L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 7 ottobre 2021

La Nato funzionale ed efficente quando si tratta di difendere gli interessi statunitensi perde colpi quando deve regolare l'aggressione turca ai greci che comunque si devono autodifendere

Grecia e Francia: patto di mutua difesa (contro anglo e Turchia)

Maurizio Blondet 2 Ottobre 2021

“La clausola di mutua difesa dell’accordo assicura che se la Grecia o la Francia vengono attaccate sul loro territorio, l’altra verrà in aiuto, anche se il paese attaccante fa parte di altre alleanze, compresa la NATO. Questo è un messaggio ovvio diretto alla Turchia, un membro della NATO che ogni giorno viola lo spazio aereo greco e minaccia di invadere le sue isole dell’Egeo. Queste violazioni e minacce non ricevono ripercussioni dalla NATO in quanto i singoli membri non sono disposti a rischiare le proprie relazioni economiche con il paese, mentre molti leader della NATO credono ancora che la Turchia sia un baluardo contro la Russia.

Come ci si è arrivati? Ricapitola Strategic Culturre.org:

“….la Grecia per un anno e mezzo ha ricevuto offerte da sei paesi, tra cui Francia, Stati Uniti e Regno Unito per fregate della marina nuove di zecca. La conclusione di un accordo è stata continuamente ritardata a causa dell’insistenza della Grecia sul fatto che l’acquisto di una fregata deve includere un accordo di difesa. La Grecia ha firmato un accordo di cooperazione di mutua difesa (MDCA) di 12 mesi con gli Stati Uniti lo scorso anno, ma alla fine non ha deciso quale offerta di fregata accettare. Con i negoziati per un patto di difesa franco-greco lo scorso anno in fase di stallo, Atene alla fine ha deciso di firmare l’MDCA con Washington. Si diceva che questo fosse parzialmente motivato come parte dei negoziati per fare pressione sui francesi affinché accettassero i termini greci. Tuttavia, con l’improvvisa comparsa di AUKUS, La fiducia europea nell’Anglosfera è rapidamente diminuita e quindi ha galvanizzato le discussioni franco-greche sull’indipendenza europea. E infine, è stato concluso un accordo per l’acquisto di tre nuovissime fregate francesi di classe Belharra.

Sebbene la Turchia non sia stata menzionata esplicitamente, non c’è dubbio che parte della motivazione del patto di difesa franco-greca sia stata l’aggressione unilaterale della Turchia nel Mediterraneo. Anche pochi minuti dopo la firma dell’accordo franco-greco, l’ex diplomatico olandese Fons Stoelinga ha twittato : “Autonomia dell’UE in materia di sicurezza e difesa. La NATO non affronta ancora il problema della Turchia, membro della NATO, che destabilizza l’intera regione del Mediterraneo orientale. Francia e Grecia ora reagiscono e firmano un patto bilaterale di sicurezza”.

Da parte sua, Mitsotakis ha dichiarato martedì mattina alla firma dell’accordo che: “È una giornata storica per Grecia e Francia. Lo sviluppo di oggi è un’iniziativa che risponde alle esigenze dei tempi del nostro continente. Apre la strada a un’Europa del futuro autonoma e forte. Se esiste un calendario per la creazione di un esercito europeo: il dibattito sull’autonomia militare europea evolve. Opzioni come questa partnership di difesa aziendale si spostano su questa scelta strategica centrale”.

Dei 30 Stati membri della NATO, la Grecia è uno dei pochi a spendere ben oltre il 2% del suo PIL per la difesa, come concordato dai ministri della Difesa della NATO nel 2006. Tuttavia, l’elevata spesa della Grecia (rispetto al PIL) non è perché sta posizionando se stesso come uno stato militare potenziato opposto alla Russia, secondo gli obiettivi della NATO, ma piuttosto per difendersi dalle minacce di un altro membro della NATO, la Turchia. Con la NATO che minimizza costantemente l’aggressione turca contro la Grecia e il nuovo patto AUKUS che crea sfiducia tra l’Anglosfera e gli europei, la Grecia ha assicurato nuove garanzie di sicurezza extra contro il suo nemico di lunga data.

Se Francia e Grecia possono creare solide basi per un’Europa indipendente, sarà solo inevitabile prima che più Stati membri dell’UE diventino interessati ad essere integrati anche in una struttura continentale indipendente dalle alleanze transatlantiche.

Nessun commento:

Posta un commento