L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 29 dicembre 2021

Per criminalizzare interviene lo stato profondo specializzato nel creare atti di provocazione. Negli anni '70 hanno ucciso tranquillamente uomini e donne con i vai attentati

Roma, no vax inviano busta con polvere sospetta e minacce di morte al ministro Patuanelli
PRIMO PIANO > CRONACAMartedì 28 Dicembre 2021


Una busta con della polvere dentro - ora al vaglio dei vigili del fuoco - e contenente minacce di morte da ambienti no vax. A riceverla il ministro Stefano Patuanelli, capodelegazione del M5S al governo.

Dal ministero delle politiche agricole smentiscono tuttavia che ci sia stata un'esplosione - voce circolata nelle ultime ore - e assicurano che, pertanto, non c'è alcun ferito. Viene confermato invece la presenza nella busta con minacce di morte, «con messaggi riconducibili nei contenuti a istanze no-vax, e una sostanza non identificata che prevede una analisi dei vigili del fuoco».

La busta è stata aperta dalla segreteria del ministro. Nella lettera frasi contro le vaccinazioni seguite da «c'è una sorpresa per te» allusiva a una sostanza non identificata trovata nella busta su cui verranno effettuati accertamenti. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri della compagnia Centro.

Ultimo aggiornamento: 22:09

Nessun commento:

Posta un commento