L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 26 novembre 2021

Una malattia basata solo su tamponi farlocchi che non distinguono il mal di gola, dal raffreddore, dall'influenza produce un'isterismo delle istituzioni che mette paura

L'esercito australiano inizia a trasferire casi positivi al COVID, contatti nei campi di quarantena

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
MARTEDÌ 23 NOVEMBRE 2021 - 04:44

L'esercito australiano ha iniziato a rimuovere con la forza i residenti nei Territori del Nord nel campo di quarantena di Howard Springs situato a Darwin, dopo che nove nuovi casi di Covid-19 sono stati identificati nella comunità di Binjari. La mossa arriva dopo che sabato sera sono stati istituiti duri lockdown nelle comunità di Binjari e della vicina Rockhole.

Howard Springs Quarantine Facility ha una capacità di 2.000 arrivi all'estero e circa 1.000 viaggiatori nazionali. (AAP: Glenn Campbell)

"I residenti di Binjari e Rockhole non hanno più le cinque ragioni per lasciare le loro case",ha detto il primo ministro del Territorio del Nord, Michael Gunner,riferendosi ai cinque motivi consentiti del paese per evitare il blocco (acquisto di cibo e forniture, esercizio fisico per un massimo di due ore, assistenza o assistenza, lavoro o istruzione se non può essere fatto da casa e per essere vaccinati nel luogo più vicino possibile).

"Possono partire solo per cure mediche, in caso di emergenza o come richiesto dalla legge."

"È molto probabile che più residenti saranno trasferiti a Howard Springs oggi,sia come casi positivi che come contatti stretti", ha continuato, aggiungendo"Abbiamo già identificato 38 contatti stretti da Binjari, ma quel numero salirà. Quei 38 sono in fase di trasferimento ora."

"Ieri sera ho contattato il Primo Ministro. Siamo grati per il supporto di circa 20 membri del personale ADF, così come i camion dell'esercito per assistere con il trasferimento di casi positivi e contatti stretti - e per sostenere le comunità.

Oggi stiamo facendo una valutazione di quali risorse extra potremmo aver bisogno dai federali, e il primo ministro è pronto ad aiutare ulteriormente – lo ringrazio per questo".

Orologio:

"Siamo consapevoli del fatto che questo può avere un impatto sulla salute mentale delle persone e sul loro benessere generale", ha detto il commissario di polizia Jamie Chalkner a NT News. .

Da notare, i Territori del Nord ospitano una grande percentuale di indigeni australiani. Come osserva Steve Milne di Epoch Times:

Secondo l'Australian Institute of Health and Welfare,nel 2018-19, quasi un australiano indigeno su cinque viveva in abitazioni sovraffollate (18 per cento), rispetto al 5 per cento degli australiani non indigeni. Sebbene questa percentuale fosse diminuita dal 27% nel 2004, significava ancora che circa 145.340 indigeni australiani vivevano in abitazioni sovraffollate nel 2018-19.

Inoltre, più un'area remota, maggiore è la percentuale di indigeni australiani che vivono in abitazioni sovraffollate (26% in aree remote e 51% in aree "molto remote" ), rispetto all'8 e al 22% in aree non remote.

Cinque giorni fa, il senatore del NT Malarndirri McCarthy ha dichiarato alla ABC che l'affollamento eccessivo nelle comunità indigene era un "problema enorme", indicando il secondo gruppo di nuove infezioni della regione - che includeva nove membri della famiglia diretta di McCarthy, tra cui sua sorella che volò da Katherine a Robinson River mentre inconsapevolmente portava con sé COVID-19, secondo il rapporto.

"Se potessimo ottenere alloggi lì in questo momento, lo spingerei immediatamente al governo federale e al governo del NT per lavorare su questo, ma ovviamente abbiamo bisogno delle risorse per farlo", ha detto.

Dei nove nuovi casi a Binjari, quattro sono donne e cinque sono uomini, tra cui una donna di 78 anni che è stata trasportata al Darwin Hospital.

Domenica sono stati segnalati zero nuovi casi di COVID-19, tuttavia il ministro Gunner ha dichiarato di essere preoccupato per la "mescolanza tra le famiglie" a Binjari e Rockhole, le cui popolazioni sono rispettivamente di circa 220 e 130.

Domenica, Gunner ha dichiarato: "Sì, queste sono misure forti, ma la minaccia per le vite è estrema. ."

Bella gente...

3,058

Nessun commento:

Posta un commento