raul, SS Pradhan, S. Basu, A. Nayak,
Physica E: Sistemi e nanostrutture a bassa dimensione,
Volume 64,
2014,
pagine 78-82,
ISSN 1386- 9477,

Riassunto: L’ossido di grafite (GO) e l’ossido di grafene ridotto (RGO) sono stati preparati utilizzando metodi chimici standard. Le formazioni degli ossidi sono caratterizzate da studi di diffrazione dei raggi X (XRD) e spettroscopia infrarossa a trasformata di Fourier (FTIR). Entrambi gli ossidi mostrano per la prima volta un debole superparamagnetismo e isteresi a temperatura ambiente. Il momento magnetico per RGO è relativamente più piccolo di quello del campione GO. Il superparamagnetismo in questi ossidi è attribuito alla presenza di singoli domini, ciascun dominio essendo un cluster di momenti magnetici indotti da difetti accoppiati per interazione ferromagnetica. Oltre a questi cluster a dominio singolo ci sono altri momenti indotti dal difetto accoppiati dall’interazione ferromagnetica che mostrano ferromagnetismo e isteresi.

“IL GRAFENE STA ALTERANDO COMPLETAMENTE IL NOSTRO CAMPO ELETTROMAGNETICO”

Il Dr. Kalcker osserva anche gli spasmi osservati in vari pazienti danneggiati dal vaccino COVID e afferma che questo spasmo e convulsione visualizzati si verificano a una frequenza specifica, il che suggerisce che gli ingredienti del vaccino stanno influenzando i campi elettromagnetici umani a livello molecolare, come suggerito da i comportamenti magnetici acquisiti del nanografene:

“Cosa succede allora? Il corpo ha bisogno delle sue capacità elettromolecolari per funzionare. Il cuore batte perché c’è un campo magnetico che crea, successivamente, l’elettricità per il pompaggio e tutto il resto. E, quindi, ciò che sta facendo il grafene è che sta alterando completamente il nostro campo elettromagnetico. Qualcosa che non è mai successo prima. E, diciamo, quello che stiamo vedendo è qualcosa di ‘in vivo’ con alcuni effetti drammatici .

Per capirne di più, abbiamo anche guardato molti video di persone che muoiono dopo essere state vaccinate . Ce ne sono altri in cui vedi persone che hanno gli spasmi . Questi spasmi hanno, per esempio, frequenze molto specifiche, e sono sostanzialmente le stesse in tutti i tipi di spasmi. Questi spasmi indicano chiaramente che c’è un’interruzione dei campi elettromagnetici umani.


Ulteriori informazioni sulla specificità della ricerca del team del Dr. Kalcker e sui vaccini studiati sarebbero preziose e sono state richieste.
Nano grafene ossido – 99,5% del campione – trovato mediante spettroscopia nel vaccino Moderna da ricercatori argentini

La fiala del vaccino Moderna è stata ora testata e campioni di filtrato liquido purificato dalla fiala del vaccino Moderna sono risultati contenere il 99,5% di grafene, come riportato dagli scienziati di Orwell City e La Quinta Columna qui: L’analisi spettroscopica rivela il 99,5% di ossido di grafene nella fiala di vaccinazione Moderna | 22 luglio 2021

Nessun commento:

Posta un commento