L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 15 novembre 2021

Cosa ci vanno a fare gli Stati Uniti/Nato nel Mar Nero? e poi si meravigliano se le truppe russe si ammassano sui propri confini?

Russia, Putin: "Forze Nato e Usa in Mar Nero sfida grave"

13 novembre 2021 | 14.05

Escalation di tensioni in Europa, Washington e Francia denunciano la massiccia presenza militare russa al confine con l'Ucraina

Afp

Le attività delle forze Nato e americane nel Mar Nero rappresentano "una grave sfida" per la Russia, è tornato ad affermare il Presidente russo Vladimir Putin, questa mattina in una intervista a Vesti. Le parole di Putin arrivano mentre Washington e la Francia denunciano la massiccia presenza militare russa al confine con l'Ucraina.

"Gli Stati Uniti e i loro alleati della Nato stanno portando avanti esercitazioni militari non pianificate nel Mar Nero. Non vi è coinvolto solo un potente gruppo navale ma anche l'aviazione, inclusi aerei da guerra strategici. Si tratta di una grave sfida per noi", ha dichiarato il Presidente russo. Le ultime esercitazioni militari occidentali nel Mar nero si sono svolte, sotto coordinamento di Ucraina e Usa, lo scorso giugno. Vi hanno preso parte 30 unità navali di 32 Paesi.

A confermare lo stato di tensione in Europa, ieri due caccia britannici Typhoon hanno scortato bombardieri strategici russi Tu-160 lontano dallo spazio aereo britannico dopo che gli aerei da guerra russi si sono avvicinati al confine, anche se non sono entrati. Poche ore prima, due caccia F-16 belgi avevano fatto lo stesso con altri due Tu-160 russi.

Nessun commento:

Posta un commento