L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 9 ottobre 2021

e 3 - Gli ordini perentori ai mercenari sono chiari: fate STRAGI DEI CIVILI, incutete la paura nei popoli afghani, fate rimpiangere l'invasione degli Stati Uniti e dei servi Nato

Strage in una moschea della provincia di Kunduz, kamikaze uccide 80 persone

L'attentato è stato rivendicato dall'Isis attraverso i canali Telegram

aggiornato alle 20:4708 ottobre 2021

© Afp - La moschea della provincia di Kunduz in cui è stata compiuta la strage

AGI - Ll'esplosione in una moschea sciita nella provincia di Kunduz, in Afghanistan, ha provocato 80 morti. Lo riferisce Ghulam Rabani Rabani, ex membro del consiglio della provincia di Kunduz, precisando che i feriti sono un centinaio.

L'attacco è avvenuto durante la preghiera del venerdì e tramite i canali Telegram è stato rivendicato dall'Isis-K, ramo afghano dello Stato Islamico. Nel post l'Isis-k spiega che un attentatore suicida "ha azionato la sua cintura esplosiva in mezzo alla folla" di fedeli sciiti, mentre pregavano all'interno della moschea.

Nessun commento:

Posta un commento