L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 5 dicembre 2021

Le deroghe non si negano a nessuno neanche ai Passaporti dei vaccini sperimentali

04 Dicembre 2021 14:00
"Misure sanitarie"? La deroga al Super Green Pass con cui il governo Draghi getta (definitivamente) la maschera

Agata Iacono

"E' una misura esclusivamente sanitaria", vi hanno ripetuto stampa e politica del pensiero unico all'unisono. Ma c'è una deroga alla circolare sul "super green pass" che li smaschera in modo definitivo, dimostrando senza possibilità di smentita alcuna come questa misura di restrizione senza precedenti nell'epoca repubblicana non abbia nulla a che vedere con la salute dei cittadini italiani.

Ebbene il super mega green pass non si applica in caso di festeggiamenti, conseguenti a cerimonie religiose o civili. In altri termini matrimoni religiosi o civili, battesimi comunioni e cresime potranno svolgersi tranquillamente con non vaccinati. Il covid e le sue varianti si terranno a debita distanza dalla Chiesa, che anche stavolta non pagherà l'Imu.

Per effetto di tale disposizione – il decreto del 26 novembre, ndr -, ai soggetti muniti della predetta certificazione verde "rafforzata", sarà consentito l'accesso a: spettacoli, eventi sportivi in qualità di spettatori, ristoranti al chiuso, feste (tranne quelle conseguenti a cerimonie civili e religiose), cerimonie pubbliche, sale da ballo, discoteche e locali assimilati.

In una fase in cui la scienza sta evidenziando come con la "variante Omicron" ci avviciniamo alla fine definitiva dell'epidemia da Sars Covid, il morente occidente la tiene in vita per aumentare la sua stretta liberticida. Ora non lo nascondono neanche più.

Nessun commento:

Posta un commento