L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 8 ottobre 2021

Linea rossa - Alberto Villani è un imbroglione che storce la casistica per suo uso, un po' di comparazione con ben altre malattie sarebbe auspicabile e accettate

Il pediatra: “Nel 2022 speriamo di vaccinare i bimbi tra 6 mesi e 5 anni”


m.boggia@agenziadire.com
Alberto Villani, past president della Società italiana di pediatria, spiega: "È giusto immunizzare anche i più piccoli. Perché devono rischiare di finire in rianimazione?"

ROMA – “La vaccinazione anti Covid-19 attualmente è praticata ai ragazzi dai 12 anni compiuti, entro la fine dell’anno probabilmente il vaccino sarà disponibile per la fascia 5-12 anni, e speriamo che nel 2022 si possano vaccinare anche i bimbi tra i 6 mesi e i 5 anni. È bene che anche i bambini vengano immunizzati, innanzitutto per proteggere loro stessi. Non possiamo continuare a scherzare col Covid. Quello dei bambini alla vaccinazione è un diritto“. Lo afferma con forza e senza mezzi termini Alberto Villani, past president della Società italiana di pediatria (Sip), nell’ambito del suo intervento al XXVII congresso nazionale della Società italiana di neonatologia (Sin) in corso a Roma.

“Perché un bambino deve rischiare di finire in rianimazione? E qual è la soglia critica di morti perché si inizi a pensare che la vaccinazione debba essere fatta anche a loro? – domanda enfaticamente il pediatra – ora che tutte le altre fasce della popolazione sono state vaccinate restano solo i bambini ed è giusto che siano immunizzati“, ribadisce. Villani ricorda che la pandemia da Sars-CoV-2 in Italia, per quanto riguarda l’età evolutiva, ha causato più di 30 decessi e oltre 1.000 ricoveri in terapia intensiva. “Sono cifre piccole se confrontate con quelle degli adulti, ma oggi abbiamo un numero che non bisogna trascurare: l’Rt 7 (indice di contagio, ndr), ossia bisogna considerare che adesso c’è la variante Delta che ha la caratteristica di essere molto diffusiva con una capacità di infettare che si pone solo dopo morbillo e varicella”.

Villani sottolinea come fortunatamente il Covid colpisce i bambini “con una gravità che è meno significativa di quella dell’adulto ma che senz’altro c’è. Dunque – ribadisce il past president Sip – il vaccino è un diritto dei bambini che non sono cittadini di serie B“. Nel suo lungo intervento il pediatra traccia un excursus della pandemia, dai primi giorni ad oggi, ricordando come l’Italia abbia fatto “un lavoro straordinario” che ha visto pediatri e neonatologi protagonisti. “Spesso guardiamo all’America o ad altri Paesi e ci dimentichiamo delle cose fatte qui da noi: siamo stati i primi al mondo, per esempio, a dire che la MIS-C e la malattia di Kawasaki erano due cose diverse, abbiamo elaborato tra i primi al mondo delle linee di comportamento, quindi abbiamo dimostrato di avere capacità sistematica di essere un riferimento per gli altri”, sottolinea con orgoglio il pediatra.

La pandemia “ha evidenziato nel nostro Paese molte criticità, tutte note da tempo – evidenzia Villani – Il Servizio sanitario nazionale ha risposto al meglio delle attuali possibilità. La Pediatria e la Neonatologia italiane si sono confermate un’eccellenza, prevalentemente grazie all’abnegazione e alla professionalità di pediatri e neonatologi e di tutti coloro che si prendono cura dell’età evolutiva ma ha reso evidente l’improrogabile necessità di una radicale riforma dell’assistenza pediatrica”, conclude Villani, annunciando poi che dal 18 al 21 maggio 2022 è in programma a Sorrento il 77esimo Congresso italiano di Pediatria.

Nessun commento:

Posta un commento