L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 3 febbraio 2022

Gli Stati Uniti nascondono la testa nella sabbia e rispondono non rispondendo alle richieste della Russia. Allora Putin si interfaccia direttamente con la Francia, l'Italia, Regno Unito

Russia e Cina chiedono riunione ai 5 membri permanenti dell'Onu
Lo fa sapere il consigliere del Cremlino per la politica estera. "Nel settore del gas si preparano molti accordi" tra Russia e Cina. Putin sentirà oggi Johnson

FOTO
Il complesso degli edifici delle Nazioni Unite (Foto d'archivio)
-

Redazione ANSA ROMA
02 febbraio 2022 16:35 NEWS

La Russia e la Cina chiedono una riunione dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell'Onu, secondo quanto fa sapere Yury Ushakov, consigliere del Cremlino per la politica estera.

Il Cremlino ha annunciato che i presidenti di Russia e Cina, Vladimir Putin e Xi Jinping, esprimeranno le loro opinioni condivise sulla sicurezza internazionale nel corso di un incontro durante i Giochi olimpici invernali di Pechino: lo riporta l'Afp.

"Una dichiarazione congiunta sulle relazioni internazionali che entrano in una nuova era è stata preparata per i colloqui", ha affermato Ushakov aggiungendo che questa rifletterà anche le "visioni comuni" di Mosca e Pechino sulla sicurezza.

Ushakov ha inoltre affermato che "nel settore del gas si preparano molti accordi" tra Russia e Cina. "Non posso dire per ora quali di essi saranno firmati, ma la visita" di Putin a Pechino "segnerà ovviamente un altro passo nello sviluppo della cooperazione nel gas", ha assicurato.

E sempre Ushakov fa sapere che il presidente russo Vladimir Putin avrà oggi una conversazione telefonica con il premier britannico Boris Johnson, che ieri è stato in visita in Ucraina.

Nessun commento:

Posta un commento