L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 11 gennaio 2022

ma il covid è un'influenza! che poi i decisori politici con le televisioni l'hanno voluta trasformare in qualche altra cosa è un'altro paia di maniche

Sanchez: "Il Covid è meno letale, trattiamolo come l’influenza"

La pandemia si è evoluta e il premier spagnolo pensa a un nuovo modello di valutazione della malattia

aggiornato alle 10:5210 gennaio 2022

© JAVIER SORIANO / AFP
- Il presidente del consiglio spagnolo Pedro Sanchez

AGI - Il primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez, ha avvertito che potrebbe essere il momento di monitorare la pandemia in modo diverso, a causa dell'evidente calo del numero dei morti, confermando notizie diffuse da El Pais, secondo cui il governo sta pensando a metodi di monitoraggio alternativi.

"Abbiamo le condizioni aprire, gradualmente e con cutela, il dibattito a livello tecnico ed europeo, per iniziare a valutare l'evoluzione di questa malattia con parametri diversi da quelli che abbiamo fino ad ora", ha detto Sanchez in un'intervista alla stazione radio Cadena Ser.

Secondo quanto riferito dal Pais, il prossimo passo del governo spagnolo sarà iniziare a curare il Covid in un modo più simile all'approccio ad una comune influenza: senza contare ogni caso di contagio, senza fare test davanti alla comparsa di un minimo sintomo.

Trattarlo insomma come un'altra malattia respiratoria. Le autorità sanitarie spagnole stanno lavorando da mesi a questa transizione.

Nessun commento:

Posta un commento