L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 4 settembre 2021

Una presa di coscienza, un’apertura alla Speranza

C’è una Intelligenza che manovra il Fuoco

Maurizio Blondet 4 Settembre 2021


Negli incendi di Milano e Torino, impossibile non scorgere il ghigno di una Intelligenza metodica. Gente benestante, proprietaria di appartamenti di lusso e di attici preziosi, abbastanza ricca da aver bisogno di una cassaforte fissata con la fiamma ossidrica per contanti e gioielli, gente dello spettacolo, influencer, un primario a Milano – insomma gente in possesso di solido benessere, s’è trovata di colpo priva di tutto. Né abiti né banconote, né tutti gli oggetti di pregio su cui fondava il solido benessere, non più i computer e i tablet con cui lavoravano molti di loro (penso tremando: cosa farei io se mi bruciasse il desktop?). Da ricchi, ridotti a chiedere aiuto al Comune per alloggi di fortuna, e alla beneficenza pubblica: aiuto per bloccare il pagamento del mutuo di lusso; a Milano la parrocchia ha offerto stanze in cui i senzatetto potessero lavorare e riguadagnarsi la vita di nuovo, ricominciando da capo.


Sì, c’è una Intelligenza ghignante nell’improbabile incendio orizzontale di Torino che ha distrutto gli attivi sofisticati e preziosi con tutto quel che c’era dentro. Una Intelligenza non più tenuta a bada dalla Chiesa della diserzione: da quanto tempo i preti non passano più a benedire le case? Del resto i proprietari ora nullatenenti senzatetto non l’hanno nemmeno chiesta, la benedizione, Ora ci sarebbe bisogno di un esorcismo grande – un esorcismo contro il Fuoco, inteso come elemento elementare indomabile.

A New York, abbiamo visto in azione l’Acqua, l’elemento Acqua: i gradini della metropolitanaa diventati cascate rapinose e spaventose, una quantità imprecisata dei persone morte – affogate, morte spaventosa – mentre cercavano di tirar fuori l’auto dai garage sotterranei, di colpo diventati piscine con l’Acqua fino ai soffitti, nessuno scampo possibile. Anche là solide ricchezze sciolte e perdute. L’ideologia sfiatata dei media (le cui parole puzzano, disse Nietzsche) accusa scemamente il riscaldamento globale. Nessuno che senta lo spavento dell’Intelligenza che domina i Quattro Elementi, e della necessità di rifugiarsi, imploranti, sotto la protezione di Chi può proteggere.

Questa Intelligenza non fa che applicare e anticipare, del resto, il programma del Grand Reset: Nel 2030 non avrai nulla e sarai felice. Ci hanno promesso l’esproprio generale, presto saremo anche noi, qualunque di noi, nella condizione degli incendiati di Milano e Torino. Le nostre sicurezze, appartamento con bagno, carte di credito, smartphones, computer, tutto di altri – e da affittare.

Torniamo a chiedere perdono, a chiedere benedizioni con l’acqua santa – l’Elemento placato – sulle cose e sulle case, mi vien da gridare. Mi dà forza di sfidare l’andazzo ideologico un fatto segnalato da Repubblica – incredibilmente da Repubblica, l’organo ufficiale della gente benestante, progressista, secolarizzata fino al midollo – che riporto.

La Repubblica

*Incendio grattacielo Milano, il primario dello IEO Spaggiari: “Sono laico, tutto è distrutto e s’è salvato solo il crocifisso”*

“Se fossi credente mi sentirei davanti a un miracolo. Da trentanni però opero chi è colpito dal cancro: i contorni della mia idea di fede si sono progressivamente offuscati. Così non posso che definire incredibile quello ho visto”.

Il professor Lorenzo Spaggiari, 60 anni, emiliano, direttore della chirurgia toracica dell’Istituto europeo dei tumori e docente all'università di Milano, abitava con la famiglia l’ultimo piano della Torre dei Moro.

“Il soffitto è crollato e abbiamo perso tutto. Bruciata e sciolta dal calore anche la cassaforte inserita nel muro. Soltanto una cosa non solo è salva, ma intatta: un crocefisso. Lo conservavo in una bustina di plastica: come nuova anche quella. Incredibile: mia moglie si è messa quella croce al collo e non vuole toglierla più”.

“Siamo proprietari del diciottesimo piano. In duecento metri quadri non è recuperabile uno spillo e ho visto la mia casa bruciare in diretta tivù. L’unico oggetto ad essere riemerso dalle macerie, in perfetto stato dentro una cassaforte liquefatta, è quella piccola croce d’oro. Inutile negarlo, la mia famiglia è scossa”.

Non può essere un caso?

“Se lo è, è un caso che turba. Anche perché non si è verificato da solo”.

Cosa intende dire?

“Domenica mia moglie voleva restare a casa. L’ho infine convinta ad andare qualche ora al mare in Liguria con i bambini. Non avevo mai insistito prima. Se non fossimo usciti, trovandoci al di sopra delle fiamme scoppiate più in basso, saremmo stati in trappola. Spesso nel fine settimana stavamo a giocare e a riposare nel soppalco al diciannovesimo piano. La coincidenza, grazie a cui siamo vivi, ci ha turbato: ritrovare poi tra i detriti solo una croce, sparata fuori dal muro, lascia increduli”.

Ora è prima mattina: cosa ci fa lei ai piedi del grattacielo sotto sequestro?

“Passo prima di andare in ospedale. Sono tornato a operare già lunedì e lavoro ogni giorno. Chi ha un tumore non può aspettare. La mattina dopo il rogo ero atteso da diciassette pazienti. Io avevo perso la casa, ma loro rischiavano di perdere la vita”.

Come riesce, dopo il disastro, a concentrarsi subito su un lavoro tanto delicato?

“È l’opposto: operare mi aiuta a resistere. Da lunedì la mia empatia con i malati e con le loro famiglie è più forte. Ora sono loro ad aiutare me. Vedo la dignità con cui affrontano il dolore: mi vergognerei a dare la precedenza alla mia casa. Quando si incontra la propria disperazione si comincia a capire meglio quella degli altri”.

Quando aveva acquistato l’appartamento?

“Prima che esistesse, ancora sulla carta. Poi ho visto il grattacielo nascere. L’ho scelto per stare vicino allo Ieo. Sono sempre reperibile: in dieci minuti potevo essere in sala operatoria”.

E adesso?

“Un amico mi ha prestato 60 metri quadri. Negli ultimi dieci anni siamo vissuti su un piano intero, per la famiglia accontentarsi è un’esperienza preziosa. Un chirurgo può guardare alla vita da una prospettiva complessa. Lei però non dimentichi ora l’essenziale: quel crocifisso salvato all’ultimo piano. Tutti i residenti nel grattacielo lo considerano un miracolo perché il rogo non ha causato vittime. Lasci che io possa pensare quantomeno a un inspiegabile prodigio”.

Una resipiscenza, una presa di coscienza, un’apertura alla Speranza.

Nessun commento:

Posta un commento