L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 15 dicembre 2021

La pandemia dei non vaccinati la grande menzogna delle televisioni italiane e non solo

La Russia fa dietrofront e ritira le restrizioni COVID-19 per le persone non vaccinate

Maurizio Blondet 15 Dicembre 2021

La variante Omicron è un raffreddore

Molto prima che la stragrande maggioranza dei casi di Omicron fosse tra i vaccinati, e prima che il direttore del CDC Rochelle Walensky ammettesse all’inizio di ottobre che il vaccino contro il Covid-19 non impedisce la trasmissione , i funzionari pubblici, gli esperti di MSM e i medici delle caffetterie in tutto il paese stavano sputando insidiosi. propaganda progettata per far vergognare le persone a prendere il colpo.

Che questa è una “pandemia dei non vaccinati”.


La frase implica che il vaccino fosse una panacea contro il Covid-19, e chiunque si rifiutasse di prenderlo non era solo una parte del problema… ma un idiota irresponsabile che non segue la scienza.

In una nota di fine novembre, The Lancet ha pubblicato una lettera di Günter Kampf, un prolifico ricercatore presso l’Università di Griefswald in Germania.

In esso, Kampf critica assolutamente coloro che definiscono questa “pandemia dei non vaccinati”, tra “crescenti prove del fatto che gli individui vaccinati continuano ad avere un ruolo rilevante nella trasmissione”.

Leggere sotto:

Negli Stati Uniti e in Germania, funzionari di alto livello hanno usato il termine pandemia dei non vaccinati, suggerendo che le persone che sono state vaccinate non sono rilevanti nell’epidemiologia di COVID-19. L’uso di questa frase da parte dei funzionari potrebbe aver incoraggiato uno scienziato a sostenere che “i non vaccinati minacciano i vaccinati per il COVID-19”. Ma questa visione è troppo semplice.

Vi sono prove crescenti che gli individui vaccinati continuano ad avere un ruolo rilevante nella trasmissione. In Massachusetts, USA, sono stati rilevati un totale di 469 nuovi casi di COVID-19 durante vari eventi nel luglio 2021 e 346 (74%) di questi casi riguardavano persone completamente o parzialmente vaccinate , di cui 274 (79%) erano sintomatici. I valori di soglia del ciclo erano similmente bassi tra le persone completamente vaccinate (mediana 22,8) e le persone non vaccinate, non completamente vaccinate o il cui stato di vaccinazione era sconosciuto (mediana 21,5), indicando un’elevata carica virale anche tra le persone che erano completamente vaccinati.

Negli Stati Uniti, entro il 30 aprile 2021 sono stati segnalati un totale di 10 262 casi di COVID-19 in persone vaccinate, di cui 2725 (26,6%) erano asintomatici, 995 (9,7%) sono stati ricoverati e 160 (1 ·6%) è morto.

In Germania, il 55,4% dei casi sintomatici di COVID-19 in pazienti di età pari o superiore a 60 anni riguardava individui completamente vaccinati e questa percentuale aumenta ogni settimana. A Münster, in Germania, si sono verificati nuovi casi di COVID-19 in almeno 85 (22%) delle 380 persone completamente vaccinate o guarite dal COVID-19 e che frequentavano una discoteca.

Jacob Rothschild afferma che il Covid è una distrazione e un “addestramento”:

– Intervistatrice: “Nessuno sta dicendo che la corona non sia inequivocabilmente devastante, ma in realtà dobbiamo pensare a lungo termine al pianeta. ”

– Jacob Rothschild: “Sì, ed è una distrazione, ma più che la distrazione, è una tragedia (per il cambiamento climatico), ma questo ha questo effetto di addestramento…”

Anche il CEO di Pfizer (Albert Bourla) ammette in prima serata che non hanno mai isolato il virus, lavorano con uno pseudo-virus che ricostruiscono nei loro laboratori.
La stessa cosa la fanno per la mitologica variante Omicron

Dunque:

Chi produce il vaccino per combattere il Virus, dice che non lo ha mai realmente isolato, ma che lavora con delle ricostruzioni di questo al computer. Realtà Virtuale praticamente.
Il virus mai isolato, quindi virtuale, fa produrre sieri genici che sono molto reali e che vengono poi venduti in tutto il mondo come sicuri ed efficaci.

Anche il CEO di Pfizer (Albert Bourla) ammette in prima serata che non hanno mai isolato il virus, lavorano con uno pseudo-virus che ricostruiscono nei loro laboratori.
La stessa cosa la fanno per la mitologica variante Omicron

Ci sarebbe da ridere a crepapelle se non si parlasse della Vita delle persone.

Ricapitoliamo:
Chi produce il vaccino per combattere il Virus, dice che non lo ha mai realmente isolato, ma che lavora con delle ricostruzioni di questo al computer. Realtà Virtuale praticamente.
Il virus mai isolato, quindi virtuale, fa produrre sieri genici che sono molto reali e che vengono poi venduti in tutto il mondo come sicuri ed efficaci.

Il Virus è quindi immaginario, la pandemia anche, quello che è davvero Reale, è la Dittatura che stanno provando ad instaurare.

 

C’è un passaggio di questa intervista abbastanza interessante.

In un programma della CNBC andato in onda mercoledì scorso 8 dicembre alle 8.40 di mattina, Albert Bourla, il CEO della Pfizer, ha dichiarato che uno studio preliminare sull’efficacia del suo vaccino contro la variante Omicron, era basato su una copia sintetica, creata ad hoc in uno dei suoi laboratori di ricerca.


Alla faccia del virus “naturale” proveniente dai pipistrelli!!!

Quindi il virus (o “the strain”, per meglio dire il ceppo) è possibile crearlo in laboratorio identico e preciso all’originale!

Stiamo parlando di una variante, battezzata Omicron, rilevata il 18 novembre, a oltre 12.000 km di distanza, e che – tra creazione e sperimentazione di una dose tripla del vaccino originario- la mattina dell’8 dicembre ne è stata accertata un’efficacia superiore al 95%!
 

Quindi, alla luce di questa ingenua affermazione, “volendo” – “VOLENDO” – si potrebbe continuare a sfornare sinteticamente a proprio piacimento infinite varianti di questa pandemia.


Nessun commento:

Posta un commento