L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 21 novembre 2021

Nessuna correlazione. Solo aumenti della cardiopatia ischemica, cirrosi epatica e diabete, e qualche morto in più di giovani sportivi

Un po’ di Fake News

Maurizio Blondet 20 Novembre 2021

E’ incredibile quante notizie false i No-vax riescono a ricavare persino dall’EMA

Il database ufficiale dell’Unione Europea sta ora segnalando 30.551 decessi e 1.163.356 reazioni avverse dai vaccini COVID Pfizer, Moderna, Johnson & Johnson e AstraZeneca fino al 13 novembre 2021 sulla base dei dati presentati al suo sistema.

Secondo l’ Agenzia europea per i medicinali , sito web ufficiale dell’Unione europea, i dati delle reazioni avverse ai vaccini COVID-19 sono stati pubblicati nel portale ADRreports.eu che “consente agli utenti di visualizzare il numero totale di segnalazioni individuali di sospetti effetti collaterali (noto come ICSR).” […]

Sopra: Effetti collaterali da altri vaccini (o farmaci) rispetto ai sieri Covid. Fake News OMS!


Gli ultimi dati dell’Office for National Statistics hanno mostrato che l’Inghilterra e il Galles hanno registrato 20.823 morti in più rispetto alla media quinquennale nelle ultime 18 settimane. Solo 11.531 decessi hanno coinvolto Covid.

Significa che 9.292 decessi – il 45 per cento – non erano collegati alla pandemia .
“Abbiamo urgente bisogno di capire cosa non va”

Il professor Carl Heneghan, direttore del Center for Evidence-Based Medicine dell’Università di Oxford, ha dichiarato: “Chiedo un’indagine urgente.

“Se guardi dove sta accadendo l’eccesso, è in condizioni come la cardiopatia ischemica , la cirrosi epatica e il diabete, tutte potenzialmente reversibili.


Elliot Overton DipCNM, CFMP
Poco dopo aver ricevuto la sua seconda dose del vaccino Pfizer COVID all’inizio di quest’anno, il subacqueo professionista Florian Dagoury, che è tra i principali detentori del record mondiale di apnea statica (trattenere il respiro sott’acqua), ha notato strani cambiamenti nella sua frequenza cardiaca a riposo e capacità respiratorie. Quattro settimane dopo, dopo aver visitato un cardiologo , ricevette una diagnosi di miocardite e banale rigurgito mitralico . Senza precedenti di malattie cardiovascolari, ha concluso che questi effetti sono stati prodotti dal vaccino Pfizer.

Questa è una piccola frazione del numero totale di atleti di alto profilo che sono stati improvvisamente colpiti da malattie cardiovascolari nel 2021 finora. Poiché la miocardite è una condizione estremamente pericolosa del cuore con il potenziale di causare danni permanenti, ciò può significare che questi atleti non torneranno mai più all’attività sportiva professionale.

Inoltre, c’è una lunga lista di altri giovani atleti che non sono stati così fortunati e sono scomparsi misteriosamente o inaspettatamente quest’anno:

Benjamin Taft (calciatore tedesco), 33 anni, sviene dopo la partita, muore di infarto.
Luis Ojeda (calciatore argentino), 20 anni, giocatore muore improvvisamente.
David Jenkins (palombaro medaglia d’argento olimpica e allenatore britannico), 31 anni, muore improvvisamente, causa della morte attualmente sconosciuta.
Giuseppe Perrino (ex calciatore professionista), 29 anni, muore d’infarto durante la partita.
Avi Barot (giocatore di cricket), 29 anni, subisce un arresto cardiaco e poi muore.
Jens De Smet (calciatore), 27 anni, sviene in campo e muore per infarto.

Quanto sopra rappresenta solo alcuni esempi di lesioni cardiache improvvise, morte o morte per cause sconosciute vissute da giovani atleti di sesso maschile nel 2021. Questi eventi e resoconti dei media vengono monitorati in modo più completo su diversi siti Web. Un elenco tedesco raccoglie oltre 75 resoconti di eventi simili dal giugno 2021 , mentre un altro elenco, pubblicato in ebraico, documenta l’ incredibile numero di 183 eventi dal dicembre 2020. La stragrande maggioranza si è verificata nei maschi, inclusi oltre 100 decessi.

Un rapporto dei media israeliani (tradotto in inglese da americasfrontlinedoctors.org ) documenta a Aumento del 500% delle morti cardiache improvvise/inspiegabili tra gli atleti FIFA nel 2021 rispetto all'anno precedente.

È risaputo, infatti, che la morte improvvisa degli atleti è superiore alla media della popolazione. La ricerca suggerisce che le prestazioni atletiche a livello semi-professionale/professionale comportano un aumento del rischio di 2,4-4,5 di arresto cardiaco/morte improvviso rispetto ai non atleti . Inoltre, i maschi sono maggiormente colpiti, dove c’è un rischio da tre a cinque volte maggiore di sviluppare morte cardiaca improvvisa rispetto alle loro controparti femminili. La miocardite è solo una delle cause sottostanti e si ritiene che rappresenti il 4-9% degli eventi cardiaci tra gli atleti. È difficile ottenere dati sul numero totale di lesioni cardiache negli atleti di tutto il mondo, sebbene si stimi che la morte cardiaca improvvisa si verifichi in uno ogni 40.000-200.000 atleti.

A questo punto, non ci sono prove sufficienti per affermare che tutti o anche la maggior parte di questi tragici eventi nel 2021 siano stati causati dall'uno o dall'altro dei vaccini COVID. Ma abbiamo ragionevoli motivi per chiederci se sia possibile che le campagne di vaccinazione di massa siano responsabili di una parte significativa di questi eventi improvvisi in questa fascia di età.

Inoltre, dato che gli eventi cardiaci sono probabilmente solo una serie di lesioni, è ragionevole chiedersi se i vaccini COVID abbiano un effetto altrettanto distruttivo sulla salute dei giovani in generale.

Tendenze preoccupanti nella mortalità dopo la vaccinazione di massa

In un documento intitolato ” Valutazione degli esperti sugli effetti avversi della vaccinazione Pfizer-COVID-19 ” pubblicato nel maggio 2021, il dott. Herve Seligman ha avvertito che la vaccinazione di massa comporterebbe un numero significativo di gravi eventi e morti, e che ciò colpirebbe in modo sproporzionato i giovani. Ha dimostrato maggiori tassi di mortalità COVID nei vaccinati rispetto ai non vaccinati e ulteriori analisi hanno mostrato che per le età 20-90, la mortalità vaccinale era inversamente proporzionale all’età. Lui spiega:

“Più forte è il sistema immunitario, meno è probabile che si sviluppino sintomi indotti da COVID19. Quindi, gli anziani sono più colpiti dei giovani adulti, gli uomini più delle donne e le persone con condizioni preesistenti, inclusi gli obesi, rispetto alle persone fisicamente in forma. . vaccino reazioni avverse tendono a comportarsi nel modo opposto. Essi sono proporzionali alla forza del sistema immunitario, come molti effetti avversi associati ai vaccini sono reazioni eccessive del sistema immunitario . Questi sono più frequenti negli adulti più giovani e nelle donne, il quadro demografico opposto a quello per il COVID19″.

Le prove rese disponibili da allora hanno dimostrato che l’avvertimento del dottor Seligman è accurato. Non solo il vaccino NON protegge dalla morte per COVID , ma sembra effettivamente aumentare il rischio di morte. L’analisi di Matthew Crawford sui tassi di mortalità in tredici paesi prima e dopo l’implementazione delle campagne di vaccinazione di massa ha mostrato un incredibile aumento di 11,6 volte nelle morti per COVID post-vaccinazione .

Il tasso di decessi dovuti a “risultati clinici anormali” negli Stati Uniti ha mantenuto una media costante fino a circa marzo/aprile 2021. Improvvisamente i decessi hanno iniziato a salire e hanno continuato ad aumentare fino a settembre. Questo aumento era strettamente correlato con le dosi settimanali somministrate.

Anche al mountain biker professionista Kyle Warner è stata recentemente diagnosticata una pericardite, insieme alla sindrome da tachicardia ortostatica posturale, che sono iniziate entrambe poco dopo aver ricevuto l’iniezione di Pfizer. Kyle ha condiviso la sua esperienza sul suo canale YouTube e ha anche partecipato a una tavola rotonda al Senato degli Stati Uniti sulle reazioni ai vaccini all’inizio di novembre.

L’ex calciatore del West Ham United Pedro Obiang è stato ricoverato in ospedale per 10-15 giorni poco dopo aver ricevuto il vaccino COVID a luglio. Al 29enne è stato anche detto che aveva la miocardite e, di conseguenza, non era in grado di praticare alcuna attività sportiva per almeno 6 mesi.

Allo stesso modo, il ciclista medaglia d’oro olimpica 2016 Greg Van Avermaet è stato costretto a lasciare il campionato del mondo di quest’anno dopo aver subito lesioni dal vaccino Pfizer nel mese di giugno.

Aumento delle morti tra giovani adulti e adolescenti

Un rapporto che esamina le statistiche sulla mortalità in eccesso nei giovani adulti è stato pubblicato dal dott. Steve Ohana e dalla dott.ssa Alexandra Henrion-Caude. Ha mostrato che i decessi in eccesso negli adulti di età inferiore ai 50 anni erano più alti nei paesi che utilizzavano campagne di vaccinazione di massa (Regno Unito, Israele e Ungheria) rispetto ad altri paesi che non lo facevano. L’aumento maggiore è stato mostrato per le età 20-29 .
((Articolo molto lungo e con decine di tabelle. Se inmteressati, andate sull’originale -traduzione automatica funziona)

Nessun commento:

Posta un commento