L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 9 dicembre 2021

Il cambio di passo dei tedeschi in politica estera è più estremistico e fa danni grossi ai suoi interessi, ma tant'è

L’ex cancelliere Schröder mette nuovamente in guardia contro Baerbock

Maurizio Blondet 9 Dicembre 2021

da DWN, grossi guai in vista dalla Germania:

L’ex cancelliere Gerhard Schröder avverte per la seconda volta del nuovo ministro degli Esteri nel giro di pochi giorni. Essa sta già iniziando a usurpare più potere.

L’ex cancelliere Gerhard Schröder (SPD) ha avvertito il nuovo ministro degli Esteri Annalena Baerbock (Verdi) di scontri politici con Cina e Russia. Mercoledì ha criticato le dichiarazioni di Baerbock, affermando che Cina e Russia sono membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e non possono essere isolate. “Ci sono compiti importanti, ad esempio nella politica estera e di sicurezza. Devi pensare più europeo in termini di politica di sicurezza. Devi mantenere relazioni sensate con Cina e Russia”, ha detto Schröder all’emittente Phoenix.

Non sarà facile se si guardano con attenzione le dichiarazioni rilasciate dal nuovo ministro degli Esteri, ha detto Schröder. Tuttavia, il nuovo Cancelliere Olaf Scholz sa benissimo che è il Cancelliere federale a determinare le linee guida della politica. “Questo è ciò che dice la Legge fondamentale, e lo farà”, ha detto Schröder. “La Germania ha bisogno di relazioni intatte anche per ragioni economiche e spetterà anche al ministro degli Esteri mantenerle e non agire secondo il motto che il mondo dovrebbe riprendersi dall’essere verde”.

Proprio ieri Schröder aveva avvertito del ministro degli Esteri designato su un’altra piattaforma . Baerbock, come gran parte dei Verdi, è considerata amica della NATO e sospettata di ascoltare le linee guida formulate a Washington sulle questioni di politica estera invece di perseguire i veri interessi tedeschi.

Il governo degli Stati Uniti sta attualmente portando avanti una campagna multidimensionale contro la Cina (il più importante partner economico della Germania) e la Russia (il più importante fornitore di energia della Germania) per frenare entrambi i concorrenti nel loro sviluppo energetico e per metterli sotto pressione geopolitica. Questi includono misure militari (massicci armamenti nell’Europa orientale e nell’Oceano Pacifico, formazione di alleanze militari dirette contro la Cina ) nonché misure diplomatiche e di propaganda (boicottaggio delle Olimpiadi invernali, potenziamento di Taiwan, ecc.) e l’imposizione di sanzioni economiche, ad esempio contro società cinesi (Huawei e altri) o membri del governo russo. L’amministrazione Biden non evita sanzioni che danneggiano direttamente la Germania, come loromostrano nuove sanzioni contro il gasdotto Nord Stream 2.

Baerbock aveva recentemente annunciato che avrebbe perseguito una “politica estera basata sui valori”, che gli osservatori hanno interpretato nel senso che, come ministro degli Esteri, stava promuovendo la campagna di pressione americana contro Cina e Russia – ma anche contro paesi come Turchia, Arabia Saudita e l’Iran – lo sosterranno ampiamente.

Baerbock vuole più potere

È interessante notare che Baerbock ha già iniziato a richiedere più potere un questioni amplissime . Secondo la Süddeutsche Zeitung, il futuro ministro degli Esteri federale vuole affidare al Ministero degli esteri federale la responsabilità della politica climatica internazionale. Ciò equivarrebbe a un miglioramento della politica estera climatica e del ministero degli Esteri nel governo semaforico. Finora, queste competenze spettano al Ministero federale dell’ambiente.

Secondo il rapporto, Baerbock sarà anche il principale negoziatore della Germania alle conferenze delle Nazioni Unite sul clima, che si occupano dell’attuazione dell’Accordo di Parigi del 2015. Il prossimo incontro di questo tipo è previsto per novembre 2022 nella località balneare egiziana di Sharm el-Sheikh. Più di recente, la Gran Bretagna ha ospitato a novembre una conferenza degli Stati parti a Glasgow. Il governo federale era rappresentato lì da Jochen Flasbarth, Segretario di Stato presso il Ministero dell’Ambiente.

Baerbock ha confermato il progetto mercoledì e ha annunciato che avrebbe portato al Ministero degli Esteri dipendenti interessati del Ministero federale dell’ambiente.

(Schroeder è considerato l’uomo di Gazprom in Germania)
Continua a leggere

Nessun commento:

Posta un commento