L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 4 settembre 2021

Più ti vaccini e più ti ammali ma solo un pochino - Israele è uno dei paesi più vaccinati al mondo e vanta la più alta percentuale di popolazione avendo ricevuto un terzo colpo di "richiamo", al 25%, è anche il paese in cui la nuova ultima ondata di infezioni da covid ha appena raggiunto nuovi massimi storici

La Svezia vieta i viaggiatori provenienti da Israele, uno dei paesi più vaccinati al mondo

DI TYLER DURDEN
GIOVEDÌ 2 SET 2021 - 17:40

La Svezia ha reimposto restrizioni all'ingresso per i viaggiatori provenienti dagli Stati Uniti e da altri cinque paesi, ma prenderà in considerazione regole più indulgenti per le persone vaccinate.

Il governo svedese ha formalmente esteso il divieto d'ingresso della Svezia al di fuori dell'UE / SEE fino al 31 ottobre, come riportato da The Local la scorsa settimana.

Ci sono diverse eccezioni al divieto tra cui chi viaggia per motivi specifici, oltre che da alcuni Paesi, ma giovedì sei Paesi sono stati rimossi dalla lista esente dei "Paesi sicuri": sulla base di un aumento delle infezioni da Covid-19 in quei Paesi, dal 6 settembre il divieto d'ingresso si applicherà anche ai Paesi Kosovo, Libano, Montenegro e Macedonia del Nord, Stati Uniti e Israele.

Israele è particolarmente degno di nota, perché mentre è stato a lungo uno dei paesi più vaccinati al mondo e vanta la più alta percentuale di popolazione avendo ricevuto un terzo colpo di "richiamo", al 25%, è anche il paese in cui la nuova ultima ondata di infezioni da covid ha appena raggiunto nuovi massimi storici.


Ciò non significa necessariamente che tutti i viaggi da quei paesi saranno vietati, in quanto i viaggiatori potrebbero rientrare in un'altra categoria esentata, come viaggiare per motivi familiari urgenti o se hanno la cittadinanza dell'UE o un permesso di soggiorno svedese. La decisione di reimporre restrizioni a questi sei paesi è nata da una raccomandazione dell'UE.

La Svezia attualmente non fa distinzione tra viaggiatori vaccinati e non vaccinati quando si tratta di viaggiare al di fuori dell'Unione Europea, ma il governo ha lasciato intendere che ulteriori esenzioni per i viaggiatori vaccinati "residenti in alcuni paesi terzi" potrebbero essere in arrivo.

"Ci sono un certo numero di paesi con cui la Svezia ha strette relazioni. Lì, il governo ora indagherà sulla possibilità di esentare i residenti completamente vaccinati in alcuni paesi terzi ", ha detto giovedì il ministro dell'Interno Mikael Damberg all'agenzia di stampa TT.

"Penso principalmente al Regno Unito, ma anche agli Stati Uniti, anche se gli Stati Uniti sono più complessi e molti stati hanno regole molto diverse".

Né lui né la dichiarazione del governo di giovedì hanno dato alcuna indicazione su quando tali esenzioni potrebbero essere introdotte.

Nessun commento:

Posta un commento