L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 1 febbraio 2022

Ormai è una certezza LA VIGILE ATTESA e Tachipirina hanno prodotto migliaia di morti. Speranza ha delle responsabilità precise, gli consigliamo di dimettersi per salvare un po' di dignità

Terapie domiciliari anti Covid: paracetamolo o antinfiammatori? Inchiesta di Report



Terapie domiciliari Covid: paracetamolo o antinfiammatori? Inchiesta di Report

Nel trattamento dei sintomi lievi del Covid, l’Aifa raccomanda l’uso di paracetamolo, ma ecco cosa dicono gli studi condotti dal professor Remuzzi e le testimonianze di medici, raccolte da Report, che hanno prescritto cure domiciliari con effetti positivi.

Due studi condotti dal professor Giuseppe Remuzzi, direttore dell’istituto Mario Negri, dimostrano che, in caso di cure domiciliari, gli antinfiammatori sono una “valida arma precoce” per il trattamento dei sintomi lievi del Covid, ma il protocollo Aifa consiglia al pari l’uso del paracetamolo (Tachipirina), nonostante gli effetti e i risultati evidenzino differenze nei risultati.

Ecco cosa si evince dagli studi e dalle esperienze di altri medici intervistati dalla trasmissione Report di Rai 3 andata in onda lunedì 31 gennaio 2022.

DISQUISIZIONI LINGUISTICHE SULLA VIGILE ATTESA

La circolare del ministero della Salute, aggiornata al 26 aprile 2021, in merito ai pazienti risultati positivi e in isolamento domiciliare, perché con sintomi lievi, sostiene il principio della “vigile attesa” e la somministrazione di farmaci Fans (antinfiammatori) e Paracetamolo.

“Vigile attesa” è un’espressione che ha fatto molto discutere, tanto che il protocollo è stato prima sospeso dal Tar del Lazio perché “impedisce ai medici l’utilizzo di terapie ritenute idonee ed efficaci al contrasto con la malattia Covid-19” e poi ripristinato dal Consiglio di Stato in attesa del giudizio definitivo atteso per il 3 febbraio.

Silvestro Scotti, segretario generale Federazione medici di medicina generale, a Report ha commentato così la questione: “Credo la parola infelice di quella frase sia ‘attesa’ perché fa pensare che ci sia qualcuno che aspetta e non è così”.

COSA SOSTIENE REMUZZI

Venendo alle cure domiciliari, il professor Remuzzi ha spiegato all’Adnkronos qualche giorno fa che “la capacità degli antinfiammatori di fermare la malattia Covid ai primi sintomi è ormai documentata in modo convincente nella letteratura. Noi abbiamo prodotto due studi al riguardo. E anche altri lavori condotti altrove nel mondo confermano i nostri risultati: indicano cioè che si può ottenere una riduzione molto importante della severità della malattia e dell’ospedalizzazione”.

“Noi – ha chiarito il direttore del Mario Negri – comunque pensiamo che anche gli antinfiammatori vadano presi sotto controllo medico, e riteniamo fondamentale che il medico vada a casa, visiti il paziente e poi lo tenga monitorato anche per telefono”.

PARACETAMOLO VS ANTINFIAMMATORI

La sperimentazione condotta dall’istituto Negri ha prodotto un primo studio pubblicato a giugno 2021 in cui si osserva che su 90 pazienti trattati con le cure precoci si sono registrati 2 ricoveri, mentre nel gruppo di chi precedentemente aveva seguito il protocollo standard erano stati 13.

Adesso, ha annunciato Remuzzi, che è in arrivo una seconda pubblicazione che conferma lo stesso trend.

“Noi utilizziamo nimesulide e ibuprofene, e aspirina per chi è intollerante ai primi due – ha spiegato il professore – Poi c’è un altro studio pubblicato su The Lancet su uno spray nasale, o un preparato anti-asma, che ottiene gli stessi risultati dei nostri lavori: una riduzione molto importante della severità della malattia e dell’ospedalizzazione. E, ancora, abbiamo studi indiani confermati anche da ricerche fatte in Italia, sull’indometacina, che è un altro antinfiammatorio”.

LE TESTIMONIANZE DI CHI HA SOMMINISTRATO SOLO ANTINFIAMMATORI

Report ha intervistato alcuni medici che hanno prescritto ai propri pazienti Covid con sintomi lievi antinfiammatori invece che paracetamolo e hanno notato gli stessi effetti positivi di cui parlava Remuzzi.

A Bergamo il professor Fredy Suter ha detto: “Abbiamo verificato che questi antinfiammatori non solo possono attenuare la sintomatologia della fase iniziale virale ma possono ridurre – e questo è un aspetto estremamente importante – le ospedalizzazioni e probabilmente anche i casi di morte. È essenziale che i farmaci siano somministrati dai primi sintomi”.

Il suo protocollo in questi mesi è stato applicato anche da diversi medici di base sul territorio.

La dottoressa Katia Vezzana ha raccontato: “Il primo paziente Covid che ho trattato – gravissimo – fu mio padre nella prima ondata. Diabetico, cardiopatico, iperteso, quasi allettato l’abbiamo trattato con antinfiammatori. Mio padre si salvò. Da lì pensai: se sono riuscita a tirar fuori mio padre in queste condizioni, si può fare con qualsiasi altro paziente”.

E, infatti, ha aggiunto che, con l’uso precoce degli antinfiammatori, i pazienti “rispondono e guariscono”. Nel suo caso, su 1.600 mutuati le “ospedalizzazioni sono state quasi nulle”.

PERCHÉ GLI ANTINFIAMMATORI DANNO RISULTATI MIGLIORI DEL PARACETAMOLO?

Suter ha poi spiegato la differenza tra antinfiammatori e paracetamolo e perché quest’ultimo non è ugualmente efficace: “Con la tachipirina non si cura l’infiammazione, i farmaci antinfiammatori di cui abbiamo parlato, invece, vanno alla radice del problema, riducono la probabilità di andare in una infiammazione grave. Oggi ci sono delle segnalazioni recenti che dicono che la tachipirina tende ad abbassare il glutatione, che è un antiossidante protettivo”.

PERCHÉ ALLORA AIFA NON CONSIGLIA SUBITO SOLO GLI ANTINFIAMMATORI?

Va ricordato che ci sono anche pazienti allergici a farmaci come i Fans, tuttavia, per gli altri perché non viene subito consigliato di assumere antinfiammatori?

“Gli enti regolatori, tipo Aifa, – ha spiegato Suter – possono dare delle indicazioni solo sulla base di studi scientifici estremamente rigorosi. Il nostro studio ha dei limiti e cercheremo di farne uno il più possibile corretto da tutti i punti di vista”.

“Il problema – gli fa eco Remuzzi – è che non c’è uno studio definitivo come quelli fatti dall’industria, che hanno tutte le caratteristiche degli studi controllati. E allora non si può pretendere che qualcosa di non definitivo venga suggerito dalle autorità regolatorie. Proprio per questo adesso siamo in contatto con l’agenzia italiana del farmaco Aifa per fare uno studio molto grande, che abbia tutte le caratteristiche necessarie per non avere poi obiezioni e per essere considerato come base per raccomandazioni future”.

Infine, Suter lancia una stoccata a chi prende le decisioni: “Purtroppo chi fa le regole, chi dirige, chi parla, chi va ai congressi non è spesso la gente che vede i malati. Personalmente penso, solo con questa norma, io credo che avremmo risparmiato migliaia di morti”.

Nessun commento:

Posta un commento