L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 27 febbraio 2022

Il sostegno della CIA ai nazisti ucraini ha una lunga storia

26 febbraio 2022
Disarmo dell'Ucraina - Giorno 3

Ieri l'esercito russo ha fermato la sua avanzata per dare il tempo al presidente ucraino Zelensky di accettare colloqui di cessate il fuoco. Gli Stati Uniti, tuttavia, gli hanno detto di non tenere tali colloqui e hanno detto che avrebbe dovuto lasciare Kiev. Fino a questa mattina la Russia non aveva ricevuto alcuna risposta alla sua offerta di cessate il fuoco e ha ripreso l'attacco. Zelensky decise di rimanere a Kiev.

C'erano poche notizie operative dal terreno che potevano essere verificate. Nonostante ciò sono state fatte molte affermazioni sul progresso o meno della campagna russa. Credo che queste affermazioni siano quasi tutte propaganda e mi asterrò dal riprodurle. Situazione approssimativa oggi

"Punti blu = presenza delle forze ucraine / assedio del quartier generale militare o controllo di tutte le strade principali intorno."

Le unità dalla Crimea si stanno muovendo verso nord e est. Il gruppo orientale, insieme a uno spostamento dal Donbas a ovest, dovrebbe circondare le unità ucraine dentro e intorno a Mariupol. Alcune unità ucraine vicino al Donbas sembrano temere di essere circondate e se ne stanno allontanando.

C'è stato un tentativo russo di catturare un altro aeroporto con un assalto aereo. Potrebbe aver fallito. Non ho visto prove concrete per confermarlo in entrambi i modi.

La Russia si è mossa in artiglieria a razzo e mortaio più pesante. Il tocco finora piuttosto leggero dell'artiglieria russa tradizionalmente molto forte potrebbe diventare più forte.

Diversi paesi europei stanno inviando armi in Ucraina. Si tratta per lo più di "piccole cose" come mitragliatrici e missili anticarro. Durante il giorno ci sono state molte reazioni diplomatiche internazionali e promesse. AP ha avuto un aggiornamento in tempo reale che cattura questi.

L'idea di cacciare la Russia da Swift sembra essere ancora su quel tavolo. Sarebbe l'inizio della fine della supremazia del dollaro USA.

L'obiettivo degli Stati Uniti è quello di creare un'insurrezione in Ucraina.

L'invasione della Russia potrebbe scatenare forze che il Cremlino non può controllare

Dal 2015 la CIA ha addestrato gruppi ucraini proprio per questo scopo.

Il sostegno della CIA ai nazisti ucraini ha una lunga storia.


Una nuova insurrezione nazista nell'Europa orientale è una pessima idea. Gruppi fascisti che si formano ovunque si unirebbero. Tra qualche anno potrebbe portare al terrore nazista in molti paesi europei. Non abbiamo imparato davvero nulla dalla guerra in Siria e dalla campagna dell'ISIS?

Pubblicato da b il 26 febbraio 2022 alle 18:15 UTC | Permalink ·

Nessun commento:

Posta un commento