L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 25 dicembre 2021

La logica ferrea è che i russi posizionerebbero anche i loro missili da crociera ipersonici appena al largo delle coste degli Stati Uniti come Putin ha minacciato tre anni fa

Cosa intendeva Putin per misure “tecnico-militari” se i negoziati falliscono

Maurizio Blondet 25 Dicembre 2021

Prova a spiegarlo il russologo Gilbert Doctorow

Negli ultimi due giorni, i miei colleghi della comunità degli analisti russi hanno affrontato la questione del “cosa succede se” – cosa può e può fare la Russia se i negoziati con gli Stati Uniti sulla bozza dei trattati sulla sicurezza in Europa falliscono entro il brevissimo periodo di tempo che i russi hanno fissato, apparentemente un mese. Tra parentesi, sono divertito dal fatto che i portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti dicano che potrebbero iniziare colloqui con i russi a gennaio. Sembra che non avere colto il breve termine stabilito dai russi o che creduto erroneamente che fosse un bluff.

La migliore delle analisi dei miei colleghi analisti è stata pubblicata ieri dall’ex diplomatico canadese Patrick Armstrong . Raccomando questa lettura a tutti, perché è un suo modo rassicurante, proponendo possibilità di opzioni russe che sono ben lontane dal premere il pulsante e mandarci all’aria tutti, e se stessi, a pezzi.

Tuttavia, non ho visto nel suo pezzo, né trovo negli scritti di altri analisti indipendenti, per non parlare delle pagine dei nostri giornali mainstream, qualsiasi dichiarazione di cosa intendesse esattamente Vladimir Putin quando ha detto inizialmente e ripetuto prima della Collegio del Ministero della Difesa che se i colloqui con gli Stati Uniti dovessero fallire, la Russia attuerà immediatamente misure di ritorsione “militari-tecniche”.

Il termine “tecnico-militare” è stato ripreso e venduto com’era da quasi tutti i nostri media. Non viene data alcuna spiegazione, perché molto probabilmente nessuno capisce davvero il termine.

Quindi ci proverò qui e ora, dopo che un momento eureka mi è venuto in mente questa mattina. Il termine è sfuggente come la traduzione di “адекватный”, che quasi tutti (o tutti i software di traduzione) traduce erroneamente come “adeguato” quando normalmente significa “appropriato” o “adatto”.

Il “tecnico” nell’espressione deriva da техника, che è il modo comune russo di dire “attrezzatura”. Per “tekhnika” militare si intendono obici motorizzati, portaerei, jet da combattimento, ecc. Tekhnika ha anche un uso civile comune: l’allestimento di una fabbrica è “tekhnika” come in “техническое оснащение”.

Quindi, quello che Putin sta dicendo è che i russi risponderanno schierando materiale militare . Ora che hardware sarebbe? Dato che gran parte delle bozze di trattato trattano di missili a corto raggio che gli Stati Uniti stanno schierando in Europa e sperano di schierare in Ucraina, è del tutto logico che la risposta russa al fallimento dei negoziati non sarà quella di invadere l’Ucraina, non sarà sarà quello di tagliare le forniture di gas all’Europa, ma sarà di dispiegare i suoi missili a corto raggio con capacità nucleare in Bielorussia e a Kaliningrad.

Ma non è tutto. Lo schieramento in Europa servirebbe solo in parte allo scopo dei russi. Scatterà una furiosa reazione nella NATO, il che significa molta aria fritta, ma sarà anche una condizione preliminare per gli europei ad accettare docilmente l’eventuale capitolazione degli Stati Uniti che altrimenti denuncerebbero come pacificazione.

Come ho detto in precedenza, l’intero approccio di Putin è che la Russia è in un braccio di ferro con un solo paese, gli Stati Uniti. Sa che agli USA non importa davvero se Russia e UE si fanno esplodere a vicenda: ciò rafforzerebbe solo la loro egemonia globale.

Quindi la logica ferrea è che i russi posizionerebbero anche i loro missili da crociera ipersonici appena al largo delle coste degli Stati Uniti come Putin ha minacciato tre anni fa, quando ha parlato delle armi strategiche all’avanguardia e di nuova generazione della Russia che allora e oggi non hanno ancora uguali nel mondo.

Questa è la pistola alla testa che costringerà i negoziatori statunitensi a sudare freddo e fare che deve essere fatto per porre fine alla loro crescita della NATO e che includerà la creazione dell’Ucraina in un futuro missile avanzato della Russia. E gli europei staranno zitti.

Morale della favola mentre ci dirigiamo verso le feste natalizie: la fine del mondo non è vicina.


Gilbert Doctorow è un analista politico con sede a Bruxelles. Il suo ultimo libro è La Russia ha un futuro? Ristampato con il permesso dal suo blog .

© Gilbert Doctorow, 2021

Nessun commento:

Posta un commento