L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 10 dicembre 2021

Attacco di Euroimbecilandia alla proprietà della casa abitativa

Il commento di Carlo Grossi sulla direttiva UE

VEDO CORVI VOLTEGGIARE SOPRA DI NOI.

La guerra alla proprietà privata avanza e la morsa sta per stringersi attorno a quei beni frutto di lavoro, risparmio e sacrifici, prima tra tutti la casa. Da un lato continueranno a tagliare il potere d’acquisto degli stipendi, dei salari attraverso manovre che riaccendono l’inflazione, quali gli aumenti della bolletta energetica per la gioia di Greta e dei suoi seguaci, dei prezzi al consumo, dei servizi, dall’altra con l’introduzione di alcuni parametri legati ai temi “green” del risparmio energetico, del contenimento delle emissioni di Co2 otterranno una svalutazione esponenziale delle abitazioni più vecchie, rendendole addirittura non più idonee ai parametri richiesti dal mercato a meno di costosi lavori di adeguamento. É la trappola perfetta: da un lato l’inflazione opererà un taglio lineare del potere d’acquisto dei vostri denari, dall’altra il bene dal quale potreste ricavare liquidità sarà svalutato se non addiruttura reso invendibile a quel punto il salto nel baratro della miseria è pressoché certo a meno che una banca, un fondo d’investimento o una finanziaria vi offra un modesto obolo in cambio dell’immobile svalutato, in quel caso sarà necessario anche dire grazie! Ecco perché leggere sui giornali, nei social, in televisione annunci del tipo “compriamo la vostra casa, pagamento immediato” equivale a veder volteggiare corvi in volo pronti a gettarsi sulla carogna per spolparne le carni…attenzione perché quei corpi esanimi potremmo essere noi.

direttiva-chock

Il commento di Federico Punzi

https://twitter.com/jimmomo/status/1468953132176658432

Nessun commento:

Posta un commento