L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 7 dicembre 2021

Truppe statunitensi in Siria cosa ci stanno a fare?

Siria, esplosioni all'interno della base USA di At-Tanf

© AP Photo / Sgt. Kimberly Snow

Le deflagrazioni non sono ancora state confermate dalla parte americana.
Diverse esplosioni sarebbero state udite all'interno della base militare statunitense nell'area di At-Tanf, situata nella provincia di Homs, vicino al confine iracheno.
A riferirlo in queste ore TV di stato siriana. Allo stesso tempo, l'emittente Al-Arabiya ha riferito che nella zona sono stati effettuati diversi attacchi contro la base.
Finora l'esercito americano non ha commentato le notizie relative ad un eventuale attacco subito.

Il mese scorso, il New York Times aveva riferito che la base era stata presa di mira da "droni suicidi", sostenendo che l'attacco sarebbe stato coordinato dall'Iran .

La base di At-Tanf, situata lungo l'autostrada M2 Baghdad-Damasco, è occupata dalle forze americane dal 2016. All'epoca era utilizzata per addestrare le forze di opposizione sostenute dagli Stati Uniti, che combattevano contro il governo del presidente Assad.

Le forze americane stanno operando sul territorio siriano senza il consenso o l'autorizzazione delle Nazioni Unite. Damasco ha più volte sottolineato che la presenza delle truppe statunitensi in Siria è illegale perché non sono mai state invitate per il dispiegamento.

Nessun commento:

Posta un commento