L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 14 novembre 2021

Guarda gli ebrei sionisti e vedi la direzione di impazzimento dei governi occidentali. Sono all'interno di una narrazione che non lascia scampo o ti omologhi o ti omologhi

Sion prevede qualcosa che noi ignoriamo

(Ma possiamo indovinare se abbiamo letto il ruolino di marcia)

 

Israele  compie un “war game” di  prepararazione alla “nuova variante letale del COVID-19”

ERUSLAEM ( LifeSiteNews ) – Israele ha condotto un “gioco di guerra” COVID come parte di ciò che il governo dice essere “preparativi per lo scoppio di una nuova, letale variante COVID-19”.

L’esercitazione  Omega” prende il nome da un fittizio ceppo COVID, la varante Omega apppunto. E’ stato annunciato ieri sul sito ufficiale del governo israeliano, e si è tenuto oggi presso l’Israel’s National Management Center a Gerusalemme; un bunker di guerra a prova di atomica progettato per la gestione delle crisi nazionali.

L’esercitazione è stata guidata dal primo ministro israeliano Naftali Bennett, il quale ha affermato che era destinato a preparare Israele “per qualsiasi scenario”.

Ha preso il formato di tre sessioni simili a giochi di guerra progettate per simulare il passaggio del tempo tra vari scenari, tra cui misure di blocco e quarantena, chiusura delle scuole, raccolta di restrizioni, coprifuoco, test di massa, campagne di richiamo dei vaccini, ecc.

Bennett ha spiegato lo scopo dell’esercitazione in un comunicato pubblicato ieri sul sito del governo israeliano. Ha detto che la situazione epidemiologica in Israele ora è migliore che nel resto del mondo.

“Guardiamo sempre avanti e ci prepariamo per la continuazione della campagna”, ha spiegato, dopo aver affermato che Israele era in grado di “battere la quarta ondata” ed era in procinto di “uscire dalla variante Delta”.

“Stiamo continuando a tenere esercitazioni e a sfidare noi stessi”, ha detto.

Israele ha messo in atto alcune delle restrizioni COVID più dure al mondo per tutto il 2020 e il 2021 ed è stato uno dei primi paesi a imporre un passaporto per il vaccino ai suoi cittadini. Ha anche raggiunto uno dei più alti tassi di vaccinazione con oltre il 60% dell’intera popolazione che è stato completamente vaccinato fino ad oggi e quasi il 70% ha ricevuto almeno una dose, secondo Our World in Data .

Israele ha recentemente riaperto i suoi confini solo ai turisti vaccinati e si sta preparando a iniziare la vaccinazione sui bambini dai 5 agli 11 anni.

Ma nonostante i suoi alti tassi di vaccinazione, il paese ha recentemente registrato uno dei più alti tassi di infezione al mondo, con oltre la metà del numero totale di casi tra persone completamente vaccinate.

Ad agosto, le notizie israeliane hanno riferito che 14 israeliani che hanno ricevuto una terza dose di “richiamo” del vaccino Pfizer sono risultati positivi al COVID entro una settimana dalla terza  dose

Inoltre, un’analisi di marzo ha mostrato tassi drammatici di decessi correlati al vaccino nel paese. E solo la scorsa settimana, un video Instagram particolarmente orribile mostrava una giovane donna convulsa su una barella mentre veniva trasportata in un’ambulanza, mentre un uomo che filmava la scena si sentiva gridare: “Questo è Pfizer! Questo è Pfizer!”

https://www.instagram.com/p/CVpFFc4N-ID/?utm_source=ig_embed&utm_campaign=embed_video_watch_again

 

Eppure, il primo ministro israeliano sembrava ottimista sulla situazione nel Paese.

“Israele è sicuro e protetto”, ha assicurato, aggiungendo che “per mantenere questo e per salvaguardare la continuità della vita normale, dobbiamo continuare a monitorare da vicino la situazione e prepararci a qualsiasi scenario”.

Israele è ufficialmente il primo Paese al mondo ad aver effettuato un’esercitazione di questo tipo, ma altri ne hanno discusso.

La Reuters aggiunge:

Il “wargame” israeliano prevede bambini che soffrono di ceppo COVID resistente ai vaccini

GERUSALEMME, 11 novembre (Reuters) – Il primo ministro israeliano Naftali Bennett e alcuni aiutanti si sono rintanati giovedì in un bunker del comando nucleare per simulare un focolaio di una variante COVID-19 resistente al vaccino a cui i bambini sono vulnerabili, descrivendo un’eventualità come ” la prossima guerra”.

Israele informerà i leader stranieri la prossima settimana sui risultati dell’esercitazione, ha detto, citando il britannico Boris Johnson tra le controparti con cui è in contatto.

Bennett ha affermato che, per aumentare la sfida dell’esercizio di un giorno, è stato tenuto all’oscuro di scenari specifici di una crisi immaginaria di 10 settimane che inizia durante le vacanze di dicembre.

La sceneggiatura vede un ceppo fittizio, “Omega”, aggirando i vaccini che Israele ha lanciato a un ritmo record quest’anno. leggi tutto Omega fa ammalare anche i bambini – in gran parte risparmiati dal virus attuale – provocando ricoveri di massa e chiusura delle scuole.

“Quello che ho imparato è che se ti prepari per la prossima guerra e non per la guerra precedente, la prossima pandemia e non la precedente pandemia, significa che sarai meglio preparato”, ha detto Bennett a Reuters dalla struttura nel Colline di Gerusalemme.

“La lezione principale è: muoviti veloce, muoviti forte”.

Come parte della simulazione, Bennett ha affermato di aver ordinato ai bambini israeliani, compresi i suoi quattro, di essere confinati nelle loro case mentre il governo sigillava i confini e conferiva con l’Autorità Palestinese, i funzionari di Gaza e la Giordania.

“A differenza di un wargame di guerra, un wargame di pandemia non è segreto. Al contrario, vogliamo condividere le informazioni”, ha detto.

Israele ha costruito il bunker, conosciuto come il “National Management Center”, più di un decennio fa a causa di preoccupazione per il programma nucleare iraniano per saperne di più e missilistici scambi con il Libano e Gaza.

Bennett ha detto che lui e i suoi collaboratori potrebbero gestire Israele “a tempo indeterminato” dal bunker in qualsiasi crisi importante.

Scritto da Dan Williams, montaggio di Timothy Heritage e Giles Elgood
ragion per cui:

Il comitato consultivo sulla pandemia di Israele sostiene il vaccino COVID per i bambini piccoli

GERUSALEMME, 10 novembre (Reuters) – Il comitato consultivo sulla pandemia di Israele mercoledì ha sostenuto la somministrazione del vaccino COVID-19 di Pfizer (PFE.N) e BioNTech ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, hanno affermato funzionari sanitari, mentre una quarta ondata di infezioni si attenua a livello nazionale.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino per la fascia di età alla dose di 10 microgrammi.

Lo scatto originale somministrato a persone di età pari o superiore a 12 anni è di 30 microgrammi. Pfizer e BioNTech hanno affermato che il loro vaccino ha mostrato un’efficacia del 90,7% contro il coronavirus in uno studio clinico su bambini di età compresa tra 5 e 11 anni.

https://www.maurizioblondet.it/sion-sa-qualcosa-che-noi-ignoriamo/

Nessun commento:

Posta un commento