L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 1 gennaio 2022

Una pandemia che nasce e si protrae sui tamponi farlocchi che non riescono a distinguere il mal di gola, dal raffreddore, da l'influenza. Dispiace e non poco di come hanno imprigionate le menti di milioni di persone

Flurona, la nuova dea dell’idiozia



Il 2021 finisce fra l’alba di un’ultima assurda menzogna e il tramonto di alcune delle precedenti bugie che vengono trasformate e modificate , a dimostrazione che la commedia viene continuamente aggiustata per tenere le persone in stato di confusione e nello stesso cercare di cancellare le tracce del copione che ha guidato l’ultimo anno. Viene da ridere sapendo che il Cdc americano si appresta a togliere qualsiasi valore diagnostico al test pcr, ovvero a quei tamponi che sono lucidamente serviti come arma per creare la pandemia, ma se questo costituisce una liberazione da un’intollerabile impostura, altre ne vengono tirate fuori per dare un senso conseguente a una radicale follia. Ce n’ è una destinata al target più stupido possibile ed è quello che individua la Flurona ossia l’unione tra influenza e covid (fusione di flu e coronavirus) che sarebbe stata trovata in una donna israeliana incinta nell’evidente tentativo di mescolare al fumo qualche archetipo destinato a ficcarsi nella mente.

Ora fino ad ora era scienza consolidata che due infezioni da virus non erano possibili perché l’una prevaleva sempre sull’altra e in effetti la misteriosa scomparsa dell’influenza dalle diagnosi (ma non dalla realtà) di questa malattia era appunto spiegata dal fatto che il coronavirus aveva prevalso sui virus influenzali. Ma non appena Bill Gates ha fatto sapere che ci si orienta verso vaccinazioni periodiche e continuative contro il coronavirus e l’influenza insieme, ecco che dalla scienza medica “a la carte” nasce Flurona, nuova divinità maligna da mettere sugli altari della paura e soprattutto su quello dei guadagni iper miliardari per le multinazionali dei vaccini. I preparati a mRna si sono rivelati pericolosi e inefficaci? Niente paura possono essere recuperati in qualche modo attraverso il matrimonio tra Covid e influenza nel piano fin troppo scoperto di endemizzare la pandemia e farne una specie di rendita infinita per i filantropi, ovvero per i grandi feudatari del nuovo medioevo.

Certo credere alla Flurona dimostra come la narrazione stia sempre più rivolgendosi verso i piani bassi dell’intelligenza, non si azzarda nemmeno a convincere le persone di qualcosa e cerca di colpire gli intestini emotivi con merda già prefabbricata. Anzi visto che adesso le diagnosi di Covid senza tamponi saranno più difficili e contestabili ecco che interviene Flurona a confondere le acque e a permettere di scambiare le comuni ondate di influenza con qualcosa di diverso per cui è necessario obbligare alla vaccinazione. Non so se questo ennesimo tentativo di prendere in giro la gente avrà successo, si direbbe che è davvero troppo anche per gli imbecilli, ma si sa che basteranno 15 giorni di Flurona giorno e notte e anche questa sorta di ircocervo creato a tavolino e magari pompato da qualche virologo televisivo avido dei premi di Big Pharma, potrebbe anche essere creduta.

Nessun commento:

Posta un commento