L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 27 gennaio 2022

Ivermectina non si deve usare

Se Ivermectina cura anche il Marburg. Per questo la demonizzano…

Maurizio Blondet 27 Gennaio 2022

Parto da un titolo del dr. Mercola (notissimo sito medico USA)


Ossia: Riduce la mortalità Covid dal 62 al 91%, perché è demonizzato

Il soggetto è evidentemente l’Ivermectina. Più sotto posterò l’articolo, che illustra un (altro) caso di analisi scientifica contro l’Ivermectina, dopo la quale si è scoperto che lo scienziato di Liverpool che aveva condotto lo studio s’era fatto scrivere le conclusioni “dagli sponsor”, ossia dalle case farmaceutiche Il dr.Mercola dice che anche in Usa il farmaco – di uso comunissimo anche veterinario prima del Covid – resta difficile da trovare.

Lo stesso è avvenuto anche in Italia. Prima che cominciasse la pandemia, la Sanità aveva provveduto a rendere difficile il reperimento del vecchissimo medicinale – schernito dai media come “vermifugo per cavalli” (che è una delle sue indicazioni) facendolo letteralmente sparire per uso umano; e persino per uso zootecnico , obbligando alla presentazione di ricetta medica del veterinario.

Il fatto che la sparizione sia stata organizzata “prima”, anche da Fauci in USA, dimostra che lorsignori conoscevano perfettamente le ineguagliabili qualità antivirali del medicinale, e la sua disponibilità di massa avrebbe reso impossibile il terrorismo mediatico per Coronavirus, e gli altri sporchi giochi.

Quali? Non vi sarà sfuggito che Big Pharma, cavalcando il terrore pandemico, ha provato a mettere a punto degli antivirali brevettati, ossia vendibili a carissimo prezzo.

Ufficialmente infatti non esistono medicinali capaci dibattere i virus, equivalenti agli antibiotici contro i batteri: la scoperta di uno prometterebbe gli stessi successi (e lucri) che ha portato la messa a punto degli anti-microbici.

I media hanno scritto articoli in cui hanno inneggiato brevemente a queste nuove scoperte come miracolose; nomi come Lopinavir, Molnupravir, e soprattutto Redemsivir sono apparsi: brevettato, quest’ultimo, dalla ebraica Gilead Sciences come – attenzione – “trattamento per la malattia da virus Ebola e le infezioni da virus Marburg”.

Il professor DIdier Raoult ha provato il Redemsivir sui suoi pazienti a Marsiglia, scoprendo –e non tacendo – che “non funziona e provoca insufficienze renali”.

Anche il nostro Silvio Garattini, il farmacologo, pubblicava un articolo dal titolo


di Silvio Garattini

L’8 ottobre scorso l’Unione Europea firmava un accordo con la ditta Gilead, produttrice del Remdesivir, per l’acquisto di 500.000 trattamenti al prezzo di 1,2 miliardi di euro, pari alla cifra non indifferente di 2.400 euro per trattamento. E’ molto difficile capire questo acquisto visto che i dati disponibili pongono molti dubbi sulla reale efficacia del Remdesivir. Infatti è possibile che il Remdesivir abbia prodotto più danni che benefici.

Vedete dunque l’entità del lucro che la Ursula Von der Leyen ha regalato alla Gilead; oggi del Remdesivir nemmeno si parla più, ma l’affare è fatto. Ci sarà un giudice a Berlino? (Non pare).

Insomma: il solo, veri efficace antivirale – e che costa pochissimo – è l’ivermectina. Somministrato all’inizio dell’infezione, contro il Coronaviris ha fatto meraviglie, ampiamente documentate nonostante le censure e le diffamazioni. Siccome anche il virus influenzale è un coronavirus, sarebbe interessante provare ad usarlo ai primi sintomi d’influenza: magari funzionerebbe e rovinerebbe il business miliardario dei vaccni anti-influenzali per i vecchi, dai dubbi risultati. E poiché un virus è un virus, l’ivermectina potrebbe stroncare il virus di Marburg (dai sintomi terrorizzanti) , e l’Ebola, o, perché no, qualunque altro virus “più letale del Covid” di cui Bill Gates ha profetizzato l’arrivo con tanta insistenza da far capire che il nuovo mostro è pronto fresco di laboratorio.

Qui di seguito l’articolo di Mercola:
“Cattiva condotta scientifica” dietro l’ivermectina

A metà febbraio 2021, il dottor Andrew Hill dell’Università di Liverpool ha pubblicato una meta-analisi scientifica di sei studi randomizzati controllati che coinvolgono l’uso di ivermectina in 1.255 pazienti affetti da COVID-19. (Il documento è stato inizialmente pubblicato su un server di prestampa.)

La revisione, finanziata dall’Organizzazione mondiale della sanità e dall’UNITAID, ha rilevato che l’ivermectina aumenta la clearance virale e riduce del 75% i decessi per COVID-19. Questo è un vantaggio piuttosto enorme, ma la conclusione del documento è stata sprezzante, dicendo che erano necessari ulteriori ampi studi clinici per decidere se raccomandarne o meno l’uso.
Hill accusato di cattiva condotta scientifica

All’inizio di aprile 2021, Hill e i suoi coautori sono stati accusati di cattiva condotta scientifica da un gruppo civico francese chiamato Association BonSens. Il video report di TrialSite News del 5 aprile sopra esamina i dettagli di questa storia. BonSens – etichettato da alcuni come un “gruppo controverso” in base alla sua posizione di mandato anti-maschera – ha accusato Hill di manipolazione dei dati per minimizzare l’utilità dell’ivermectina.

Secondo BonSens, l’analisi di Hill è stata poi utilizzata dall’OMS per sconsigliare l’ivermectina, anche se sembra avere un beneficio significativo. BonSens ha invitato Hill a ritirare il giornale, ma Hill è rimasto “risoluto e sostiene lo studio”, ha affermato TrialSite News.

All’epoca, TrialSite News ha affermato di aver avuto una conversazione con “parti rilevanti e associate”, alcune delle quali hanno chiesto di rimanere anonime, le quali affermano che lo studio di Hill è stato in effetti modificato, ma che ciò è stato fatto “separatamente e separatamente dall’investigatore ”, e che Hill non aveva voce in capitolo.

Tuttavia, da allora, uno dei sei studi inclusi nella sua analisi è stato ritirato “a causa di dati fraudolenti”. In un avviso pubblico 1 del 9 agosto 2021, Hill e i suoi coautori hanno affrontato la questione, affermando che avrebbero presentato “una versione rivista che esclude questo studio e il documento attualmente pubblicato verrà ritirato”. Una meta-analisi rivista e aggiornata è stata pubblicata nel novembre 2021. 2

La revisione aggiornata include i dati di 23 studi clinici randomizzati con un totale di 3.349 pazienti. Sono stati esclusi gli studi con “alto rischio di bias”. In questa analisi, Hill ha scoperto che “l’ivermectina non ha mostrato un effetto statisticamente significativo sulla sopravvivenza o sui ricoveri” e ha avuto solo “un effetto significativo al limite della durata del ricovero rispetto allo standard di cura”.

Non è stato rilevato alcun effetto significativo sul tempo di recupero clinico. In conclusione, il documento afferma che l’OMS “raccomanda l’uso dell’ivermectina solo all’interno degli studi clinici”. Curiosamente, afferma anche che “è in corso una rete di grandi studi clinici per convalidare i risultati visti fino ad oggi”. Quali potrebbero essere i risultati? Sicuramente devono riferirsi a risultati positivi, altrimenti difficilmente sarebbe giustificata una rete di sperimentazioni cliniche.

Studi positivi sull’ivermectina sono in gran parte esclusi dalla pubblicazione

Il 3 dicembre 2021, TrialSite News ha intervistato la dottoressa Tess Laurie (sopra) sulle sue analisi di ivermectina e su quella di Hill. Sottolinea che era preoccupata quando ha visto la meta-analisi iniziale pubblicata da Hill, poiché la conclusione non corrispondeva ai dati. La riduzione dei decessi è stata significativa, ma la conclusione è stata sprezzante.

Laurie ha contattato Hill, chiedendogli di spiegarle la sua conclusione. Poi le disse che la conclusione del giornale non era la sua. Era stato scritto dal suo sponsor, l’OMS. Laurie è rimasta scioccata, ha detto, poiché questo le è sembrato un chiaro conflitto di interessi.

Nell’intervista, Laurie discute anche della difficoltà generale che i ricercatori hanno avuto, sin dall’inizio, nel far pubblicare articoli a sostegno dell’ivermectina. Ammette che il suo stesso team ha minimizzato i vantaggi utilizzando analisi estremamente prudenti nel tentativo di essere pubblicata.

“Sembra che, se dici le cose come stanno, non verrai pubblicato perché potresti essere accusato di aver esagerato il tuo caso. E se lo sottovaluti, ti viene detto che non ci sono prove sufficienti”, dice Laurie.
Forti prove per l’ivermectina

Secondo Laurie, le prove dell’ivermectina nel trattamento del COVID-19 sono forti. In una precedente intervista, ha esaminato una meta-analisi di 13 studi che ha riscontrato una riduzione del 68% dei decessi. Una revisione di follow-up che includeva 15 studi ha rilevato una riduzione dei decessi dal 62% al 72%. 3

Un ciclo di cinque giorni di ivermectina alla dose di 12 mg al giorno ha accelerato la clearance virale, riducendo la durata della malattia sintomatica di tre giorni rispetto al placebo (9,7 giorni contro 12,7 giorni).

Una meta-analisi 4 di Laurie e del suo team pubblicata nel numero di luglio-agosto 2021 dell’American Journal of Therapeutics, che includeva 24 studi randomizzati controllati con un totale di 3.406 partecipanti, ha riportato riduzioni della morte comprese tra il 79% e il 91%.

Uno studio pubblicato a febbraio 2021 ha anche riportato che un ciclo di cinque giorni di ivermectina alla dose di 12 mg al giorno ha accelerato la clearance virale, riducendo la durata della malattia sintomatica di tre giorni rispetto al placebo (9,7 giorni contro 12,7 giorni). 5

Secondo Laurie, ciò che rende l’ivermectina particolarmente utile nel COVID-19 è che funziona sia nella fase virale iniziale della malattia, quando sono necessari antivirali, sia nella fase infiammatoria successiva, quando la carica virale diminuisce e gli antinfiammatori diventano necessario.

Il dottor Surya Kant, un medico in India che ha scritto un white paper 6 sull’ivermectina, afferma che il farmaco riduce la replicazione del virus SARS-CoV-2 di diverse migliaia di volte. 7 Il documento di Kant ha portato diverse province indiane a iniziare a usare l’ivermectina, sia come profilassi che come trattamento per COVID-19 nell’estate del 2020. 8

Africa e Giappone sfidano le probabilità con Ivermectin

Anche il Giappone e l’Africa hanno sfidato le probabilità con l’ivermectina. Come riportato da NewsRescue alla fine di agosto 2021, “Melinda Gates, co-presidente della fondazione Bill e Melinda Gates aveva previsto un disastro nel mondo in via di sviluppo, ma finora si è sbagliata di grosso, almeno per quanto riguarda l’Africa. ” 9

Infatti, nonostante abbia quasi 1,4 miliardi di persone, l’Africa ha mantenuto uno dei casi di COVID più bassi e tassi di mortalità al mondo, rappresentando solo il 4% del tasso di mortalità globale riportato a metà maggio 2021. 10 Mentre i media fingono confusione, l’ivermectina potrebbe essere la spiegazione di questo fenomeno.

Uno studio 11 pubblicato alla fine di dicembre 2020 ha rilevato che i paesi africani che hanno partecipato al Programma africano per il controllo dell’oncocercosi (APOC), in cui sono state condotte campagne di massa intensive di ivermectina tra il 1995 e il 2015, avevano una mortalità COVID-19 inferiore del 28% e 8 % di tassi di infezione inferiori rispetto ai paesi non APOC che non hanno partecipato alla campagna di ivermectina.

“Che una campagna preventiva di massa per la salute pubblica contro COVID-19 possa aver avuto luogo, inavvertitamente, in alcuni paesi africani con un uso massiccio di ivermectina nella comunità è un’ipotesi interessante”, hanno affermato gli autori. 12

Allo stesso modo, il Giappone ha visto un massiccio calo dei casi dopo aver adottato l’ivermectina come trattamento standard contro il COVID. 3 novembre 2021, Free West Media ha riportato: 13

“Il capo della Tokyo Medical Association è apparso alla televisione nazionale a settembre esortando i medici a usare Ivermectin e hanno ascoltato. Poco più di un mese dopo, il COVID-19 è sotto controllo in Giappone…

Il Giappone aveva pedissequamente aderito a tutte le prescrizioni di Big Pharma, tra cui quarantena, tracciamento dei contatti, mascheramento, distanza sociale, ma alla fine la pandemia li aveva colpiti duramente dopo aver iniziato la vaccinazione aggressiva nel maggio 2021.

I risultati inizialmente sembravano buoni, ma a metà luglio hanno ricominciato a salire e il 6 agosto i casi hanno raggiunto un nuovo massimo storico e hanno continuato a salire.

L’ivermectina è stata autorizzata come trattamento il 13 agosto e dopo 2 settimane i casi hanno iniziato a diminuire. In effetti, ora sono in calo del 99% rispetto al picco … In Giappone, i medici ora possono prescriverlo senza restrizioni e le persone possono acquistarlo legalmente dall’India”.
I medici sollecitano l’accettazione dell’ivermectina per salvare vite umane

Negli Stati Uniti, la Frontline COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC) ha chiesto un’adozione diffusa dell’ivermectina, sia come profilassi che per il trattamento di tutte le fasi del COVID-19. 14 , 15

Il presidente dell’FLCCC, il dottor Pierre Kory, ex professore di medicina presso il St. Luke’s Aurora Medical Center di Milwaukee, nel Wisconsin, ha testimoniato i benefici dell’ivermectina davanti a una serie di panel COVID-19, tra cui il Comitato del Senato per la sicurezza interna e gli affari governativi a Dicembre 2020, 16 e il National Institutes of Health COVID-19 Treatment Guidelines Panel 6 gennaio 2021. 17 Come notato dalla FLCCC: 18

“I dati mostrano la capacità del farmaco Ivermectin di prevenire il COVID-19, di impedire a coloro che presentano sintomi precoci di progredire verso la fase iperinfiammatoria della malattia e persino di aiutare i pazienti in condizioni critiche a riprendersi.

Il dottor Kory ha testimoniato che l’ivermectina è effettivamente un “farmaco miracoloso” contro COVID-19 e ha invitato le autorità mediche del governo … a rivedere urgentemente i dati più recenti e quindi emanare linee guida per medici, infermieri e assistenti medici per prescrivere l’ivermectina per COVID -19 19 …

… numerosi studi clinici, inclusi studi randomizzati e controllati sottoposti a revisione paritaria, hanno mostrato grandi benefici di ivermectina nella profilassi, nel trattamento precoce e anche nella malattia in stadio avanzato. Presi insieme… dozzine di studi clinici che sono ora emersi in tutto il mondo sono abbastanza sostanziali da valutare in modo affidabile l’efficacia clinica”. 20

Un riassunto di una pagina 21 delle prove cliniche per Ivermectin può essere scaricato dal sito Web FLCCC. Una revisione più completa di 31 pagine 22 dei dati degli studi è stata pubblicata sulla rivista Frontiers of Pharmacology.

Al momento della stesura di questo articolo, il numero di studi che coinvolgono l’ivermectina è salito a 71, di cui 31 studi randomizzati e controllati. Un elenco di tutti gli studi sull’ivermectina eseguiti fino ad oggi, con collegamenti agli studi pubblicati, può essere trovato su c19Ivermectin.com. 23

Il protocollo COVID-19 dell’FLCCC è stato inizialmente soprannominato MATH+ (acronimo basato sui componenti chiave del trattamento), ma dopo diverse modifiche e aggiornamenti, il protocollo di profilassi e trattamento ambulatoriale precoce è ora noto come I-MASK+ 24 mentre il trattamento ospedaliero è stato rinominato I-MATH+, 25 per l’aggiunta di ivermectina.

I due protocolli 26 , 27 sono disponibili per il download sul sito Web di FLCCC Alliance in più lingue.
Prendi il controllo della tua assistenza sanitaria

Se il COVID-19 fosse stata una vera crisi medica e non una scusa per una tirannica presa di potere, ai medici sarebbe stato permesso, anzi incoraggiato, a lavorare insieme per trovare soluzioni. I loro successi sarebbero stati quindi annunciati ovunque. Senza dubbio, l’ivermectina sarebbe stata molto presente in tali rapporti, poiché i medici di tutto il mondo hanno attestato i suoi benefici.

Non è quello che è successo, però, il che ci dice che non abbiamo a che fare con una crisi medica che i governi vogliono effettivamente risolvere. Come riportato dall’FLCCC, i suoi membri sono stati “bloccati nel tentativo di diffondere informazioni scientifiche sull’ivermectina su Facebook e altri social media con la chiusura ripetuta delle pagine dell’FLCCC”. 28

Ricercatori esperti come Laurie non possono pubblicare le loro ricerche e la cosa principale che hanno in comune è che stanno riportando risultati positivi usando l’ivermectina (e altri rimedi comuni). Da quasi due anni, medici e scienziati hanno ripetutamente dimostrato che siamo in grado di controllare l’endemico COVID, anche con nuove varianti. Possiamo salvare la stragrande maggioranza da gravi malattie e morte.

Eppure le “autorità” all’interno del governo, delle agenzie di regolamentazione e delle agenzie sanitarie si sono rifiutate di ascoltare e insistono che c’è solo una via da seguire: abbiamo bisogno di nuove iniezioni di trasferimento genico che dirigono le nostre cellule a sfornare la stessa tossina che rende il COVID-19 così problematico. E quando quei colpi si rivelano falliti, la risposta, dicono questi stessi “leader”, è più booster!

La follia è fare sempre la stessa cosa, aspettandosi risultati diversi. La buona notizia è che puoi scegliere chi ascoltare. Puoi ascoltare esperti medici in prima linea, come l’FLCCC, e seguire i loro consigli.

dr. Joseph Mercola

Nessun commento:

Posta un commento