L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 13 dicembre 2021

Monte dei Paschi di Siena - Alcune incongruenze sull'assassinio di David Rossi escono allo scoperto e formalizzate

A Siena lavorano giudici complici in omicidio. Normale?

Ricordate David Rosssi? Magari no perché hanno voluto farvelo dimenticare. Otto anni fa, 8  marzo 2013.  David Rossi, capo ufficio stampa del Monte dei Paschi di Siena, banca di immani scandali PD  di cui era al corrente,  cadde dalla finestra dell’ufficio. La cosa fu fatta  passare per suicidio, anche se  fu subito chiaro che era stato assassinato: le telecamere di sorveglianza mostrarono i  sospetti sicari avvicinarsi al corpo sul marciapiede, non per soccorrerlo  ma per sincerarsi che stesse agonizzando.

Solo ora, 8 anni dopo, sappiamo – non dalla  magistratura, che ha sepolto l’indagine alla procura di   Genova, ma da una udienza parlamentare,   la verità.

Video Player
00:00
03:43

 

david-rossi-1il  video a conferma che  magistrati sono correi nell’assassinio

 

Possiamo dunque dare per certe   almeno alcune cose?

David Rossi non si uccise ma fu assassinato;  il suicidio fu simulato, il che è una aggravante a carico dei complici.

A Siena operano impuniti dei  magistrati che sono complici diretti e consapevoli di quell’omicidio, e a quanto pare si sono dati da fare per far sparire le prove a carico degli assassini.

Qualunque magistrato in qualunque sede italiana che  – dopo questa rivelazione – non prenda alcuna iniziativa legale contro i colleghi senesi implicati, dimostra di sentirsi parte di un gruppo umano che non può che chiamarsi “associazione a delinquere”?     Di stampo mafioso, perché cementata e assicurata dall’omertà totale? Ci sono decine di galeotti all’ergastolo (ostativo, 41 bis) per reati  più leggeri di questo; almeno, i mafiosi veri non avevano la copertura dei giudici, come pare avere il Pd di Siena.

Il Presidente della Repubblica  e capo del Consiglio Superiore della Magistratura, se non apre bocca  –  come ha fatto davanti allo scandalo  Palamara –  nemmeno di fronte a questo delitto commesso da giudici  ,  è giocoforza ritenerlo membro di tale associazione.

Ci sarebbero altre domande di contorno come :  il Montepaschi dispone di sicari propri a libro paga? Li ha usati altre volte? Oppure è il PD di Siena  che dispone di tali sicari? O sa in quali ambienti assoldare   questi specialisti? Il fatto che il segretario del PD  Letta si sia fatto votare nel seggio  sicurissimo di Siena dei Sicari, non è sospetto? O indicativo della sua consapevolezza dell’omicidio mascherato da suicidio?  Poteva non sapere, il Letta?  Se si trattasse di Salvini o Meloni, torme di magistrati avrebbero “aperto un dossier”,  fatto a  gara per rinviare a giudizio  gli avversari del PD  per concorso in omicidio;  infiniti talk show televisivi avrebbero morso a sangue, idrofobi…..   Ma è tutto normale, cittadini. Niente da vedere.

Qui di seguito i link a  due articoli del Secolo d’Italia che fanno  altra luce sul delitto.  Leggeteli.

Incredibile rivelazione su Rossi: il pm rispose al telefono del manager morto. La chiamata era della Santanchè

 

Morte David Rossi, il giallo della telefonata. Santanchè: “Lo chiamai, qualcuno ascoltò e non parlò”

Nessun commento:

Posta un commento