L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 7 dicembre 2021

Il "vile affarista" è prigioniero di se stesso. Troppo osannato, lo vogliono in troppi ruoli, e questo blocca il normale procedimento di un qualsiasi cosa. Escluso l'odio contro gli italiani e l'OBBLIGO dei Passaporti dei vaccini sperimentali che diventa lo strumento del controllo sociale avanzato più capillare

Scoppia la guerra dei prof nel Palazzo. Il factotum di Draghi Giavazzi all'attacco di Savona


Luigi Bisignani 05 dicembre 2021

Caro direttore, non svegliar Consob che dorme. Se, come pare, la Consob ha spento i fari sui mercati, l'abrasivo Francesco Giavazzi, longa manus di Super Mario, ne ha invece acceso uno sul suo presidente, Paolo Savona. Questa volta, però, il premier Draghi sembra non apprezzare l'esuberanza del suo vispo factotum sul quale, a Palazzo, tutti scherzano per il peculiare vezzo - rischioso in tempi di pandemia- di cercarsi continuamente il naso con le dita. Dal canto suo, Mario Draghi invece apprezza l'attuale presidente della Consob non solo per la serietà e la competenza, ma anche perché al tempo fu proprio Savona a mettere più di una buona parola su di lui quando il suo conterraneo Francesco Cossiga lo picconava senza pietà definendolo «vile affarista», salvo poi pentirsene. Giavazzi in realtà avrebbe molto da ridire anche sulla preparazione accademica del professor Savona, limitandosi a ricordare che quest'ultimo con il premio Nobel Franco Modigliani, suo nume tutelare, non ha mai avuto una particolare frequentazione al di là di uno stage al MIT di Boston, oltre a non aver mai scritto su riviste scientifiche internazionali di peso. Sicuramente punzecchiature tra prime donne degli atenei. Vero è però che la Consob di questi tempi è praticamente immobile, anche a causa del caotico smartworking dei dipendenti. Gli uffici non istruiscono più le pratiche con il rigore di una volta e tutto sembra sfilacciarsi, come sussurrano sia il commissario anziano Giuseppe Maria Berruti, magistrato di lungo corso nonché mente più sottile della commissione, sia Chiara Mosca, bocconiana nominata in tempi record su indicazione proprio di Giavazzi al posto di Anna Genovese, «pupilla» di «Giuseppi» Conte.

Accade di tutto e di più sotto gli occhi socchiusi della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa che, sulla carta, dovrebbe garantire la trasparenza dei mercati. Accade che Mediobanca prenda azioni in prestito per votare nell'assemblea di Generali e che poi le restituisca come se niente fosse. Accade che la valutazione sulla carenza di capitale di Mps fatta da Unicredit (entrambe quotate) sia diversa da quella del Mef. Accade che sia annunciato un accordo fra CdP e Atlantia per la vendita di Aspi, ma che poi non si perfezioni perché subordinato all'approvazione di un piano economico-finanziario del Ministero competente. Accade che KKR compri una partecipazione nella rete Tim (Fibercop) per 1,8 miliardi di euro e nessuno chieda di vedere il contratto, anche solo per escludere il fumus di un prestito camuffato da acquisto. Accade che il presidente di CdP, proprietaria fino a poco tempo fa del concorrente di Tim sulla fibra ottica, sieda nel CdA di Tim. Accade che sempre il fondo KKR lanci una bizzarra offerta «non vincolante» sul 100% del capitale di Tim subordinata, fra l'altro, a un «accordo» con lo Stato Italiano e che nessuno chieda niente, nonostante il titolo sia finito sulle montagne russe, per la fortuna di tanti speculatori e nell'indifferenza dell'organo di vigilanza sui mercati. Accade che, ancora in Generali, il CdA uscente proponga la sua lista per il nuovo Consiglio nel silenzio della Consob che, in extremis, rimpalla pilatescamente la questione al mercato. Insomma, se non siamo ancora al Far West finanziario poco ci manca.

In tutto questo, l'onnipresente Giavazzi cerca di inserirsi per capire se è possibile sfiduciare Savona, magari chiedendo aiuto al ministro dell'Economia, Daniele Franco, simpaticamente soprannominato, nei palazzi che contano, «Alexa», l'assistente vocale di Amazon, in questo caso di Draghi. E chissà se Paolo Savona sarà conseguente a quanto ha rivelato Gianni Letta, l'ultimo titano nelle istituzioni, su un «fuori onda» tra lo stesso Savona e il ministro Franco: «Se solo ritieni che non sono indipendente dimmelo e invitami a fare fagotto perché significa che non sono più utile». Chapeau! Ma forse c'è un altro motivo per spargere un po' di veleno su Savona: un modo per toglierlo di mezzo come possibile candidato almeno per ora ancora «in sonno» per il Quirinale, partita che Super Mario e il suo scudiero guardano con spasmodica attenzione, tenendo bloccato Parlamento e Governo e facendo irritare ormai perfino Sergio Mattarella.

Ma, conoscendo le insidie della partita, il duo Draghi-Giavazzi giocheranno questo jolly all'ultimo momento, anche perché intanto le cancellerie estere che contano, Parigi e Berlino, hanno fatto sapere che non si può muovere da Palazzo Chigi, per non far saltare non solo il Pnrr italiano, che è già in gravissimo ritardo, ma anche quello europeo. Super Mario invece sta cercando di fuggire da Piazza Colonna perché ha capito bene che con i suoi «ministri migliori», Giovannini, Colao e Cingolani, più che aprire i cantieri si moltiplicheranno solo gli studi di avvocati e le società di consulenza. A Palazzo Chigi l'hanno ben compreso e sono ormai al tutti contro tutti, tanto che regna una gran confusione anche nei ruoli minori. Ad esempio, Enrico Passaro, dirigente, nonché talentuoso bassista in un gruppo musicale e scrittore a tempo perso, ricopre l'incarico di coordinatore dell'ufficio del cerimoniale e di altri due servizi. Come dire, tre poltrone per una. Ma su questa anomalia Giavazzi, con il suo rigore, non ha nulla da dire perché ormai gli piace avere i fari puntati su di lui e i tappeti rossi sotto le scarpe.

Nessun commento:

Posta un commento