L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 18 novembre 2021

Influenza covid - Questa crisi è stata realmente spontanea ed inattesa o è stata pianificata? Esistono forze occulte che dirigono la storia? Che cos’è la "teoria del complotto"? C’è una differenza, semantica e concettuale, tra congiure, cospirazioni e complotti?

Accademia di alti studi secondo la legge naturale e cristiana

SOCIETA' e POLITICA

Da mercoledì 24 NOVEMBRE ore 21

a cura del Prof. Roberto de Mattei


La crisi sanitaria, ma anche politica, sociale e psicologica, innescata dalla pandemia di Coronavirus, ha suscitato numerose domande. Questa crisi è stata realmente spontanea ed inattesa o è stata pianificata? Esistono forze occulte che dirigono la storia? Che cos’è la "teoria del complotto"? C’è una differenza, semantica e concettuale, tra congiure, cospirazioni e complotti?
A queste domande intende rispondere il corso, in tre lezioni, del prof. Roberto de Mattei, storico della Chiesa e delle idee politiche e sociali.


NOVITÀ!!
É possibile iscriversi anche al SINGOLO CORSO senza sottoscrivere un abbonamento. Puoi acquistare singolarmente anche i corsi già conclusi e disponibili on demand.
per vedere quelli disponibili

Prof. Roberto de Mattei
DOCENTE

Roberto de Mattei, presidente della Fondazione Lepanto, ha insegnato Storia Moderna presso le università di Cassino, Roma-La Sapienza e Europea di Roma e tra il 2003 e il 2011 è stato vice-presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche, con delega nel settore delle Scienze Umane È autore di circa trenta libri, tradotti in varie lingue, tra cui Il Concilio Vaticano II, una storia mai scritta (Lindau, Torino, 2010, Premio Acqui-Storia 2011, tradotto in otto lingue) e, recentemente, La sovranità necessaria. Riflessioni sulla crisi dello stato moderno (I libri del Borghese, 2019), La critica alla rivoluzione nel pensiero di Augusto Del Noce (Le Lettere, 2019), Love for the Papacy and Filial Resistance to the Pope in the History of the Church (Angelico Press 2019). È stato inoltre membro dei Consigli Direttivi dell’Istituto Storico Italiano per l’Età Moderna e Contemporanea e del Consiglio Direttivo della Società Geografica Italiana e membro del Board of Guarantees della Italian Academy presso la Columbia University di New York (2005-2011).

Nessun commento:

Posta un commento