L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 30 dicembre 2021

Il clima sta giocando brutti scherzi a coloro che volevano spingere sul CROLLO CLIMATICO per continuare a terrorizza e a immettere paura

Clima impazzito negli Stati Uniti: neve in California, caldo in Alaska
Redazione Metropolitan Send an email 30 Dicembre 2021

Il clima è impazzito: negli Stati Uniti la situazione è sempre più critica.

Clima impazzito negli Stati Uniti: neve e caldo allo stesso tempo

Il clima è impazzito: sempre più drammatici gli effetti. Infatti dopo le temperature record in Siberia, adesso anche gli Stati Uniti sono alle prese con un clima che si destreggia tra il caldo, uragani, tornado e altro. Ma cosa sta accadendo? Come riporta Ansa, sulla catena montuosa della Sierra Nevada, in California, nell’ultimo mese ci sono state fortissime nevicate, livelli mai raggiunti a dicembre da quando sono iniziate le rilevazioni nel 1970.

Questo record è giunto dopo una fortissima siccità. Succede il contrario in Alaska, in cui forti sono le ondate di calore raggiungendo i 20 gradi. Estremamente anomalo e insolito visto che le temperature in questo periodo raggiungono lo zero.

I media locali riportano che, sull’isola di Kodiak sono stati registrati domenica scorsa 19,4 gradi, la temperatura più alta mai rilevata nel mese di dicembre in tutto il territorio. Ricordiamo invece qualche settimana fa i gravi tornado che hanno colpito il Kentucky che ha causato almeno 90 morti

Nessun commento:

Posta un commento