L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 30 gennaio 2022

Impossibile per gli Stati Uniti battere Eurasia

I piani di Russia e Cina in Ucraina e non solo. Report Ft



Per Cina e Russia la crisi in Ucraina fa parte di una lotta per ridurre il potere americano e rendere il mondo sicuro per gli autocrati

L’alleanza occidentale ha minacciato il Cremlino di sanzioni “massicce” e “senza precedenti” se la Russia attaccasse l’Ucraina. Ma, mentre la crisi ucraina raggiunge il punto di ebollizione, è probabile che gli sforzi occidentali per isolare e punire la Russia vengano minati dal sostegno della Cina, il suo gigantesco vicino. Scrive il Financial Times.

Quando Vladimir Putin si recherà a Pechino per l’inizio delle Olimpiadi invernali il 4 febbraio, il presidente russo incontrerà il leader che è diventato il suo più importante alleato: il cinese Xi Jinping. In una telefonata tra Putin e Xi a dicembre, il leader cinese ha sostenuto la richiesta della Russia che l’Ucraina non debba mai aderire alla Nato.

Un decennio fa, una relazione del genere sembrava improbabile: Cina e Russia erano tanto rivali quanto partner. Ma dopo un periodo in cui entrambi i paesi hanno combattuto costantemente con gli Stati Uniti, il sostegno di Xi a Putin riflette una crescente identità tra gli interessi e le visioni del mondo di Mosca e Pechino. Secondo i media cinesi, Xi ha detto a Putin che “alcune forze internazionali stanno interferendo arbitrariamente negli affari interni di Cina e Russia, con il pretesto della democrazia e dei diritti umani”.

Come chiarito dalle osservazioni di Xi a Putin, i leader russo e cinese sono uniti dalla convinzione che gli Stati Uniti stiano complottando per indebolire e rovesciare i loro governi. Nel periodo d’oro del comunismo, Russia e Cina hanno sostenuto le forze rivoluzionarie in tutto il mondo. Ma oggi Mosca e Pechino hanno abbracciato la retorica della controrivoluzione. Quando recentemente sono scoppiati disordini in Kazakistan, Putin ha accusato gli Stati Uniti di aver tentato di sponsorizzare una “rivoluzione colorata” – un termine dato ai movimenti di protesta che cercano di cambiare il governo – in un paese che confina sia con la Russia che con la Cina. Gli alti ministri cinesi hanno fatto eco a queste osservazioni.

LA MANO NASCOSTA DI WASHINGTON

Per la Russia e la Cina, la rivolta in Kazakistan corrispondeva a uno schema. Il Cremlino ha a lungo sostenuto che gli Stati Uniti erano la mano nascosta dietro la rivolta di Maidan in Ucraina del 2013-14, in cui un leader filorusso è stato rovesciato. La Cina insiste anche sul fatto che forze straniere – tipo gli Stati Uniti – erano dietro le enormi proteste di Hong Kong del 2019, che alla fine sono state interrotte da una repressione ordinata da Pechino.

Sia Putin che Xi hanno anche chiarito che credono che l’obiettivo finale dell’America sia quello di rovesciare i governi russo e cinese e che le forze locali pro-democrazia siano il cavallo di Troia dell’America.

Nel 1917, il presidente americano Woodrow Wilson parlava di “rendere il mondo sicuro per la democrazia”. Nel 2022, Putin e Xi sono determinati a rendere il mondo sicuro per l’autocrazia.

Le ambizioni di Russia e Cina, tuttavia, sono lontane dall’essere completamente difensive. Sia Putin che Xi credono che la loro vulnerabilità alle “rivoluzioni colorate” derivi da difetti fondamentali nell’attuale ordine mondiale – la combinazione di istituzioni, idee e strutture di potere che determina come si svolge la politica globale. Di conseguenza, essi condividono la determinazione di creare un nuovo ordine mondiale che accolga meglio gli interessi di Russia e Cina – come definiti dai loro attuali leader.

Due caratteristiche dell’attuale ordine mondiale che i russi e i cinesi spesso contestano sono l'”unipolarità” e l'”universalità”. Detto più semplicemente, essi credono che gli attuali accordi diano all’America troppo potere – e sono intenzionati a cambiarlo.

“Unipolarità” significa che, dopo il crollo dell’Unione Sovietica, il mondo è rimasto con una sola superpotenza – gli Stati Uniti. Fyodor Lukyanov, un pensatore russo di politica estera vicino a Putin, crede che l’unipolarismo “ha dato agli Stati Uniti la capacità e la possibilità di fare qualsiasi cosa abbia ritenuto opportuno sulla scena mondiale”. Egli sostiene che la nuova era dell’egemonia americana è stata inaugurata dalla guerra del Golfo del 1991 – in cui gli Stati Uniti hanno riunito una coalizione globale per cacciare l’Iraq di Saddam Hussein dal Kuwait.

La guerra del Golfo è stata seguita da una successione di interventi militari guidati dagli Stati Uniti in tutto il mondo – compresi la Bosnia e il Kosovo negli anni ’90. Il bombardamento di Belgrado, capitale della Serbia, da parte della Nato nel 1999, è stato a lungo parte dell’argomentazione della Russia che la Nato non è un’alleanza puramente difensiva. Il fatto che le bombe della Nato abbiano colpito anche l’ambasciata cinese a Belgrado non è stato dimenticato a Pechino.

Dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre a New York e Washington, la Nato ha invocato l’articolo 5 – la sua clausola di mutua difesa – e ha invaso l’Afghanistan. Ancora una volta, secondo Lukyanov, l’America aveva dimostrato la sua volontà e capacità di “trasformare con forza il mondo”.

Ma la sconfitta dell’America in Afghanistan, simboleggiata dal caotico ritiro da Kabul nell’estate del 2021, ha dato ai russi la speranza che l’ordine mondiale guidato dagli Usa si stia sgretolando. Lukyanov sostiene che la caduta di Kabul per i talebani non è “meno storica e simbolica della caduta del muro di Berlino”.

Influenti accademici cinesi hanno un orientamento simili. Yan Xuetong, preside della scuola di relazioni internazionali alla Tsinghua University di Pechino (l’alma mater di Xi), scrive che “la Cina crede che la sua ascesa allo status di grande potenza le dia diritto a un nuovo ruolo negli affari mondiali – un ruolo che non può essere riconciliato con il dominio indiscusso degli Usa”.

Come Lukyanov, Yan crede che “l’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti sta svanendo. Al suo posto verrà un ordine multipolare”. Lo stesso presidente Xi l’ha detto ancora più chiaramente con la sua affermazione spesso ripetuta che “l’est sta sorgendo e l’ovest sta declinando”.

Per la Russia e la Cina, la creazione di un nuovo ordine mondiale non è semplicemente una questione di potenza grezza. È anche una battaglia di idee. Mentre la tradizione liberale occidentale promuove l’idea dei diritti umani universali, i pensatori russi e cinesi sostengono che le diverse tradizioni culturali e “civiltà” dovrebbero essere autorizzate a svilupparsi in modi diversi.

Vladislav Surkov, un tempo influente consigliere di Putin, ha denunciato i “ripetuti sforzi infruttuosi della Russia per diventare parte della civiltà occidentale”. Invece, secondo Surkov, la Russia dovrebbe abbracciare l’idea che ha “assorbito sia l’est che l’ovest” e ha una “mentalità ibrida”. In modo simile, i pensatori filogovernativi di Pechino sostengono che una fusione di confucianesimo e comunismo significa che la Cina sarà sempre un paese che sottolinea i diritti collettivi piuttosto che quelli individuali. Essi sostengono che il successo della Cina nel contenere il Covid-19 riflette la superiorità dell’enfasi cinese sull’azione collettiva e sui diritti di gruppo.

Pechino e Mosca sostengono che l’attuale ordine mondiale è caratterizzato dal tentativo americano di imporre le idee occidentali sulla democrazia e i diritti umani agli altri paesi, se necessario attraverso l’intervento militare. Il nuovo ordine mondiale che la Russia e la Cina chiedono sarebbe invece basato su sfere di influenza distinte.

La crisi sull’Ucraina è una lotta sul futuro ordine mondiale perché ruota proprio su queste questioni. Per Putin, l’Ucraina è culturalmente e politicamente parte della sfera di influenza della Russia. Le esigenze di sicurezza della Russia dovrebbero darle il diritto di porre il veto a qualsiasi desiderio ucraino di unirsi alla Nato, l’alleanza occidentale. Mosca chiede anche di agire come protettore dei russofoni. Per gli Stati Uniti, queste richieste violano alcuni principi fondamentali dell’attuale ordine mondiale – in particolare, il diritto di un paese indipendente di definire la propria politica estera e le proprie scelte strategiche.

La crisi ucraina riguarda anche “l’ordine mondiale” perché ha chiare implicazioni globali. Gli Stati Uniti sanno che se la Russia attacca l’Ucraina e stabilisce la propria “sfera di influenza”, si creerà un precedente per la Cina. Durante l’era Xi, la Cina ha costruito basi militari in tutte le aree contestate del Mar Cinese Meridionale. Le minacce di Pechino di invadere Taiwan – un’isola democratica autogestita che la Cina considera una provincia ribelle – sono anche diventate più evidenti e frequenti. Se Putin riesce a invadere l’Ucraina, la tentazione per Xi di attaccare Taiwan aumenterà, così come la pressione interna sul leader cinese da parte di nazionalisti, che percepiscono la fine dell’era americana.

La Russia e la Cina hanno chiare lamentele simili sull’attuale ordine mondiale. Ci sono anche alcune importanti differenze tra gli approcci di Mosca e Pechino. La Russia è attualmente più disposta a correre rischi militari rispetto alla Cina. Ma i suoi obiettivi finali possono essere più limitati. Per i russi, l’uso della forza militare in Siria, Ucraina e altrove è un modo per ripudiare l’affermazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama che la Russia non è più che una potenza regionale. Dmitri Trenin del Carnegie Center di Mosca sostiene che “per i leader del paese, la Russia non è nulla se non è una grande potenza”.

Ma mentre la Russia aspira ad essere una delle grandi potenze del mondo, la Cina sembra contemplare la sostituzione degli Stati Uniti come potenza preminente del mondo. Elizabeth Economy, autrice del libro The World according to China, sostiene che Pechino sta puntando a un “ordine internazionale radicalmente trasformato” in cui gli Stati Uniti sono essenzialmente spinti fuori dal Pacifico e diventano solo una potenza atlantica. Poiché l’Indo-Pacifico è ora il nucleo dell’economia globale, questo lascerebbe essenzialmente la Cina come “numero uno”. Rush Doshi, uno studioso cinese che lavora alla Casa Bianca, affronta un argomento simile nel suo libro The Long Game. Citando varie fonti cinesi, Doshi sostiene che la Cina ora punta chiaramente all’egemonia globale di tipo americano.

UN’OFFERTA PER LA SUPREMAZIA GLOBALE

La differenza nella scala delle ambizioni di Cina e Russia riflette la differenza nel loro potenziale economico. L’economia della Russia è ora all’incirca delle dimensioni dell’Italia. Mosca semplicemente non ha la ricchezza per sostenere un’offerta di supremazia globale. Al contrario, la Cina è ora, secondo alcune misure, la più grande economia del mondo. È anche il più grande produttore ed esportatore del mondo. La sua popolazione di 1,4 miliardi di persone è circa dieci volte quella della Russia. Di conseguenza, è realistico che la Cina aspiri ad essere il paese più potente del mondo.

Ma mentre le differenze nel potenziale economico di Russia e Cina rendono Xi in definitiva più ambizioso di Putin, a breve termine lo rendono anche più cauto. C’è qualcosa della disperazione di un giocatore d’azzardo nella volontà di Putin di usare la forza militare per cercare di cambiare l’equilibrio di potere in Europa. Trenin sostiene che, avendo visto la NATO espandersi in gran parte di quello che una volta era il blocco sovietico, Putin vede l’Ucraina come il suo “ultimo supporto”.

A Pechino, al contrario, c’è una forte sensazione che il tempo e la storia siano dalla parte della Cina. I cinesi hanno anche molti strumenti economici per espandere la loro influenza che semplicemente non sono disponibili per i russi. Un progetto degli anni di Xi è la Belt and Road Initiative, un vasto programma internazionale di infrastrutture finanziate dalla Cina che si estende in Asia centrale, Africa, Europa e nelle Americhe.

Mentre l’America è diventata più protezionista, la Cina ha anche usato il suo potere commerciale per espandere la sua influenza globale. Questo mese ha visto il lancio della Regional Comprehensive Economic Partnership, una nuova vasta area di libero scambio nell’Asia-Pacifico che include la Cina e diversi alleati strategici americani, come il Giappone e l’Australia – a cui gli Stati Uniti non partecipano. Concedere o negare l’accesso al mercato cinese dà a Pechino uno strumento di influenza che semplicemente non è disponibile per Mosca.

Ma il gradualismo funzionerà? O la Russia e la Cina hanno bisogno di qualche tipo di momento drammatico per creare il nuovo ordine mondiale che cercano?

La storia suggerisce che i nuovi sistemi di governo del mondo generalmente emergono dopo qualche tipo di evento politico sismico, come una grande guerra.

Gran parte dell’architettura di sicurezza e istituzionale dell’attuale ordine mondiale è emersa mentre la seconda guerra mondiale si stava chiudendo o nel suo seguito, quando l’ONU, la Banca Mondiale e il FMI sono stati istituiti e le loro sedi erano situate negli Stati Uniti. L’accordo generale sulle tariffe e il commercio (Gatt) entrò in vigore nel 1948. La Nato fu creata nel 1949. Il trattato di sicurezza USA-Giappone fu firmato nel 1951. Anche la Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio, precursore dell’UE, fu fondata nel 1951. Dopo la fine della guerra fredda, le istituzioni rivali sostenute dai sovietici come il Patto di Varsavia sono crollate e Nato e Ue si sono espanse fino ai confini della Russia. La Cina è entrata nell’Organizzazione mondiale del commercio nel 2001, l’evoluzione del Gatt.

La domanda ora è se le ambizioni di Russia e Cina per un “nuovo ordine mondiale” avranno bisogno anche di una guerra per realizzarsi. Un conflitto diretto con gli Stati Uniti è semplicemente troppo pericoloso nell’era nucleare e non accadrà a meno che tutte le parti non facciano male i calcoli (il che è sempre possibile).

La Russia e la Cina possono, tuttavia, ritenere che saranno in grado di realizzare le loro ambizioni attraverso guerre per procura. Una vittoria russa incontrastata in Ucraina potrebbe segnalare che un nuovo ordine di sicurezza sta emergendo in Europa, con una “sfera d’influenza” russa de facto. Una vittoriosa invasione cinese di Taiwan sarebbe ampiamente letta come un segno che l’era del dominio americano del Pacifico è finita. A quel punto, molti paesi della regione che attualmente guardano agli Stati Uniti per la loro sicurezza, come il Giappone e la Corea del Sud, potrebbero scegliere di adattarsi a un nuovo ordine dominato dalla Cina.

In alternativa, un nuovo ordine mondiale potrebbe emergere attraverso la tacita acquiescenza di Washington. Questo risultato non sembra probabile con l’amministrazione Biden al potere, a meno che non ci siano alcune drammatiche concessioni dell’ultimo minuto da parte degli Stati Uniti sull’Ucraina. Ma Donald Trump potrebbe tornare alla Casa Bianca nel 2024.

L’ex presidente degli Stati Uniti a volte ha denigrato la NATO e ha suggerito che gli alleati dell’America in Asia sono dei free-riders. La sua filosofia “America First” ha evitato il linguaggio tradizionale sulla missione americana di sostenere la libertà nel mondo. A volte, Trump è stato anche franco nell’esprimere ammirazione sia per Xi che per Putin. E, come un auto-proclamato costruttore di accordi, Trump è simpatico alle idee di sfere d’influenza.

Eppure Russia e Cina non sembrano inclini a sedersi e aspettare che Trump ritorni alla Casa Bianca. Sanno che anche il partito repubblicano di Trump comprende molti voltagabbana, intenzionati a confrontarsi sia con la Russia che con la Cina. In ogni caso, molto può succedere da qui alle prossime elezioni presidenziali del novembre 2024.

L’impazienza della Russia è chiara dalla volontà di Putin di forzare una crisi sull’Ucraina. Le prospettive di un nuovo ordine mondiale più congeniale alla Russia possono dipendere dal fatto che la sua scommessa ucraina funzioni. Ma anche se Putin non riesce a raggiungere i suoi obiettivi in Ucraina, la minaccia all’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti non scomparirà. Una Cina in ascesa, guidata da un ambizioso presidente Xi, si assicurerà di realizzarla.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Nessun commento:

Posta un commento