L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 8 dicembre 2021

Due aerei tre torri . La Bolla narrativa dell'11 settembre 2001

Sfida a Enrico Mentana

Categoria: 11 settembre 
Pubblicato: 07 Dicembre 2021 Visite: 11878

[Questo post è stato pubblicato su Facebook]

Caro Mentana, nel tuo recente post sui “no-vax” hai definito - fra le altre cose – “controfattuali” le tesi di chi come me contesta la versione ufficiale dell’11 settembre. In altre parole, queste tesi sarebbero pura fantasia, e non supportate dai fatti. Immagino che un giornalista serio come te abbia fatto personalmente tutte le verifiche del caso, prima di fare una affermazione del genere.

Ti sfido quindi ad un confronto diretto con me sulla questione 11 settembre. Scegli tu l’arena (TV, radio, web, altro, per me non fa differenza), per chiarire una volta per tutte questa faccenda.

Tieni presente che questa non è una questione personale fra me e te: i fatti dell’11 settembre sono ben più grandi di un Mentana o un Mazzucco qualunque: sono fatti di straordinaria importanza storica, e meritano una risposta definitiva per tutti coloro che ancora sono in dubbio sugli eventi di quel giorno.

Quale migliore occasione per te di poter dimostrare finalmente davanti a tutti, fatti alla mano, che in effetti la tesi “complottista” è semplice frutto della fantasia, e che a compiere gli attentati furono veramente gli uomini di bin Laden?

E se per caso tu volessi sfuggire a questo confronto, dicendo che “non c’è bisogno di confrontarsi con Mazzucco, perchè le sue tesi sono già state smontate migliaia di volte”, ti ricordo che nel mio film “11 settembre la nuova Pearl Harbor” (gratuitamente disponibile in rete) sono presenti “50 domande ai sostenitori della versione ufficiale”. Ti basterà in questo caso indicarmi con precisione dove e da chi siano state date queste risposte, e da me di 11 settembre non sentirai mai più parlare.

Resto quindi in attesa di a) una tua indicazione su come e dove vorresti svolgere il nostro confronto, oppure b) di una indicazione precisa (basta un link) su dove siano “già state date” delle valide risposte alle mie 50 domande.

Cordialmente

Massimo Mazzucco

Nessun commento:

Posta un commento