L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 20 novembre 2021

I miliardari, padroni del mondo, si comprano l'informazione

Bill Gates ha versato 319 milioni di dollari ai media

Secondo il sito MintPress, Bill Gates avrebbe pagato ai media la favolosa cifra di 319 milioni di dollari.  dollari. Come si vedrà dall’articolo che postiamo sotto,  tra  i beneficiari di questi finanziamenti ci sono il Financial Times, la CNN, Der Spiegel, Le Monde, Guardian ed   El Pais. Tutto l’apparato mediatico internazionale che conta è al libro paga di Bill Gates. “Non c’è da sorprendersi se i media non mettono fine alla falsa narrazione pandemica e se questi descrivono i sieri sperimentali come “miracolosi”.  Ancor più strano sarebbe se i giornalisti italiani che ossessivamente, monotematicamente difendono il vax, ingigantiscono i “casi positivi”  ed esigono dal governo   le punizioni più dure per i no-vax, lo facessero gratis. Sarebbero stupidi.

Dpovcumenti lo dimostrano: Bill Gates ha donato 319 milioni di dollari ai media

Esaminando oltre 30.000 sovvenzioni nel database dell’azienda, MintPress può rivelare che la Gates Foundation ha finanziato centinaia di media e iniziative, per un importo di almeno 319 milioni di dollari.

di Alan Macleod

SEATTLE — Fino al suo recente disordinato divorzio, Bill Gates ha goduto di una sorta di pass gratuito nei media aziendali. Generalmente presentato come un nerd gentile che vuole salvare il mondo, il co-fondatore di Microsoft è stato persino battezzato senza ironia “Saint Bill” da The Guardian .

Mentre gli imperi mediatici di altri miliardari sono relativamente ben noti, la misura in cui il denaro di Gates sostiene il panorama dei media moderni non lo è. Dopo aver selezionato oltre 30.000 sovvenzioni individuali, MintPress può rivelare che la Bill and Melinda Gates Foundation (BMGF) ha effettuato donazioni per un valore di oltre 300 milioni di dollari per finanziare progetti mediatici.

I destinatari di questo denaro includono molte delle più importanti agenzie di stampa americane, tra cui CNN , NBC, NPR , PBS e The Atlantic . Gates sponsorizza anche una miriade di influenti organizzazioni straniere, tra cui BBC , The Guardian , The Financial Times e The Daily Telegraph nel Regno Unito; importanti giornali europei come Le Monde (Francia), Der Spiegel (Germania) ed El País (Spagna); così come grandi emittenti globali come Al-Jazeera .

Il denaro della Fondazione Gates destinato ai programmi per i media è stato suddiviso in una serie di sezioni, presentate in ordine numerico decrescente, e include un collegamento alla sovvenzione pertinente sul sito Web dell’organizzazione.

Premi direttamente ai media:

Insieme, queste donazioni ammontano a $ 166.216.526. Il denaro è generalmente diretto verso questioni vicine ai cuori di Gates. Ad esempio, la sovvenzione della CNN di $ 3,6 milioni è andata a “report[ing] sull’uguaglianza di genere con un focus particolare sui paesi meno sviluppati, producendo giornalismo sulle disuguaglianze quotidiane subite da donne e ragazze in tutto il mondo”, mentre il Texas Tribune ha ricevuto milioni per “per aumentare la consapevolezza e l’impegno del pubblico sui problemi della riforma dell’istruzione in Texas”. Dato che Bill è uno dei più ferventi sostenitori delle charter school , un cinico potrebbe interpretarlo come l’introduzione di propaganda pro-corporate della charter school nei media, mascherata da notizie oggettive.

La Gates Foundation ha anche donato quasi 63 milioni di dollari a enti di beneficenza strettamente allineati con i grandi media, tra cui quasi 53 milioni di dollari a BBC Media Action, oltre 9 milioni di dollari alla Fondazione Staying Alive di MTV e 1 milione di dollari al New York Times Neediest Causes Fund. Sebbene non finanzino specificamente il giornalismo, dovrebbero comunque essere notate le donazioni al braccio filantropico di un lettore multimediale.

Gates continua a sottoscrivere anche un’ampia rete di centri di giornalismo investigativo, per un totale di poco più di 38 milioni di dollari, più della metà dei quali è andata all’International Center for Journalists con sede a Washington per espandere e sviluppare i media africani.

Questi centri includono:

  • Centro internazionale per giornalisti – $ 20,436,938
  • Premium Times Center for Investigative Journalism (Nigeria) – $ 3,800,357
  • Il Pulitzer Center for Crisis Reporting – $2,432,552
  • Fondazione EurActiv Politech – $ 2.368.300
  • International Women’s Media Foundation – $ 1.500.000
  • Centro per i rapporti investigativi – $ 1,446,639
  • Istituto InterMedia Survey – $ 1,297,545
  • Il Bureau of Investigative Journalism – $ 1.068.169
  • Rete di Internet – $ 985.126
  • Media Center del Consorzio di comunicazione – $ 858.000
  • Istituto per le notizie senza scopo di lucro – $ 650.021
  • L’Istituto Poynter per gli studi sui media- $ 382.997
  • Wole Soyinka Center for Investigative Journalism (Nigeria) – $ 360,211
  • Institute for Advanced Journalism Studies – $ 254,500
  • Forum globale per lo sviluppo dei media (Belgio) – $ 124.823
  • Mississippi Center for Investigative Reporting – $ 100.000

Oltre a ciò, la Fondazione Gates fornisce denaro ad associazioni di stampa e giornalismo per almeno 12 milioni di dollari. Ad esempio, la National Newspaper Publishers Association, un gruppo che rappresenta più di 200 punti vendita, ha ricevuto 3,2 milioni di dollari.

L’elenco di queste organizzazioni include:

  • Associazione degli scrittori dell’istruzione – $ 5,938.475
  • Associazione nazionale degli editori di giornali – $ 3.249.176
  • National Press Foundation- $ 1.916.172
  • Consiglio di notizie di Washington – $ 698,200
  • Fondazione American Society of News Editors – $ 250.000
  • Comitato dei giornalisti per la libertà di stampa – $ 25.000

Questo porta il nostro totale corrente fino a $ 216,4 milioni.

La fondazione mette anche i soldi per formare direttamente giornalisti in tutto il mondo, sotto forma di borse di studio, corsi e workshop. Oggi è possibile per un individuo formarsi come reporter grazie a una sovvenzione della Gates Foundation, trovare lavoro in un punto vendita finanziato da Gates e appartenere a un’associazione di stampa finanziata da Gates. Ciò è particolarmente vero per i giornalisti che lavorano nei settori della salute, dell’istruzione e dello sviluppo globale, quelli in cui lo stesso Gates è più attivo e dove è più necessario esaminare le azioni e le motivazioni del miliardario.

Le sovvenzioni della Fondazione Gates relative all’istruzione dei giornalisti includono:

Il BMGF paga anche per una vasta gamma di campagne mediatiche specifiche in tutto il mondo. Ad esempio, dal 2014 ha donato 5,7 milioni di dollari alla Population Foundation of India per creare drammi che promuovono la salute sessuale e riproduttiva, con l’intento di aumentare i metodi di pianificazione familiare nell’Asia meridionale. Nel frattempo, ha stanziato oltre 3,5 milioni di dollari a un’organizzazione senegalese per sviluppare programmi radiofonici e contenuti online con informazioni sulla salute. I sostenitori considerano questo un aiuto per i media sottofinanziati in modo critico, mentre gli oppositori potrebbero considerarlo un caso di un miliardario che usa i suoi soldi per piantare le sue idee e opinioni nella stampa.

Progetti media supportati dalla Fondazione Gates:

Totale: $ 97,315,408

 

319,4 milioni di dollari e (molto) di più

Sommati insieme, questi progetti mediatici sponsorizzati da Gates ammontano a un totale di 319,4 milioni di dollari. Tuttavia, ci sono evidenti carenze con questo elenco non esaustivo, il che significa che la cifra reale è senza dubbio molto più alta. Innanzitutto, non conta le sovvenzioni secondarie, ovvero denaro dato dai destinatari ai media di tutto il mondo. E mentre la Fondazione Gates promuove un’aria di apertura su se stessa, in realtà ci sono poche preziose informazioni pubbliche su ciò che accade ai soldi di ciascuna sovvenzione, tranne per una breve descrizione di una o due frasi scritta dalla fondazione stessa sul suo sito web . Sono state conteggiate solo le donazioni alle organizzazioni di stampa stesse oi progetti che potrebbero essere identificati dalle informazioni sul sito Web della Fondazione Gates come campagne mediatiche, il che significa che migliaia di sovvenzioni con qualche elemento mediatico non compaiono in questo elenco.

Un esempio calzante è la partnership del BMGF con ViacomCBS, la società che controlla CBS News , MTV, VH1, Nickelodeon e BET . I resoconti dei media all’epoca notarono che la Gates Foundation stava pagando il gigante dell’intrattenimento per inserire informazioni e PSA nella sua programmazione e che Gates era intervenuto per cambiare le trame in spettacoli popolari come ER e Law & Order: SVU.

Tuttavia, quando si controlla il database delle sovvenzioni di BMGF, “Viacom” e “CBS” non si trovano da nessuna parte, la probabile sovvenzione in questione (per un totale di oltre $ 6 milioni) descrive semplicemente il progetto come una “campagna di impegno pubblico volta a migliorare i tassi di diploma di scuola superiore e tassi di completamento postsecondari specificamente rivolti a genitori e studenti”, il che significa che non è stato conteggiato nel totale ufficiale. Ci sono sicuramente molti altri esempi come questo. “Per un ente di beneficenza con privilegi fiscali che molto spesso sbandiera l’importanza della trasparenza, è straordinario quanto sia intensamente riservata la Fondazione Gates sui suoi flussi finanziari” , ha detto a MintPress Tim Schwab , uno dei pochi giornalisti investigativi che ha scrutato il miliardario della tecnologia . .

Non sono inoltre incluse le sovvenzioni finalizzate alla produzione di articoli per riviste accademiche. Sebbene questi articoli non siano destinati al consumo di massa, costituiscono regolarmente la base per le storie sulla stampa principale e aiutano a modellare le narrazioni su questioni chiave. La Gates Foundation ha donato in lungo e in largo a fonti accademiche, con almeno 13,6 milioni di dollari destinati alla creazione di contenuti per la prestigiosa rivista medica The Lancet .

E, naturalmente, anche i soldi dati alle università per progetti puramente di ricerca alla fine finiscono nelle riviste accademiche e, infine, a valle nei mass media. Gli accademici sono sottoposti a forti pressioni per stampare i loro risultati su riviste prestigiose; “pubblica o muori” è il mantra nei dipartimenti universitari. Pertanto, anche questo tipo di sovvenzioni ha un effetto sui nostri media. Né queste né le sovvenzioni che finanziano la stampa di libri o la creazione di siti web sono conteggiate nel totale, sebbene anch’esse siano forme di media.

 

Profilo basso, tentacoli lunghi

Rispetto ad altri miliardari della tecnologia, Gates ha mantenuto il suo profilo di controller dei media relativamente basso. L’ acquisto del Washington Post da parte del fondatore di Amazon Jeff Bezos per 250 milioni di dollari nel 2013 è stata una forma molto chiara e ovvia di influenza dei media, così come la creazione di First Look Media, la società proprietaria di The Intercept , da parte del fondatore di eBay Pierre Omidyar .

Nonostante volino di più sotto il radar, Gates e le sue aziende hanno accumulato una notevole influenza sui media. Ci affidiamo già a prodotti di proprietà di Microsoft per la comunicazione (es. Skype, Hotmail), i social media (LinkedIn) e l’intrattenimento (Microsoft XBox). Inoltre, l’hardware e il software che usiamo per comunicare vengono spesso gentilmente concessi dal 66enne Seattleite. Quante persone che leggono questo lo fanno su un telefono Microsoft Surface o Windows e lo fanno tramite il sistema operativo Windows? Non solo, Microsoft possiede partecipazioni in giganti dei media come Comcast e AT&T . E la “MS” in MSNBC sta per Microsoft.

I custodi di Media Gates

Il fatto che la Fondazione Gates stia sottoscrivendo una fetta significativa del nostro ecosistema mediatico porta a seri problemi di obiettività. “Le sovvenzioni della fondazione alle organizzazioni dei media… sollevano ovvie domande sul conflitto di interessi: come possono essere imparziali i rapporti quando un attore importante tiene i cordoni della borsa?” ha scritto il Seattle Times locale di Gates nel 2011. Questo è stato prima che il giornale accettasse i soldi del BMGF per finanziare la sua sezione “laboratorio educativo”.

La ricerca di Schwab ha scoperto che questo conflitto di interessi arriva fino in cima: due editorialisti del New York Times hanno scritto entusiasticamente per anni sulla Gates Foundation senza rivelare che lavorano anche per un gruppo – il Solutions Journalism Network – che, come mostrato sopra, ha ricevuto oltre 7 milioni di dollari dall’ente di beneficenza del miliardario tecnologico.

All’inizio di quest’anno, Schwab ha anche rifiutato di collaborare a una storia su COVAX per il Bureau of Investigative Journalism , sospettando che il denaro che Gates stava pompando nell’outlet avrebbe reso impossibile riferire con precisione su un argomento così vicino al cuore di Gates. Abbastanza sicuro, quando l’articolo è stato pubblicato il mese scorso, ha ripetuto l’affermazione che Gates aveva poco a che fare con il fallimento di COVAX, rispecchiando la posizione del BMGF e citandola dappertutto. Solo alla fine della storia di oltre 5.000 parole è stato rivelato che l’organizzazione che difendeva pagava gli stipendi del suo personale.

“Non credo che Gates abbia detto al Bureau of Investigative Journalism cosa scrivere. Penso che l’FBI sapesse implicitamente, anche se inconsciamente, di dover trovare un modo per raccontare questa storia che non prendesse di mira il loro finanziatore. Gli effetti di distorsione dei conflitti finanziari sono complessi ma molto reali e affidabili”, ha detto Schwab, descrivendolo come “un caso di studio sui pericoli del giornalismo finanziato da Gates”.

MintPress ha anche contattato la Bill and Melinda Gates Foundation per un commento, ma non ha risposto.

Gates, che ha accumulato la sua fortuna costruendo un monopolio e proteggendo con zelo la sua proprietà intellettuale, è responsabile in modo significativo del fallimento del lancio del vaccino contro il coronavirus in tutto il mondo. A parte il fiasco COVAX, ha fatto pressioni sull’Università di Oxford per non rendere il suo vaccino finanziato pubblicamente open-source e disponibile a tutti gratuitamente, ma invece per collaborare con la società privata AstraZeneca, una decisione che ha significato che coloro che non potevano pagare sono stati bloccati dall’usarlo. Che Gates abbia fatto oltre 100 donazioni all’università, per un totale di centinaia di milioni di dollari, probabilmente ha avuto un ruolo nella decisione. Ad oggi, meno del 5%delle persone nei paesi a basso reddito ha ricevuto anche una sola dose di vaccino COVID. Il bilancio delle vittime di questo è immenso.

Sfortunatamente, molte di queste vere critiche a Gates e alla sua rete sono oscurate da teorie cospirative selvagge e false su cose come l’inserimento di microchip nei vaccini per controllare la popolazione. Ciò ha significato che le critiche autentiche del co-fondatore di Microsoft sono spesso demonetizzate e soppresse algoritmicamente, il che significa che i punti vendita sono fortemente dissuasi dal trattare l’argomento, sapendo che probabilmente perderanno denaro se lo fanno. La scarsità di controlli sul secondo individuo più ricco del mondo, a sua volta, alimenta stravaganti sospetti.

Gates se lo merita sicuramente. A parte i suoi legami profondi e potenzialmente decennali con il famigerato Jeffrey Epstein, i suoi tentativi di cambiare radicalmente la società africana e il suo investimento nel controverso gigante chimico Monsanto, è forse il motore chiave dietro il movimento delle scuole charter americane – un tentativo di sostanzialmente privatizzare il sistema educativo statunitense. Le charter school sono profondamente impopolari tra i sindacati degli insegnanti, che vedono il movimento come un tentativo di ridurre la loro autonomia e ridurre il controllo pubblico su come e cosa viene insegnato ai bambini.

 

Fino alla banca

Nella maggior parte dei servizi, le donazioni di Gates sono generalmente presentate come gesti altruistici. Eppure molti hanno indicato i difetti intrinseci di questo modello, osservando che consentire ai miliardari di decidere cosa fare con i loro soldi consente loro di stabilire l’agenda pubblica, dando loro un enorme potere sulla società. “La filantropia può ed è utilizzata deliberatamente per distogliere l’attenzione dalle diverse forme di sfruttamento economico che sono alla base della disuguaglianza globale oggi”, ha affermato Linsey McGoey , professoressa di sociologia presso l’Università dell’Essex, nel Regno Unito, e autrice di No Such Thing as a Free Gift : La Fondazione Gates e il prezzo della filantropia. Lei aggiunge:

Il nuovo “filantrocapitalismo” minaccia la democrazia aumentando il potere del settore aziendale a scapito delle organizzazioni del settore pubblico, che affrontano sempre più strette di bilancio, in parte remunerando eccessivamente le organizzazioni a scopo di lucro per fornire servizi pubblici che potrebbero essere forniti a un prezzo più basso senza coinvolgimento del settore privato”.

La carità, come ha osservato l’ex primo ministro britannico Clement Attlee, “è una cosa fredda e grigia senza amore. Se un uomo ricco vuole aiutare i poveri, dovrebbe pagare le tasse con gioia, non elargire soldi per capriccio”.

Niente di tutto ciò significa che le organizzazioni che ricevono i soldi di Gates – media o altro – siano irrimediabilmente corrotte, né che la Fondazione Gates non faccia del bene al mondo. Ma introduce un evidente conflitto di interessi per cui le stesse istituzioni su cui ci affidiamo per ritenere responsabile uno degli uomini più ricchi e potenti nella storia del pianeta vengono tranquillamente finanziate da lui. Questo conflitto di interessi è uno di quelli che i media aziendali hanno ampiamente cercato di ignorare, mentre il presunto filantropo altruista Gates continua a diventare più ricco, ridendo fino alla banca.

Foto caratteristica | Bill Gates ascolta durante l’evento “Accelerare l’innovazione e l’implementazione di tecnologie pulite” al vertice sul clima delle Nazioni Unite COP26, 2 novembre 2021, a Glasgow, in Scozia. Evan Vucci | Piscina tramite AP

Alan MacLeod  è Senior Staff Writer per MintPress News. Dopo aver completato il suo dottorato di ricerca nel 2017 ha pubblicato due libri:  Bad News From Venezuela: venti anni di notizie false e dichiarazioni inesatte  e  Propaganda nell’era dell’informazione: Ancora fabbrica del consenso


https://www.maurizioblondet.it/bill-gates-ha-versato-319-milioni-di-dollari-ai-media/

Nessun commento:

Posta un commento