L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 6 dicembre 2021

"Ve lo dico adesso: il greenpass verrà reso permanente a titolo "preventivo" e i non vaccinati perseguitati e segregati con ogni mezzo anche violento. Tutti i nostri dati rilevanti (inclusi quelli fiscali e previdenziali) verranno inseriti nel pass."

06 DECEMBER 2021


Innanzitutto, chi è Francesca Donato. E' una ex parlamentare uscita dalla Lega che riveste ancora l'incarico di eurodeputata al parlamento europeo. E' bella, intelligente,ed è pure avvocato. Ieri l'altro mi è arrivato tra capo e collo questo suo allarme sotto forma di tweet su WhatsApp. Molti si sono impauriti, e si sono stupiti chiedendosi che ci vanno a fare i parlamentari in un parlamento che dispone simili misure liberticide. E' vero? E che faranno le maestranze politiche italiane ed europee? Staranno a guardare come si fa con le stelle? E gli italiani? staranno fissi e spaventati facendo come gli struzzi che cacciano la testa sotto la sabbia in presenza di un pericolo ?

Il suo tweet esordisce così: "Ve lo dico adesso: il greenpass verrà reso permanente a titolo "preventivo" e i non vaccinati perseguitati e segregati con ogni mezzo anche violento. Tutti i nostri dati rilevanti (inclusi quelli fiscali e previdenziali) verranno inseriti nel pass.". Seguono tre paragrafi:



Ogni forma di dissenso verrà repressa o silenziata. La nostra libertà sarà condizionata al rispetto integrale di regole degradanti e con controlli sempre più pervasivi. Il governo assumerà una forma oligarchica, smaccatamente assolutista e totalitaria (ndr: Onorevole, il nostro governo ha già iniziato da un pezzo).
Una vita appagante e serena verrà garantita soltanto a una ristretta cerchia di privilegiati, pronti a tutto pur di restarci. (ndr: la classe politica intorno a Draghi? ). Ogni confine etico verrà travolto. La comunicazione ridotta a pura propaganda (ndr: essì perché adesso invece... sono due anni che siamo a TV Covid e a TeleSiringa).
Se non siamo disposti a lottare con tutte le nostre forze per fermare questo progetto, diverrà realtà quanto prima immaginiate e poi sarà tardi per rimediare. Anche chi oggi si sente al sicuro, verrà spogliato di ogni diritto. Per questo dobbiamo reagire subito. Tutti.

Sono d'accordo su tutto, e la ringrazio per la schiettezza con la quale tratta argomenti riservati a pochissimi siti del web. Ma, la verità è che il popolo italiano è rimasto solo e senza una guida. Eppure insorge lo stesso, ma poi viene represso brutalmente dalla polizia. Specie nei grandi capoluoghi come a Milano e a Roma. Ma lo si è visto, anche a Trieste con la scena degli idranti. Nessuno di voi parlamentari viene a sporcarsi nelle dimostrazioni pubbliche. Meloni? Salvini? Desaparicidos! Non pervenuti ed è solo un esempio. Non vorrei che questo appello che ovviamente condivido nonostante avrebbe dovuto essere lanciato molto tempo prima, fosse il solito, armiamoci e partite! In quanti siete nel Parlamento europeo a portare avanti le nostre istanze? In quanti sono nel Parlamento italiano dove i parlamentari hanno accettato di biascicare sotto un' umiliante mascherina, a farlo per davvero? Fuori nomi e cognomi!... Quel "Anche se oggi si sente sicuro", vale anche per voi. Nessuno è più al sicuro.
Onorevole, lei l'ha letta Ida Magli? In tempi non sospetti (1997) descrisse l'Unione Europea come l'Unione del Male. L''Europa è il vero problema, non la soluzione. Leggere la carta della CEDU (Corte europea dei diritti dell'uomo)) non significa sentirsi al sicuro. E noi la Troika ce l'abbiamo già in casa, con quel Draghi della BCE che ne era parte.

Giorno di S. Nicola di Bari

Nessun commento:

Posta un commento