L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 25 dicembre 2021

Chi di spada ferisce di spada perisce. Google e Facebook censurano i contenuti sulla cura all'influenza covid e devono pagare le ammende perché non rispettano le regole chieste dalla Russia

La Russia condanna Google e Meta ad ammende record

Maurizio Blondet 25 Dicembre 2021

Le Figaro:

La Russia venerdì ha condannato Google e Meta a sanzioni pecuniarie da 87 milioni e 23 milioni di euro per non aver rimosso i contenuti “vietati”, segno di una crescente pressione nel Paese contro i colossi del digitale.

Sanzionano regolarmente le grandi aziende digitali, soprattutto straniere, accusate di non cancellare contenuti ritenuti pericolosi per i minori o legati all’opposizione. Tuttavia, le multe di 7,2 miliardi di rubli (87 milioni di euro al tasso attuale) e di 1,9 miliardi di rubli (23,8 milioni di euro) ricevute rispettivamente da Google e Meta (società madre di Facebook) sono inedite per il loro importo. Il servizio stampa dei tribunali di Mosca ha affermato che i colossi californiani sono stati giudicati colpevoli di “recidiva”. Sono stati quindi condannati, per la prima volta, a un’ammenda calcolata sulla base del loro reddito in Russia.

In una dichiarazione, il gendarme russo delle telecomunicazioni ,Roskomnadzor , ha affermato che, in questo scenario, il contenuto proibito ha alimentato “odio religioso”, conteneva informazioni “inaffidabili” o pericolose per i minori o promosso “organizzazioni terroristiche o estremiste”. Secondo Roskomnadzor, i social network Facebook e Instagram (di proprietà di Meta) hanno ancora più di 2.000 contenuti vietati in Russia. Per Google la cifra supera i 2.600. “Studiamo gli atti del tribunale e poi decideremo sui provvedimenti da adottare”, ha dichiarato in piena giornata ad Afp l’ufficio stampa di Google. Oltre alla pressione delle multe, le autorità hanno minacciato di arrestare i dipendenti di Apple e Google in Russia se non collaborano, secondo fonti interne ai gruppi. A settembre, poco prima delle elezioni generali, Mosca è riuscita in questo modo a costringere queste due società, accusate di “interferenza elettorale”, a ritirare dai loro negozi virtuali in Russia la domanda dell’avversario detenuto Alexeï Navalny. Per avere successo, le autorità russe possono anche rallentare o bloccare i servizi. Diversi siti di Alexeï Navalny, le cui organizzazioni sono state riconosciute come “estremiste” dai tribunali russi, sono stati bloccati in modo permanente. A settembre, la Russia ha anche bloccato sei reti private virtuali (VPN) ampiamente utilizzate che consentono l’accesso a siti Web vietati. Leonid Volkov, alleato di Alexeï Navalny, crede che Google si troverà presto di fronte a una scelta difficile: non pagare la multa e lasciare il mercato russo, o cancellare tutti i suoi contenuti “illegali”, in particolare i video molto visti di Alexeï Navalny su Youtube (di proprietà di Google). “Il mercato è abbastanza grande, Google non vuole perderlo, ma una multa di queste dimensioni lo rende meno attraente”, ha scritto Leonid Volkov su Telegram venerdì.

Dal 2014, la legge russa ha anche richiesto alle società web di archiviare i dati dei loro utenti russi in Russia, legislazione che è costata alle società digitali straniere migliaia di euro di multe. Le autorità stanno anche sviluppando un sistema di “Internet sovrano” che consentirà alla fine di isolare l’Internet russo separandolo dai principali server mondiali.

Il Cremlino nega di voler costruire una rete nazionale sotto controllo, come in Cina, ma questo è ciò che temono le Ong e gli oppositori. Nel gennaio 2021, il presidente Vladimir Putin ha stabilito che i giganti di Internet erano “in competizione di fatto con gli Stati”, denunciando i loro “tentativi di controllare brutalmente la società”. Il potere russo sta finalmente rafforzando la sua presa sui campioni della tecnologia digitale russa. Passato sotto il controllo di una sussidiaria del colosso del gas Gazprom, il gruppo tecnologico russo VK, capogruppo del primo social network russo “VKontakte”, è gestito da metà dicembre da Vladimir Kirienko, figlio di uno stretto collaboratore di Vladimir Putin.

Nessun commento:

Posta un commento