L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 2 dicembre 2021

Governare con il metodo della Paura&terrore è il nuovo mantra dei governanti, sono consapevoli che solo in questo modo, per il momento, riescono a controllare le masse e le loro coscienze

Israele autorizza l’agenzia di spionaggio ad accedere ai dati dei telefoni cellulari privati ​​per tracciare la (terribile) variante Omicron

— Gli israeliani che sono risultati positivi alla variante Omicron di COVID-19 avranno i loro movimenti e contatti personali monitorati dall’agenzia di spionaggio nazionale almeno fino a venerdì, secondo quanto riportato dal  New York Times  .

La mossa arriva dopo che Israele ha  lanciato  uno scenario di “gioco di guerra” di un giorno all’inizio di questo mese per elaborare strategie per affrontare “una nuova variante letale di COVID-19”, in cui hanno simulato l’implementazione di nuovi blocchi, coprifuoco e booster. campagne di jab.

“Abbiamo davvero raggiunto un punto in cui abbiamo bisogno di un ‘Grande Fratello’ che tenga traccia di dove andiamo”, ha detto il professore di criminologia Limor Yehuda in un articolo pubblicato lunedì su  Maariv , un quotidiano israeliano.

Secondo il  Times,  l’agenzia di intelligence israeliana, Shin Bet, ha avuto temporaneamente accesso ai dati telefonici privati ​​dei cittadini israeliani quando il governo della nazione ha votato domenica per autorizzare la mossa in base alla legislazione di emergenza.

 

L’agenzia di stampa israeliana Haaretz ha  riferito  che “le persone sospettate di contatto con un paziente di omicron” tramite l’analisi dei dati del telefono cellulare “saranno istruite a recarsi immediatamente alla stazione di test più vicina per determinare se fossero effettivamente infette”.

L’autorità di sorveglianza dell’agenzia di spionaggio potrebbe essere estesa oltre la fine della settimana se il parlamento israeliano decidesse di autorizzare un’estensione di due settimane. L’organo legislativo dovrebbe votare sulla questione entro la fine della settimana.

Una portavoce del primo ministro israeliano Naftali Bennett ha detto al  Times che  la nuova legislazione, se approvata, potrebbe consentire il rinnovo dei poteri di sorveglianza dello Shin Bet ogni due settimane a tempo indeterminato.

L’avvocato per i diritti civili Gil Gan-Mor ha criticato la mossa di impiegare agenzie di intelligence per spiare privati ​​cittadini, una tattica utilizzata da Israele lo   scorso anno durante le fasi iniziali dell’epidemia di COVID-19.

“Nessun altro paese democratico ha scelto di utilizzare il proprio servizio di sicurezza per rintracciare le persone”, ha scritto Gan-Mor a  Maariv  lunedì, definendo il ritorno all’accesso ai dati dei telefoni cellulari privati ​​”una decisione terribile e illegale”.

Il dispiegamento dell’agenzia di spionaggio contro i privati ​​cittadini risultati positivi alla variante Omicron segue una simulazione attuata dal governo israeliano all’inizio di questo mese, progettata per contrastare la diffusione di versioni più letali di COVID-19.

Secondo il  Times,  “la rapida risposta di Israele alla scoperta della nuova variante del virus è stata influenzata in parte da un ‘gioco di guerra’ a livello di governo tenutosi all’inizio di novembre”.

LifeSiteNews ha riferito del cosiddetto scenario di “gioco di guerra” di Israele , che secondo il governo consisteva in “preparativi per lo scoppio di una nuova variante letale del COVID-19”.

Prende il nome da un nuovo ceppo fittizio del coronavirus, la cosiddetta “esercitazione Omega” è stata  annunciata il 10 novembre  sul sito web ufficiale del governo israeliano e si è tenuta il giorno successivo presso il Centro di gestione nazionale israeliano a Gerusalemme.

L’esercitazione di un giorno è stata condotta in tre sessioni progettate per simulare il passare del tempo tra vari scenari, tra cui misure di blocco e quarantena, chiusura delle scuole, raccolta di restrizioni, coprifuoco, test di massa, campagne di richiamo dei vaccini, ecc.

Secondo il  Times,  “alti funzionari hanno simulato come avrebbero risposto a uno scenario immaginario che presentava somiglianze sorprendenti con ciò che sta realmente accadendo ora”.

Non è chiaro se la strategia di sorveglianza avrà un impatto misurabile sulla diffusione della variante del virus.

Le tattiche aggressive di Israele per tentare di tracciare e controllare la diffusione di COVID-19 e le sue varianti dallo scorso anno lo hanno reso uno dei paesi più fortemente limitati al mondo.

NPR ha  riferito  che “Israele è stato il primo paese sulla Terra a vaccinare completamente la maggioranza dei suoi cittadini contro il COVID-19”.

La nazione è stata anche una delle prime a  imporre  ai propri cittadini un passaporto per i vaccini.

Tuttavia, nonostante la fretta di vaccinare la maggior parte della sua popolazione contro il coronavirus, Israele ha recentemente  registrato  uno dei tassi di infezione da COVID più alti al mondo.

Ad agosto, la Becker’s Hospital Review ha  riferito  che circa il 60% delle persone ricoverate in ospedale con COVID-19 in Israele era stato “completamente vaccinato”.

l’attenzione di Israele sulla variante Omicron arriva nonostante un medico sudafricano, tra i primi ad identificare e ad annunciare l’esistenza della nuova variante, abbia affermato che  il virus provoca sintomi “molto lievi” facilmente curabili a casa.


https://www.maurizioblondet.it/israele-autorizza-lagenzia-di-spionaggio-ad-accedere-ai-dati-dei-telefoni-cellulari-privati-%e2%80%8b%e2%80%8bper-tracciare-la-terribile-variante-omicron/

Nessun commento:

Posta un commento