L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 6 gennaio 2022

Ma cosa gli ha preso alle classi dirigenti dell'intero Occidente? E' forse la Strategia della Paura nata 11 settembre del 2001 portata alle estreme conseguenze? Certo chi sopravviverà in Occidente e non parliamo certo dell'élite avrà la scorza tanto dura da essere capace di evolversi naturalmente e soppiantare l'attuale status di essere umano

I governi ammettono di usare la "psicosi della formazione di massa" come strumento di controllo della popolazione

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
MERCOLEDÌ 5 GENNAIO 2022 - 04:17

Scritto da Paul Joseph Watson via Summit News,

Le affermazioni del Dr. Robert Malone sulla "psicosi della formazione di massa" nel contesto della pandemia di COVID-19 sono sottolineate dal fatto che le autorità del Regno Unito hanno ammesso di utilizzare metodi "totalitari" di "controllo mentale" per instillare la paura nella popolazione.

In Canada, i militari hanno anche ammesso di aver lanciato una campagna di operazioni psicologiche contro il proprio popolo al fine di manipolarli nel rispetto delle restrizioni e dei mandati COVID-19.

Durante il suo podcast virale con Joe Rogan dopo essere stato bandito da Twitter, Malone ha spiegato come la popolazione globale sia stata manipolata per rimanere in un costante stato di ansia isterica attraverso la psicosi di formazione di massa.

"Cosa diavolo è successo alla Germania negli anni '20 e '30? Popolazione molto intelligente e altamente istruita, e sono impazziti abbaiando. E come è successo?" chiese Malone.

"La risposta è la psicosi della formazione di massa."

"Quando hai una società che si è disaccoppiata l'una dall'altra e ha un'ansia fluttuante nel senso che le cose non hanno senso, non possiamo capirlo, e poi la loro attenzione viene focalizzata da un leader o da una serie di eventi su un piccolo punto proprio come l'ipnosi, diventano letteralmente ipnotizzati e possono essere portati ovunque, " ha aggiunto.

"E uno degli aspetti di questo fenomeno è che le persone che identificano come i loro leader, quelle che in genere entrano e dicono che hai questo dolore e posso risolverlo per te. Io e solo io", ha spiegato Malone, "Allora seguiranno quella persona. Non importa se hanno mentito loro o altro. I dati sono irrilevanti".

"Avevamo tutte quelle condizioni. Se ricordi che prima del 2019 tutti si lamentavano, il mondo non ha senso e siamo tutti isolati l'uno dall'altro".

"Poi è successa questa cosa, e tutti si sono concentrati su di essa", ha dichiarato Malone, osservando:

"È così che avviene la psicosi della formazione di massa ed è quello che è successo qui".

Il riassunto di Malone di come le autorità sanitarie hanno colto la minaccia unificante della pandemia di COVID-19 e ne hanno esagerato il filo per creare isteria di massa è supportato da dettagli trapelati su come il governo britannico ha manipolato la sua popolazione durante i primi giorni della pandemia.

Come rivelato per la prima volta dall'autrice e giornalista Laura Dodsworth, gli scienziati nel Regno Unito che lavorano come consulenti per il governo hanno ammesso di utilizzare quelli che ora ammettono essere metodi "non etici" e "totalitari" per instillare la paura nella popolazione al fine di controllare il comportamento durante la pandemia.

Il Telegraph di Londra ha riportato i commenti fatti dai membri dello Scientific Pandemic Influenza Group on Behaviour (SPI-B), un sottocomitato del Gruppo consultivo scientifico per le emergenze (Sage), il principale gruppo consultivo scientifico del governo.

Il rapporto cita un briefing di marzo 2020, quando è stato decretato il primo lockdown, che ha affermato che il governo dovrebbe aumentare drasticamente "il livello percepito di minaccia personale" che il virus pone perché "un numero sostanziale di persone non si sente ancora sufficientemente minacciato personalmente".

Uno scienziato dello SPI-B ammette che "Nel marzo [2020] il governo era molto preoccupato per la conformità e pensava che le persone non avrebbero voluto essere bloccate. Ci sono state discussioni sulla necessità della paura per incoraggiare la conformità e sono state prese decisioni su come aumentare la paura".

Lo scienziato senza nome aggiunge che "il modo in cui abbiamo usato la paura è distopico".

Lo scienziato ha inoltre confessato che "L'uso della paura è stato sicuramente eticamente discutibile. È stato come uno strano esperimento. Alla fine, si è ritorto contro perché la gente si è spaventata troppo".

Un altro scienziato separato della sottocommissione ha professato "Si potrebbe chiamare psicologia 'controllo mentale'. Questo è quello che facciamo... chiaramente cerchiamo di farlo in modo positivo, ma è stato usato nefastamente in passato".

Un altro scienziato ha avvertito che "dobbiamo stare molto attenti all'autoritarismo che si sta insinuando", aggiungendo che "le persone usano la pandemia per prendere il potere e guidare attraverso cose che altrimenti non accadrebbero".

Secondo il rapporto, un altro ricercatore del gruppo ha riconosciuto che "Senza un vaccino, la psicologia è la tua arma principale", aggiungendo che "la psicologia ha avuto un'epidemia davvero buona, in realtà".

Ancora un altro scienziato della sottocommissione ha dichiarato di essere stato "sbalordito dalla militarizzazione della psicologia comportamentale" nell'ultimo anno e ha avvertito che "gli psicologi non sembravano accorgersi quando ha smesso di essere altruista ed è diventato manipolativo".

"Hanno troppo potere e questo li intossica", ha avvertito lo scienziato.

Oltre alla risposta del governo britannico, è stato anche rivelato che l'esercito canadese ha lanciato un programma di operazioni psicologiche contro i propri cittadini nei primi giorni della pandemia per amplificare i messaggi del governo e "scongiurare la disobbedienza civile".

"I leader militari canadesi hanno visto la pandemia come un'opportunità unica per testare le tecniche di propaganda su un pubblico ignaro", ha riferito l'Ottawa Citizen.

Nel frattempo, a seguito dei primi sforzi per seppellire del tutto il termine, Google sta ora disperatamente truccando i suoi risultati di ricerca per restituire solo articoli negativi sulla "psicosi della formazione di massa" e sul Dr. Malone.

L'attuale link ai risultati di ricerca di Google per "psicosi della formazione di massa" è un pezzo di successo di Forbes che ricicla affermazioni dubbie che il Dr. Malone ha già smentito durante la sua apparizione a Rogan.

https://www.zerohedge.com/political/governments-admit-using-mass-formation-psychosis-tool-population-control?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=395

Nessun commento:

Posta un commento