L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 30 settembre 2021

“Il male nella storia non ha mai vinto. Se avesse vinto, non saremmo qui”

28 SEPTEMBER 2021


Domani ricorre la festa dei SS. arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele. S. Michele Arcangelo è il protettore delle forze dell'Ordine. Abbiamo bisogno di protezioni celesti perché stiamo attraversando il periodo peggiore dell'intera storia d’Italia. E l'idea e l'immagine di un arcangelo con l'armatura che schiaccia la testa dei demoni, è un'immagine che ci rafforza. Famosa è quella del dipinto di Guido Reni (ultima foto in basso).

Avete visto e constatato tutti quanti il coraggio di quella poliziotta vice-questore che si è unita ai manifestanti per sottolineare il fatto di aver giurato sulla costituzione. E quanto sia difficile per gli uomini in divisa obbedire a chi la tradisce. Nunzia Alessandra Schilirò (è questo il suo nome) di fronte a una folla commossa e attenta ha tenuto un discorso coraggioso. “Il male nella storia non ha mai vinto. Se avesse vinto, non saremmo qui”. E ancora : “ Noi poliziotti abbiamo giurato sulla Costituzione, per questo è nostro dovere essere qui. “Il green pass italiano è illegittimo. La cosa più importante che voglio dirvi è che serve unità: dobbiamo unire le nostre energie e le nostre forze per indicare a tutti una via migliore”. Ora aspettiamoci ritorsioni, rappresaglie d’ogni tipo da parte delle cosiddette autorità. Aspettiamoci perfino "prese di distanza" da parte dei suoi colleghi. Del resto è già scattato un procedimento disciplinare da parte della Lamorgese e del suo staff. Ma intanto il dado è tratto. E le ribellioni ed eventuali ammutinamenti tra le forze dell'ordine non sono più un tabù. Quanto al suo posto di lavoro, spesso Padreterno chiude la porta per spalancare portoni e nuove finestre.

Il vice-questore Nunzia Alessandra Schilirò

Ricordo che l’Italia è l’unico paese europeo ed occidentale che ha adottato una boiata liberticida e discriminatoria come il pass sanitario che in omaggio a Cingolani e al New Deal verde chiamano pure “green”, un termine pervasivo diventato insopportabile. Green qui, green là, green green grass of home.. Ma qui non c’è nessun semaforo verde che preveda il via libera: al contrario, siamo impediti in ogni più elementare gesto della vita quotidiana. Perfino a recarci in ospedale a trovare un amico o parente, ci vuole il loro certificato verde.

Come ho già avuto modo di dire, non può esistere Libertà (parola-slogan che giustamente echeggia per tutte le piazze d’Italia) senza Verità. E anche se siamo ingannati da mattina a sera da una fallace e menzognera propaganda, la verità è come l’acqua che scorre e più la si reprime magari sotto colate di cemento, più straripa, tracima e spacca ogni cosa. Va da sé che ogni settore lavorativo e professionale deve darsi da fare per far emergere quelle verità nascoste che faticano ancora ad affermarsi, spezzando le catene e infrangendo i muri dell'omertà. Va da sé che quando nel sistema sanitario verranno raccontate tutte quelle scomode verità per cui le cure domiciliari vengono proibite, i medici di buona volontà, sanzionati - quelle bugie sui numeri dei ricoverati, quelle menzogne sulle reazioni avverse da vaccini, tenute nascoste... allora qualcosa di buono accadrà. Ora si sono aggiunte certe false persuasioni per le quali anche le donne incinte e in allattamento che non potrebbero vaccinarsi, vengono subdolamente incoraggiate a farlo. I bambini e gli adolescenti non rischiano nulla, ma sono prede ambite per l'estensione di sperimentazioni vaccinali che ora non vogliono nemmeno più chiamare "sperimentazioni", millantandone l'assoluta sicurezza. Dalla sanità (uno dei settori più controllati della società) devono emergere un bel po’ di segreti, omissioni e misteri, nascosti. Idem dalla scuola. Idem nelle forze dell’Ordine. Ci vogliono crepe e implosioni anche dentro l’apparato mediatico. E’ mai possibile, o cronisti della domenica, che il fatto di un vice-questore che prende la parola nel bel mezzo della grande manifestazioni romana, non meriti una copertina nei TG? e che i giornali ne hanno parlato solo molti giorni dopo? Fate proprio pena. Ma non vi vergognate neanche un po’, o mezzibusti velinari censori e collaborazionisti che state minimizzando tutte le proteste di piazza? Ci vogliono spaccature nel muro omertoso della farmacologia. Perché i farmaci più efficaci, quelli che possono curare i malati a casa propria, vengono tolti dal mercato? E su suggerimento di chi? Dell'AIFA? Troppi interrogativi senza risposta.

E' da segnalare lo zelo con il quale Fedriga, attuale presidente della Conferenza delle Regioni e Province autonome, ha protestato presso Speranza, a causa della riduzione drastica del personale sanitario. Specie i non vaccinati già sospesi. Fedriga si comporta un po' come quel contadino del podere siculo quando gli appiccano fuoco al casale e allora, preoccupato, corre a chiedere aiuto e protezione al Mammassantissima del villaggio. Speranza è il vero Problema, pertanto non può essere la soluzione. Che vuole che faccia Speranza? Che rimetta in carica i poveri medici che vuole sospendere (primo passo per il licenziamento), solo perché non vaccinati? O che rimetta in servizio gli infermieri ribelli del vaccino? Fedriga si procuri da qualche parte quel libro che Speranza ha scritto e ha fatto ritirare dal commercio, laddove profetizza che la pandemia offrirà il pretesto per impiantare "un'egemonia culturale su basi nuove". Nel suo concetto di "egemonia" c'è senz'altro la riduzione drastica del personale sanitario, il collasso delle strutture pubbliche, l'omissione di vere cure e vere terapie, orde di poveri malati abbandonati a se stessi e non accuditi, decessi per omissione di soccorso, e la Vaccinocrazia con i vari "richiami" (terza e quarta dose) considerata la panacea a tutti i mali. Tu chiamalo se vuoi, "comunismo sanitario". O vaccinal-comunismo. Tranquilli: tra 20 o 30 anni i compagnucci militanti dell'attuale cellula del Terrorismo Sanitario, faranno autocritica. Con scuse meschine del genere "non si poteva fare diversamente", "abbiamo solo eseguito ordini", "anche noi siamo pedine del Sistema". Ma noi non dobbiamo più dar loro alcuna chance, alcuna opportunità di mentire e di nuocere. Il Male va impedito e fermato con forza, sennò se ne diventa complici. Tante e tante verità emergeranno nella loro potenza di luce e di fuoco, verità che dovranno essere messe tutte in fila e che ci aiuteranno a sentirci più liberi, più sinceri e perciò, più forti.


29 settembre SANTI ARCANGELI MICHELE, GABRIELE E RAFFAELE

La Bibbia li ricorda con specifiche missioni: Michele avversario di Satana, Gabriele annunciatore di Dio e Raffaele soccorritore.
Michele (Chi è come Dio?) è l’arcangelo che insorge contro Satana e i suoi satelliti , difensore degli amici di Dio, pretettore del suo popolo.
Gabriele (Forza di Dio) è uno degli spiriti che stanno davanti a Dio, rivela a Daniele i segreti del piano di Dio, annunzia a Zaccaria la nascita di Giovanni Battista e a Maria quella di Gesù .
Raffaele (Dio ha guarito), anch’egli fra i sette angeli che stanno davanti al trono di Dio, accompagna e custodisce Tobia nelle peripezie del suo viaggio e gli guarisce il padre cieco.

Nessun commento:

Posta un commento