L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 9 febbraio 2022

Gli ebrei ricchi vogliono la guerra per arricchirsi di più. Articolo 5 della NATO: se un membro della NATO viene aggredito, tutti i membri hanno l’obbligo nella guerra. Ma ha senso se la NATO fosse un’alleanza ancora difensiva. “chiedete ai cittadini di Irak, Libia, Afganistan, Belgrado” se lo è ancora, ha detto ironico Putin nel suo incontro con Emmanuel Macron.

Dura accusa anglo contro la Germania: “Stai con la NATO o con Mosca?”

Maurizio Blondet 8 Febbraio 2022

A rinforzo delle pressioni brutali che Biden ha fatto sul povero Scholz e a cui sembra che il cancelliere abbia resisto per il momento ( “il presidente Biden ha dichiarato che se la Russia invaderà, il gasdotto NordStream 2 è terminato: il cancelliere ha rifiutato anche di nominare il progetto e ha rifiutato di impegnarsi a porvi fine”, secondo Zero Hedge), un durissimo attacco del britannico (j) Wolfgang Munchau del Financial Times, che configura un’accusa di tradimento e doppio gioco.

Titolo:

Le due Germanie

La Germania finge di essere un partner Nato affidabile, pur avendo le sue relazioni speciali con la Russia. E’ l’ora di fare alcune domande scomode.

Di Wolfgang Munchau

Un indicatore della leadership politica è essere in grado di confrontare la propria parte con domande scomode. Questo è ciò che dovrà fare la Nato con la Germania. Non possono frenare le ambizioni territoriali di Vladimir Putin a meno che non risolvano prima la Germania. Queste sono tre domande che devo porre:
Se la Russia viola i confini dell’Ucraina, la Germania accetterebbe di fermare il Nord Stream 2, anche se la Russia inizialmente limitasse la sua invasione a una piccola parte dell’Ucraina?
Se la Russia invade un paese Nato, la Germania voterebbe per attivare l’art. 5 Clausola di autotutela reciproca?
L’SPD, o gli stati guidati dall’SPD, accettano denaro russo?

È importante che queste domande ricevano risposta in pubblico. In caso contrario, la Germania continuerà a fare un gioco di piedi in due staffe con i suoi partner, come ha già fatto con il Nord Stream 2.

Angela Merkel ha assicurato a Joe Biden, che il Nord Stream 2 sarebbe stato fermato una volta che la Russia avesse usato l’energia come arma strategica.

Putin lo ha già fatto quando ha ridotto i flussi di gas lo scorso autunno. Ma la Merkel e Olaf Scholz non hanno nemmeno preso in considerazione l’idea di sanzionare il Nord Stream 2, perché l’impegno era in primo luogo una menzogna.

Anche se la Germania accettasse di mettere sul tavolo il Nord Stream 2 se la Russia invadesse l’Ucraina, scommetto che si rimangerebbe la parola se la Russia invadesse davvero. La Germania non sacrificherà la sua sicurezza energetica per il bene del Donbas. I tedeschi sono maestri nello spostare i pali della porta.

Ciò che non è pienamente apprezzato altrove è il grado in cui la Germania è diventata un alleato russo.

Non si tratta solo di Gerhard Schröder, anche se la sua influenza nell’SPD è ancora molto forte. Ci sono molti tedeschi che si sentono culturalmente e politicamente più vicini alla Russia. Potrebbero non essere d’accordo con Putin, ma il leader russo è una specie di diavolo che conoscono, mentre il tedesco medio lotta per capire i leader statunitensi come George W. Bush o Donald Trump.

Ricorda le parole di Frank Walter Steinmeier, il presidente tedesco, che disse che i tedeschi non avrebbero mai combattuto contro i russi in nessun caso. Ma da dove viene questa affermazione l’art. 5 – Clausola di autotutela reciproca? – Questo è il motivo per cui la mia seconda domanda sopra è così importante. In realtà credo che il Bundestag non approverebbe un’art. 5 .

A seconda di chi è al governo in quel momento, la Germania potrebbe anche porre il veto a un art. 5 decisione del Consiglio Nord Atlantico. La Nato deve risolvere la questione in anticipo.

Quando dico confrontarsi, non intendo il confronto in modo aggressivo [sic] . Quello che voglio dire è cercare chiarezza sulla loro posizione.

C’è molto poco dibattito in Germania sulle esternalità delle proprie politiche, come il legame diretto tra il modello economico tedesco e la sua ambivalenza di politica estera. Se il tuo modello economico consiste nell’avere avanzi di conto corrente ampi e persistenti nei confronti del resto del mondo, ti rendi vulnerabile alle sanzioni [che noi vogliamo imporre alla Russia, nr.] . È così che i successivi leader tedeschi finiscono per coccolare i dittatori.

Molti paesi dell’UE più piccoli seguono la stessa logica, motivo per cui l’UE non affronta mai la Germania su nulla. L’UE è piena di mini-Germanie. La crisi del debito sovrano dell’area dell’euro riguardava tanto gli avanzi correnti tedeschi quanto i disavanzi greci. La Germania ha cercato, con successo, di inquadrare l’intero dibattito in termini di correttezza di bilancio. E l’UE ha permesso alla Germania di farla franca.

Ma perché la Nato permette alla Germania di fare lo stesso doppio gioco? Uno dei motivi è che la diplomazia tedesca è migliore della sua reputazione. Stanno giocando con abilità al gioco dei fumi e degli specchi. Ma il fattore più importante, penso, sono i preconcetti che derivano da molto tempo fa. Tra le élite statunitensi c’è un grande attaccamento emotivo alla Germania. I leader militari statunitensi ricordano il coraggio di Helmut Schmidt quando ha posizionato missili a medio raggio sul suolo tedesco, nonostante le grandi proteste all’interno del suo stesso partito. Ricordano il ruolo di Helmut Kohl dopo il crollo del comunismo in Europa. E ovviamente adorano le loro BMW e Mercedes. Le élite francesi, e in particolare i presidenti francesi, si definiscono in base alle loro relazioni bilaterali con la Germania, che la Francia ha sempre messo al di sopra dell’UE.

Questa non è una posizione sostenibile, né per l’UE né per la Nato. La Germania è il luogo in cui l’Occidente è più vulnerabile. La scelta per la Nato è tra affrontare la Germania o lasciare che Putin vinca con l’aiuto nascosto del suo più fedele alleato”.

“Putin vince con l’aiuto occulto del suo più fedele alleato” è una accusa gravemente offensiva. Portata da un giornalista, un “privato cittadino”, non consente una risposta diplomatica – tipo convocazione dell’ambasciatore – e può essere detta impunemente. Contiene una implicita minaccia, rivoltante, che palesemente corre negli ambienti NATO, tra Stoltenberg e Londra e Washington contro il nuovo e per questo ancora malcerto governo tedesco, mentre l’anglo può contare sull’atlantismo primario della Baerbock, la ministra de. Indica anche la fretta e l’urgenza che hanno gli anglo ed askenazi di precipitare un conflitto bellico in Europa, chela stacchi in modo traumatico dalla Russia e dalla normalità dei vantaggi reciproci energetici. Spesso, quando giudichiamo la debolezza o l’incertezza di certi governanti, non teniamo conto dell’entità delle minacce – anche personali e concretissime – che ricevono dal superstato gangster e dal suo serpente a sonagli britannico.


Alcuni lettori vedono che Munchau parla dell’articolo 5 della NATO: se un membro della NATO viene aggredito, tutti i membri hanno l’obbligo nella guerra. Ma ha senso se la NATO fosse un’alleanza ancora difensiva. “chiedete ai cittadini di Irak, Libia, Afganistan, Belgrado” se lo è ancora, ha detto ironico Putin nel suo incontro con Emmanuel Macron.

“Vlad ha preso le sue precauzioni…” commenta un lettore francese.

A proposito di questo incontro, Russia Today – che esprime ovviamente il punto di vista di Mosca – dà un giudizio molto migliore e conciliante di quello che aveva dato DWN . Anzi:

Vladimir Putin ha affermato che “alcune delle idee” avanzate da Emmanuel Macron per disinnescare la crisi russo-occidentale sull’Ucraina potrebbero consentire di andare avanti. Ha anche detto di essere pronto a fare di tutto per evitare un’escalation militare.

Il 7 febbraio il presidente russo Vladimir Putin ha stimato che alcune delle idee del suo omologo francese Emmanuel Macron per disinnescare la crisi russo-occidentale sull’Ucraina potrebbero consentire di andare avanti, dopo più di cinque ore di colloqui a Mosca. “Alcune delle sue idee, delle sue proposte […] possono gettare le basi per un progresso comune“, ha detto Vladimir Putin, durante una conferenza stampa congiunta, pur giudicando prematuro esporle pubblicamente“.

Ovviamente, “Putin ha criticato il rifiuto occidentale di accettare le principali richieste della Russia: la fine della politica di allargamento della NATO, l’impegno a non dispiegare armi offensive vicino ai confini russi e il ritiro delle infrastrutture militari dell’Alleanza ai confini del 1997, vale a dire prima che l’organizzazione accogliesse l’ex membri del blocco sovietico al suo interno.

“Vladimir Putin ha anche denunciato gli aiuti militari occidentali all’Ucraina, che sono il vero responsabile dello stallo nei colloqui di pace. “Kiev rifiuta ancora tutte le opportunità per un ripristino pacifico della sua integrità territoriale”, finché la armate, ha affermato. “Il presidente russo ha anche respinto le accuse secondo cui la Russia si sarebbe comportata in modo bellicoso organizzando manovre militari sul suo territorio al confine con l’Ucraina. “Dire che la Russia si sta comportando in modo aggressivo è illogico”, ha detto prima di spiegare: “Non siamo noi che si dirigono verso i confini della NATO”.

Quanto a Macron,arrivato a Kiev per incontrare Zelenski, ha confermato: Putin “mi ha assicurato la sua disponibilità a impegnarsi”, aggiungendo “non c’è sicurezza per gli europei se non c’è sicurezza per la Russia”.

Frase politicamente impegnativa. Non piacerà a Munchau.

Nessun commento:

Posta un commento