L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 9 novembre 2021

L'Intelligenza Artificiale può acquisire la consapevolezza di se? e se è si combatterà per la sua esistenza

INTELLIGENZA ARTIFICIALE, PUBBLICATO: 8 NOVEMBRE 18:51

L'intelligenza artificiale diventerà incontrollabile!

DI IMMA DUNI

L'intelligenza artificiale in questi ultimi anni sta prendendo completamente il sopravvento sulle nostre vite. L'IA ormai fa parte delle attività quotidiane di tantissime persone e questo è fonte di preoccupazione perché molti esseri umani potrebbero diventare dipendenti da essa. Oltre a questo ci si chiede come potrebbe questo tipo di intelligenza influenzare il futuro dell'umanità? Potrebbe mai diventare incontrollabile e pericolosa? Scopriamolo!


L'intelligenza artificiale in questi ultimi anni sta prendendo completamente il sopravvento sulle nostre vite. L'IA ormai fa parte delle attività quotidiane di tantissime persone e questo è fonte di preoccupazione perché molti esseri umani potrebbero diventare dipendenti da essa.

Ed è proprio a questo proposito che ci si chiede: l'intelligenza artificiale come potrebbe influenzare nel lungo termine l'umanità? Potrebbe mai diventare incontrollabile e pericolosa? Alcuni ricercatori hanno tentato di rispondere a queste domande e le risposte non sono affatto confortanti.

Intelligenza artificiale: più viene più sviluppata e più è difficile da contenere

L'intelligenza artificiale super intelligente è difficile da controllare perché, in un certo senso, va oltre la comprensione umana. Gli esseri umani possono trovare davvero difficoltoso controllare le intelligenze artificiali di alto livello.

Secondo un rapporto di Science Alert di qualche giorno fa, l'intelligenza artificiale, sebbene sia programmata da esseri umani, una volta che questi ultimi hanno fatto il loro lavoro con la programmazione del sistema informatico, non possono porre più alcuna limitazione.

Verrà un giorno, dunque, in cui la super intelligenza artificiale supererà le prestazioni degli esseri umani, diventando, di conseguenza, incontrollabile.

Per dirla in parole povere, l'intelligenza artificiale super intelligente potrebbe cambiare un programma per computer solo attraverso la sua memoria.

Secondo Iyad Rahwan, informatico del Max-Planck Institute for Human Development, non esiste alcun algoritmo di contenimento applicabile all'intelligenza artificiale. E anche pensare di insegnare l'etica all'IA, non è realizzabile, perché ne limiterebbe le capacità.

Capiamo bene che un'intelligenza artificiale, super potente, incontrollabile e senza etica, sarebbe davvero un pericolo per l'essere umano.

Allora la domanda sorge spontanea: perché gli esseri umani creano un'intelligenza artificiale super intelligente se un giorno rischiano di non saperla controllare e di non poterla utilizzare nemmeno per soluzioni globali?

Per Manual Cebrian, un altro esperto di informatica, la domanda è: "Questo potrebbe ad un certo punto diventare incontrollabile e pericoloso per l'umanità?". La risposta è: non si sa, nulla ci assicura che questo non accadrà mai.

Qual è l'obbiettivo dell'Intelligenza Artificiale?

Si prevede che l'IA aggiungerà 13 trilioni di dollari all'economia globale entro il prossimo decennio. Sta sicuramente contribuendo a rendere il mondo un posto più veloce e intelligente, ma non è una tendenza passeggera. E' stata creata per restare e acquisire sempre più potere.

L'informatico americano John McCarthy, che è stato anche uno dei fondatori della disciplina dell'intelligenza artificiale, ha definito l'intelligenza artificiale come "la scienza e l'ingegneria per creare macchine intelligenti, in particolare programmi per computer intelligenti. È collegato al compito simile di usare i computer per comprendere l'intelligenza umana”.

Ciò significa che l'obiettivo dell'intelligenza artificiale è creare macchine che pensino e agiscano come gli esseri umani e utilizzino l'intelligenza umana per risolvere problemi ed eseguire attività normalmente svolte dalle persone ma in modo più efficiente.

L'apprendimento automatico è il ramo dell'intelligenza artificiale più popolare in questo momento e significa semplicemente la creazione di sistemi in grado di apprendere dalle proprie esperienze e dai dati raccolti senza che ci sia alcun intervento umano.

L'Intelligenza Artificiale fa già parte della nostra vita quotidiana

L'intelligenza artificiale fa già parte della nostra vita quotidiana. La usiamo quando controlliamo le e-mail durante gli acquisti online e per facilitare la connessione con i nostri amici e familiari sui social media. Google utilizza l'intelligenza artificiale per prevedere ciò che desideri acquistare online, oppure quando termina le frasi al posto tuo.

Inoltre, viene usata l'IA quando si ottengono le indicazioni stradali per un luogo con le mappe digitali.

È quindi evidente che, così come l'IA ha cambiato la nostra vita quotidiana, cambierà anche il modo in cui gestiamo gli affari, i soldi, gli investimenti. L'esperto di investimenti e membro di spicco del team "Shark Tank", Mark Cuban, ha dichiarato: "Per quanto grande sia stato l'impatto dei PC, per quanto grande sia stato Internet, l'intelligenza artificiale li farà impallidire. E se non lo capisci, rimarrai indietro. Soprattutto se gestisci un'impresa.”

Il mondo finanziario si è evoluto e ha sviluppato soluzioni intelligenti per stare al passo con le esigenze uniche dei consumatori nell'era digitale.

In che modo l'intelligenza artificiale sta cambiando il mondo della finanza?

Per esempio è molto utile per prevenire le frodi, soprattutto quelle con carta di credito e il riciclaggio di denaro, monitorando grandi depositi e attività insolite. I programmi basati sull'intelligenza artificiale possono ora analizzare il normale comportamento dei clienti e rilevare rapidamente quando qualcosa è fuori dall'ordinario.

Oppure grazie all'IA si possono fare investimenti basati su dati. Le applicazioni di intelligenza artificiale vengono utilizzate per regolare l'offerta, la domanda e il prezzo dei titoli. Sono anche in grado di prevedere con precisione l'andamento delle azioni analizzando i dati passati. Inoltre, i sistemi di intelligenza artificiale possono fornire opzioni di investimento più personalizzate tenendo conto degli obiettivi dell'investitore e delle precedenti abitudini finanziarie.

Anche le applicazioni bancarie personali sono un prodotto dell'intelligenza artificiale e vengono utilizzate per fornire servizi personalizzati al consumatore con il semplice tocco di un pulsante.

I clienti non hanno più bisogno di recarsi presso la filiale fisica della banca per svolgere attività di routine come il controllo del saldo, la richiesta di estratti conto e il monitoraggio dell'attività del conto.

L'intelligenza artificiale sta trasformando i mercati finanziari garantendo una maggiore precisione nell'analisi, nelle previsioni e nelle decisioni di trading. I consulenti che utilizzano l'intelligenza artificiale, sono in grado di analizzare una quantità enorme di dati ed eseguire operazioni a un prezzo soddisfacente.

Anche la NASDAQ utilizza l'intelligenza artificiale per rilevare attività di trading irregolari e potenzialmente dannose sul mercato azionario statunitense. Nell'area del forex, per esempio, l'intelligenza artificiale ha apportato enormi miglioramenti attraverso programmi di analisi predittiva che identificano i modelli di mercato e si commettono meno errori nell'elaborazione dei dati.

Non si può negare che l'intelligenza artificiale abbia portato enormi cambiamenti nel mondo della finanza e degli investimenti. Il panorama sta cambiando rapidamente e sia le organizzazioni finanziarie che i loro clienti dovranno adeguarsi di conseguenza.

Tuttavia il ragionamento iniziale resta valido e le domande che alcuni ricercatori si fanno sono domande legittime: arriverà mai un giorno in cui l'intelligenza artificiale sarà incontrollabile e pericolosa per l'uomo?

Kissinger dice la sua sull'Intelligenza Artificiale

Henry Kissinger, ex Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America pensa seriamente che gli stati non abbiano ancora esaminato attentamente l'implicazione geopolitica che potrà avere in futuro l'Intelligenza artificiale.

Kissinger afferma che se si immagina una potenziale guerra tra Cina e Stati Uniti, con armi guidate da un'intelligenza artificiale, potrebbe accadere un disastro. Perché? Semplice: perché se dici ad una IA "L'obiettivo A è quello che voglio", lei potrebbe decidere che qualcos'altro soddisfa ancora meglio i criteri che le sono stati impartiti.

In secondo luogo, dal momento che nessuno ha davvero testato l'Intelligenza Artificiale in questo campo e su un'operazione su larga scala, non si può dire esattamente cosa accadrà quando gli aerei da combattimento guidate da IA interagiranno nei cieli. Si avrà una potenziale incertezza che potrebbe essere distruttiva.

"Il nostro mondo non è affatto preparato per questo", conclude Kissinger.

Nessun commento:

Posta un commento