L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 8 ottobre 2021

Eurasia deve risolvere qualche problemino, il percorso è scritto gli imprevisti possono nascondersi dietro ad ogni angolo

06 Ottobre 2021 23:55
Pepe Escobar: Il confronto Iran-Azerbaigian è una contesa per i corridoi di trasporto della regione




L'ultima cosa di cui ha bisogno in questa fase la complessa spinta in corso verso l'integrazione eurasiatica è questo pericoloso modo di relazionarsi tra Iran e Azerbaigian nel Caucaso meridionale.

Cominciamo con ‘Conquistatori di Khaybar’, la più grande esercitazione militare iraniana degli ultimi due decenni tenutasi al confine nord-occidentale con l'Azerbaigian.

Tra l'esercito iraniano dispiegato e le unità del Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica (IRGC) ci sono alcuni pezzi grossi, come la 21a divisione di fanteria di Tabriz, il battaglione IRGC Ashura 31, la 65a brigata delle forze speciali aviotrasportate e una serie di sistemi missilistici, tra cui i missili balistici Fateh-313 e Zulfiqar con gittate fino a 700 chilometri.

La spiegazione ufficiale è che le esercitazioni sono un avvertimento per i nemici che tramano qualsiasi cosa contro la Repubblica Islamica.

Il leader supremo iraniano Ayatollah Khamenei ha acutamente twittato che "coloro che hanno l'illusione di fare affidamento sugli altri, pensano che questi possano provvedere alla loro sicurezza, dovrebbero sapere che presto prenderanno uno schiaffo, se ne pentiranno".

Il messaggio era inequivocabile: si tratta dell'Azerbaigian che si affida alla Turchia e in particolare a Israele per la sua sicurezza, e di Tel Aviv che strumentalizza Baku per un'operazione di intelligence volta a creare interferenze nel nord dell'Iran.

Ulteriori elaborazioni da parte di esperti iraniani sono arrivate fino al punto in cui Israele ha utilizzato basi militari in Azerbaigian per colpire le installazioni nucleari iraniane.

La reazione all'esercitazione militare iraniana finora è una prevedibile risposta Turchia-Azerbaigian: stanno conducendo un'esercitazione congiunta a Nakhchivan per tutta questa settimana.

Ma le preoccupazioni dell'Iran erano fuori luogo? Ormai da anni si sta sviluppando una stretta collaborazione per la sicurezza tra Baku e Tel Aviv. L'Azerbaigian oggi possiede droni israeliani ed è a suo agio sia con la CIA che con l'esercito turco. Le recenti esercitazioni militari trilaterali che hanno coinvolto Azerbaigian, Turchia e Pakistan: questi sono sviluppi destinati a sollevare campanelli d'allarme a Teheran.

Baku, ovviamente, la gira in modo diverso: le nostre partnership non sono rivolte a paesi terzi.

Quindi, in sostanza, mentre Teheran accusa il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev di rendere la vita facile ai terroristi Takfiri e ai sionisti, Baku accusa Teheran di supporto incondizionato all'Armenia. Sì, i fantasmi della recente guerra del Karabakh sono dappertutto.

Per una questione di sicurezza nazionale, Teheran semplicemente non può tollerare le compagnie israeliane coinvolte nella ricostruzione delle regioni riconquistate nella guerra vicino al confine iraniano: Fuzuli, Jabrayil e Zangilan.

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdullahian ha cercato di giocare in modo diplomatico: “Le questioni geopolitiche intorno ai nostri confini sono importanti per noi. L'Azerbaigian è un caro vicino dell'Iran ed è per questo che non vogliamo che finisca intrappolato tra terroristi stranieri che vogliono trasformare la sua terra in un covo”.

Come se questo non fosse abbastanza complicato, il cuore della questione – come per tutte le cose in Eurasia – ruota in realtà attorno alla connettività economica.

Disordine interconnesso

I sogni geoeconomici di Baku sono grandi: la capitale mira a posizionarsi al crocevia chiave di due dei più importanti corridoi eurasiatici: Nord-Sud ed Est-Ovest.

Ed è qui che entra in gioco il corridoio di Zangezur, probabilmente essenziale affinché Baku predomini sulle rotte di connettività est-ovest dell'Iran.

Il corridoio è destinato a collegare l'Azerbaigian occidentale alla Repubblica autonoma di Nakhchivan attraverso l'Armenia, con strade e ferrovie che attraversano la regione di Zangezur.

Zangezur è anche essenziale per l'Iran per connettersi con l'Armenia, la Russia e, ulteriormente, verso l'Europa.

Anche la Cina e l'India faranno affidamento su Zangezur per il commercio, poiché il corridoio fornisce una scorciatoia significativa. Considerando che le grandi navi mercantili asiatiche non possono navigare nel Mar Caspio, di solito sprecano settimane preziose solo per raggiungere la Russia.

Un ulteriore problema è che Baku ha recentemente iniziato a molestare i camionisti iraniani in transito attraverso queste nuove regioni annesse in viaggio verso l'Armenia.

Non doveva essere così. Questo saggio dettagliato mostra come l'Azerbaigian e l'Iran siano collegati da "profondi legami storici, culturali, religiosi ed etno-linguistici" e come le quattro province iraniane nordoccidentali - Gilan, Ardabil, Azerbaigian orientale e Azerbaigian occidentale - abbiano "confini geografici comuni con sia la parte principale dell'Azerbaigian che la sua exclave, la Repubblica autonoma di Nakhchivan; hanno anche profonde e strette comunanze basate sull'Islam e lo sciismo, oltre a condividere la cultura e la lingua dell'Azerbaigian. Tutto questo ha creato il terreno per la vicinanza tra i cittadini delle regioni da entrambi i lati del confine”.

Durante gli anni di Rouhani, le relazioni con Aliyev erano in realtà abbastanza buone, compresa la cooperazione trilaterale Iran-Azerbaigian-Russia e Iran-Azerbaigian-Turchia.

Una connettività chiave in gioco è il progetto di collegamento della ferrovia Qazvin-Rasht-Astara dall’Iran all'Azerbaigian: fa parte dell'importantissimo International North-South Transport Corridor (INSTC).

Dal punto di vista geoeconomico, l'Azerbaigian è essenziale per la ferrovia principale che alla fine andrà dall'India alla Russia. Non solo quello; la cooperazione trilaterale Iran-Azerbaigian-Russia apre una strada diretta per consentire all'Iran di connettersi pienamente con l'Unione economica eurasiatica (EAEU).

In uno scenario ottimale, Baku può persino aiutare i porti iraniani nel Golfo Persico e nel Mare dell'Oman a connettersi ai porti georgiani nel Mar Nero.

L'Occidente è ignaro del fatto che praticamente tutte le sezioni dell'INSTC stanno già lavorando. Prendiamo, ad esempio, la ferrovia finemente denominata Astara-Astara che collega le città iraniane e azere che condividono lo stesso nome. O la ferrovia Rasht-Qazvin.

Ma poi un importante tratto di 130 km da Astara a Rasht, che si trova sulla sponda meridionale del Caspio ed è vicino al confine iraniano-azero, non è stato costruito. La ragione? Sanzioni dell'era Trump. Questo è un esempio grafico di quanto, in termini pratici nella vita reale, si basi su una conclusione positiva dei colloqui JCPOA a Vienna.



Chi controlla Zangezur?

L'Iran è posizionato in una zona un po' difficile lungo la periferia meridionale del Caucaso meridionale. I tre principali attori in quel quadrante sono ovviamente Iran, Russia e Turchia. L'Iran confina con le ex regioni armene - ora azere - adiacenti al Karabakh, tra cui Zangilan, Jabrayil e Fuzuli.

Era chiaro che la flessibilità dell'Iran sul suo confine settentrionale sarebbe stata legata all'esito della seconda guerra del Karabakh. Il confine nordoccidentale è stato fonte di grande preoccupazione, colpendo le province di Ardabil e l'Azerbaigian orientale, il che rende ancora più confusa la posizione ufficiale di Teheran di sostenere l'Azerbaigian sulle rivendicazioni armene.

È essenziale ricordare che anche nella crisi del Karabakh all'inizio degli anni '90, Teheran ha riconosciuto il Nagorno-Karabakh e le regioni circostanti come parti integranti dell'Azerbaigian.

Mentre sia la CIA che il Mossad sembrano ignari di questa recente storia regionale, non li dissuaderà mai dal gettarsi nella mischia per mettere Baku e Teheran l'una contro l'altra.

Un ulteriore fattore di complicazione è che Zangezur fa venire l'acquolina in bocca anche dal punto di vista di Ankara.

Probabilmente, il presidente neo-ottomano della Turchia Recep Tayyip Erdogan, che non si sottrae mai all'opportunità di espandere la sua profondità strategica turco-musulmana, sta cercando di utilizzare la connessione azera a Zangezur per raggiungere il Caspio, poi il Turkmenistan, fino allo Xinjiang, il territorio occidentale della Cina popolato da musulmani uiguri. Questa, in teoria, potrebbe diventare una sorta di Via della Seta turca che aggira l'Iran – con la minacciosa possibilità di essere utilizzata anche come ‘rat line’ per esportare Takfiri da Idlib fino all'Afghanistan.

Teheran, nel frattempo, è totalmente guidata dall'INSTC, focalizzata su due linee ferroviarie da riabilitare e aggiornare dall'era sovietica. Una è sud-nord, da Jolfa si collega a Nakhchivan e poi in avanti a Yerevan e Tblisi. L'altra è Ovest-Est, sempre da Jolfa a Nakhchivan, attraversando l'Armenia meridionale, l'Azerbaigian continentale, fino a Baku e poi verso la Russia.

E c'è un inghippo. Gli azeri interpretano il documento tripartito che risolve la guerra del Karabakh come conferente loro il diritto di stabilire il corridoio di Zangezur. Gli armeni, da parte loro, contestano questa lettura. Prima che chiariscano queste ambiguità, tutti quegli elaborati piani di connettività iraniani e turchi vengono effettivamente sospesi.

Resta il fatto, tuttavia, che l'Azerbaigian è geoeconomicamente destinato a diventare un crocevia chiave della connettività transregionale non appena l'Armenia sbloccherà la costruzione di questi corridoi di trasporto.

Una soluzione “win-win”?

La diplomazia vincerà nel Caucaso meridionale? Deve. Il problema è che sia Baku che Teheran la inquadrano in termini di esercizio della loro sovranità – e non sembrano particolarmente predisposti a offrire concessioni.

Nel frattempo, i soliti noti si divertono a sfruttare queste divergenze. La guerra, tuttavia, è fuori discussione, sia tra l'Azerbaigian e l'Armenia o tra l'Azerbaigian e l'Iran. Teheran è più che consapevole che in questo caso sia Ankara che Tel Aviv sosterrebbero Baku. È facile vedere chi ne trarrebbe profitto.

Non più tardi di aprile, in una conferenza a Baku, Aliyev ha sottolineato che “Azerbaigian, Turchia, Russia e Iran condividono lo stesso approccio alla cooperazione regionale. La principale area di concentrazione ora è il trasporto, perché è una situazione che viene definita ‘win-win". Tutti vincono’.

E questo ci porta al fatto che se l'attuale situazione di stallo persiste, la prima vittima sarà l'INSTC. In effetti, tutti perdono in termini di integrazione eurasiatica, comprese India e Russia.


L'angolo pakistano, espresso da pochi in modalità silenziose, è completamente inverosimile. Non ci sono prove che Teheran sostenga una campagna anti-talebana in Afghanistan solo per minare i legami del Pakistan con l'Azerbaigian e la Turchia.

Il partenariato strategico Russia-Cina considera l'attuale congiuntura del Caucaso meridionale come un problema non necessario, soprattutto dopo il recente vertice dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO). Ciò danneggia gravemente le loro strategie di integrazione eurasiatica complementari: la Belt and Road Initiative (BRI) e la Greater Eurasian Partnership.

L'INSTC potrebbe, ovviamente, seguire la via transcaspica e tagliare del tutto l'Azerbaigian. Questo non è probabile però. La reazione della Cina, ancora una volta, sarà il fattore decisivo. Potrebbe esserci più enfasi sul corridoio persiano, dallo Xinjiang, passando per il Pakistan e l'Afghanistan, fino all'Iran. Oppure Pechino potrebbe ugualmente scommettere su entrambi i corridoi est-ovest, cioè scommettere sia sull'Azerbaigian che sull'Iran.

La linea di fondo è che né Mosca né Pechino vogliono che questo si incrini. Ci saranno serie mosse diplomatiche, poiché entrambi sanno che gli unici a trarne profitto saranno i soliti noti NATO-centrici, e i perdenti saranno tutti i giocatori che hanno seriamente investito nell'integrazione eurasiatica.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Nessun commento:

Posta un commento