L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 17 febbraio 2022

Arriva la violenza di stato, quando non c'è la fanno a contenere il dissenso USANO LA FORZA CON VIOLENZA INAUDITA

I manifestanti del "Freedom Convoy" di Ottawa scavano mentre il governo canadese soffre il momento di "Alex Jones"

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
MERCOLEDÌ 16 FEBBRAIO 2022 - 16:25

Di fronte a quasi una dozzina di proteste ispirate al "Freedom Convoy" che sembravano spuntare più velocemente di quanto la polizia e il suo governo potessero disperderle, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha invocato un'emergenza nazionale per attuare ampi poteri di polizia lunedì scorso.

Eppure, i manifestanti e i loro sostenitori hanno continuato, mentre i manifestanti di Ottawa "scavavano", mentre nuove manifestazioni sono sorte in Alberta e Manitoba, ma martedì Trudeau e il suo governo ne avevano chiaramente avuto abbastanza. Avevano bisogno di un nuovo capro espiatorio. Entrano, 13 "manifestanti" che sono stati arrestati presumibilmente a causa del loro coinvolgimento con il blocco di Coutts. La polizia ha affermato di aver sequestrato "13 pistole lunghe e una grande quantità di munizioni in un raid mattutino contro tre rimorchi che facevano parte di un blocco".

Lo ha detto il ministro della Pubblica Sicurezza canadese, Marco Mendicino, durante una conferenza stampa martedì.

"Ci sono stati quelli che hanno cercato di caratterizzare questi blocchi illegali [come] sui vaccini e sui mandati e sulla fatica con la pandemia. Questo non è ciò che sta guidando questo movimento in questo momento", ha detto Marco Mendicino, ministro della Pubblica Sicurezza del Canada, in una conferenza stampa martedì.

"Ciò che sta guidando questo movimento è un gruppo molto piccolo e organizzato che è guidato da un'ideologia per rovesciare il governo attraverso qualsiasi mezzo possano desiderare di usare", ha detto.

In quello che sembrava il preambolo di un altro momento di "Alex Jones", alcuni "esperti di sicurezza nazionale" hanno chiesto al governo canadese di fornire ulteriori "chiarimenti".

I commenti di Mendicino hanno portato alcuni esperti di sicurezza nazionale a chiedere al governo di fornire chiarimenti. "Penso che sia necessario che il governo si spieghi, nella misura in cui può, pur mantenendo la sicurezza nazionale", ha detto Leah West, esperta di sicurezza nazionale presso la Carleton University di Ottawa.

Per sottolineare ulteriormente il loro punto di vista (e spaventare più manifestanti che resistono su Parliament Hill) la polizia ha iniziato a distribuire avvertimenti esortandoli a "andarsene ora" e notando anche che chiunque "blocchi le strade" o aiuti gli altri a bloccare le strade sta ora violando ufficialmente la legge canadese grazie all'ordine di emergenza nazionale di Trudeau, avvertendoli degli arresti di massa.

Basta ricordare che la "minaccia di violenza" è parte integrante dell'argomento di Trudeau per il suo ordine di emergenza nazionale.

I commenti di Mendicino hanno portato alcuni esperti di sicurezza nazionale a chiedere al governo di fornire chiarimenti. "Penso che sia necessario che il governo si spieghi, nella misura in cui può, pur mantenendo la sicurezza nazionale", ha detto Leah West, esperta di sicurezza nazionale presso la Carleton University di Ottawa.

L'ordine ufficiale pubblicato martedì dal governo canadese espone la giustificazione per invocare misure straordinarie ai sensi dell'Emergencies Act e quali poteri specifici utilizzerà. L'ordine afferma che il governo, tra le altre cose, vieterà le proteste che la polizia ritiene possano portare ad attività illegali, proibirà gli assembramenti vicino a infrastrutture critiche come i valichi di frontiera e consentirà alle autorità di requisire i carrelli elevatori per aiutare la polizia a rimuovere i veicoli dei manifestanti.

L'ordine afferma che le proteste nel centro di Ottawa e ai valichi di frontiera costituiscono un'emergenza di ordine pubblico a causa della minaccia di violenza e disordini e dell'interruzione causata alla rete della catena di approvvigionamento e al commercio bidirezionale con gli Stati Uniti.

Questi passaggi probabilmente sono stati letti come comici per chiunque fosse presente a Ottawa questo fine settimana. Ma mentre i manifestanti scavano dentro, sfidare il governo canadese a cercare di interrompere ogni azione individualmente, mentre nuove riemergono continuamente, suona come un frustrante gioco di whack-a-mole, o un nuovo e convincente movimento di base con una manciata di richieste facilmente comunicabili.

In realtà, ciò che sembra essere accaduto a Coutts non potrebbe essere più diverso da questo ritratto. Solo poche decine di manifestanti sono rimasti e sono stati doverosamente detenuti dalla polizia durante un raid prima dell'alba che abbiamo raccontato durante il fine settimanaMa certo, informaci ancora una volta di come questo movimento transnazionale sia davvero il lavoro di una manciata di anarchici squilibrati e suprematisti bianchi.

L'idea che le centinaia di migliaia di persone che hanno contribuito finanziariamente o partecipato direttamente alle proteste possano essere anarchici che cercano di "rovesciare il governo" sembra ancora ridicola sul suo volto. Chris Barber, un organizzatore del gruppo principale dietro le proteste, ha detto che la rimozione dei mandati sui vaccini rimane l'obiettivo principale del movimento: "Tutto ciò che vogliamo è che i mandati sui vaccini Covid siano rimossi", ha detto Chris Barber. "Non c'è mai stato un caso per cercare di rovesciare il governo".

E non c'è mai stato davvero un caso per collegare "il movimento" con le azioni di una manciata dei suoi partecipanti meno ben educati. Ricordate cosa hanno detto quando alcuni giornalisti e agenzie di stampa hanno fatto quelle stesse "connessioni" su BLM?

https://www.zerohedge.com/geopolitical/ottawas-freedom-convoy-protesters-dig-canadian-government-suffers-alex-jones-moment?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=489

Nessun commento:

Posta un commento