L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 26 settembre 2021

Ivermectina la cura che non si deve usare così dice l'ideologia dei vaccini sperimentali

Uttar Pradesh, Lo stato indiano con 240 milioni di abitanti ha completamente sradicato il covid con ivermectina

Maurizio Blondet 25 Settembre 2021

L’Uttar Pradesh, situato nel nord dell’India, ha ufficialmente dichiarato che tutti i 33 dei suoi distretti sono ora “covid-free” grazie a uno sforzo benevolo dei leader locali per fornire a tutti un “sverminatore per cavalli”.

Il tasso di guarigione del virus cinese nell’Uttar Pradesh è di un enorme 98,7%, che può essere direttamente attribuito all’uso profilattico su larga scala dell’ivermectina.

Secondo i media occidentali e l’establishment medico, non ci sono “prove” che l’ivermectina fornisca benefici nella lotta contro i germi cinesi. Secondo la vita reale, prova sul campo in India, tuttavia, l’ivermectina è stata davvero un miracolo 

Non è passato molto tempo da quando l’ivermectina è stata pubblicizzata dal Journal of Antibiotics come un “farmaco miracoloso” per il trattamento dei parassiti intestinali. Gli inventori dell’ivermectina hanno anche ricevuto un premio Nobel per aver scoperto la sostanza.

Ora, tuttavia, l’ivermectina viene diffamata dai media e dal governo come “pericolosa” e “ad alto rischio”. Ci viene costantemente detto che l’ivermectina è solo per bovini o cavalli, anche se la Food and Drug Administration (FDA) l’ha approvata per uso umano nel 1996.
Le aree dell’India che hanno scelto i “vaccini” invece dell’ivermectina hanno visto un massiccio aumento di nuovi casi

A maggio e giugno 2020, l’ivermectina è stata ampiamente somministrata a tutti i professionisti della cura delle vie respiratorie che lavorano nel distretto di Uttar Pradesh di Agra. A quel tempo, questo era un esperimento per vedere come se la cavavano i destinatari.

È stato osservato, secondo il dott. Anshul Pareek, che “nessuno di loro ha sviluppato Covid-19 nonostante fosse in contatto quotidiano con pazienti risultati positivi al virus”.

A seguito di questo processo di successo, il governo statale ha deciso di sanzionare ufficialmente l’uso dell’ivermectina come rimedio per il virus cinese, non solo per gli operatori sanitari ma in seguito per il pubblico in generale.

“Nonostante sia lo stato con la più grande base di popolazione e un’alta densità di popolazione, abbiamo mantenuto un tasso di positività e casi per milione di abitanti relativamente bassi”, ha spiegato Pareek.

Ad agosto, i funzionari dell’Uttar Pradesh hanno emesso una notifica consigliando ai medici di assumere compresse da 12 mg di ivermectina “per contenere l’impatto della pandemia”. Questa raccomandazione si è rivelata un grande successo.

“Questo medicinale è abbastanza efficace nella protezione dal COVID-19”, ha ammesso il governo. “Pertanto, facciamo appello a ogni cittadino per avere questo tablet”.

Nel minuscolo stato indiano meridionale del Kerala, intanto, sono aumentati vertiginosamente i nuovi “casi” di influenza Fauci. Il motivo è che invece di andare con l’ivermectina, il Kerala ha invece optato per i “vaccini”, che stanno diffondendo più malattie.

“Il Kerala ha incluso l’ivermectina nelle linee guida statali per il trattamento del COVID ad aprile, ma ne ha limitato l’uso ai casi gravi o a quelli con malattie associate, il che significa che è stato riservato come trattamento tardivo, se usato del tutto”, ha riferito WND .

“Il Kerala ha abbandonato del tutto l’uso di ivermectina il 5 agosto”.

Il Kerala è più l’eccezione che la norma, però. In tutta l’India nel suo insieme, il tasso di vaccinazione è attualmente intorno al 5,8 percento, rendendolo uno dei paesi meno iniettati al mondo.

“Si sostiene che l’ivermectina sia efficace anche contro l’influenza comune e molte altre infezioni virali”, ha scritto un commentatore su WND . “Se è vero, non c’è da meravigliarsi se le grandi aziende farmaceutiche vogliono tenerlo soppresso”.

“L’ivermectina è perfettamente sicura, ma il governo non vuole che tu lo sappia”, ha osservato un altro. “Il farmaco ha pochi effetti collaterali, è stato prescritto milioni di volte ed è noto per uccidere 21 virus diversi, incluso SARS-CoV-2”.

L’ivermectina è stata usata in sicurezza per anni ed è fuori brevetto.

Le ultime notizie sull’inganno del coronavirus di Wuhan (Covid-19) e sulla crociata contro l’ivermectina possono essere trovate su Fascism.news .

Le fonti di questo articolo includono:


Nessun commento:

Posta un commento